BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bilanci di sostenibilità Radici Group protagonista delle nuove linee guida

Bilanci di sostenibilità, Radici Group protagonista delle nuove linee guida. Il punto sul modello internazionale Global Reporting Initiative al convegno nell’ambito della Settimana per l’Energia.

Da un lato un’azienda come Autogrill focalizzata sul business del food & beverage verso il consumatore finale, dall’altro una realtà storica bergamasca, Radici Group, leader nei prodotti intermedi chimici, tecnopolimeri plastici e filati sintetici accomunate da un percorso simile che le ha portate ad essere punto di riferimento per l’attenzione alla sostenibilità.

Sono queste le due realtà protagoniste ieri del convegno su “Il nuovo bilancio di sostenibilità secondo la visione del Global Reporting Initiative 4.0” tenutosi nella sede di Confindustria Bergamo nell’ambito della Settimana per l’Energia promossa da Associazione Artigiani e Confindustria Bergamo.

Il Global Report, come ha spiegato Marcello Colla, responsabile area amministrativa e responsabilità sociale d’impresa di Etica SGR, riporta le linee guida internazionali per la elaborazione di un Bilancio di sostenibilità, ossia un rapporto in grado di fornire elementi conoscitivi sull’organizzazione che lo realizza sotto il profilo economico, ambientale e sociale.

“Autogrill – ha spiegato Silvio De Girolamo, group chief international audit & CSR officer – ha avviato un lungo percorso di crescita sulle tematiche sociali e ambientali, sfociato nel Rapporto di Sostenibilità ed ha poi lanciato la Roadmap di Sostenibilità, una guida che definisce gli obiettivi di miglioramento e di innovazione per le società del Gruppo”.

 

 

Per RadiciGroup la sostenibilità, rendicontata nel proprio Sustainability Report redatto secondo le linee guida GRI (Global Reporting Initiative), rappresenta il principale orientamento per tutte le certificazioni dei propri sistemi di gestione. I diversi indicatori monitorati nel Bilancio di Sostenibilità – da quelli economici a quelli relativi a diritti umani, pratiche e condizioni di lavoro, società , ambiente, responsabilità di prodotto – consentono a RadiciGroup di fare della sostenibilità uno strumento di business, di innovazione, di cultura aziendale. Modelli e proposte sono stati dunque protagonisti dell’incontro, moderato da Filippo Servalli, direttore marketing di RadiciGroup, che ha visto intervenire anche Maria Teresa Betti, corporate marketing & communication di RadiciGroup.

"L’applicazione delle linee guida della GRI – ha spiegato – ha generato un ripensamento della nostra strategia complessiva sul fronte di una sostenibilità diventata sinonimo di impegno non solo ambientale ed economico, ma anche sociale. Lavorare secondo gli input GRI poi, ci ha permesso di avere un’immagine sempre più chiara e dettagliata di ciò che è il nostro Gruppo, delle sue sfaccettature, dei suoi punti di forza ma anche dei suoi punti deboli, dando un’ulteriore e ancora più forte spinta al miglioramento continuo”.

Diretta conseguenza, il lavoro considerato non solo come strumento di produzione economica ma anche come importante motore di crescita personale e sociale, come forma di attuazione e protezione dei diritti umani.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.