Il DiscDog arriva a Bergamo Spettacolari evoluzioni tra cane e padrone - BergamoNews

Cani gatti e

L'evento

Il DiscDog arriva a Bergamo Spettacolari evoluzioni tra cane e padrone

Il 6 e 7 dicembre alla Valle dei Templi di Caravaggio arriva il primo stage di Discdog, una spettacolare disciplina che, tra divertimento, agilità e concentrazione, rafforza la sintonia tra cane e padrone: due giornate di teoria e pratica da passare tutte in compagnia del proprio amico a quattro zampe.

Arriva direttamente dall’America una delle discipline più spettacolari del momento capace di rafforzare l’intesa e la sintonia tra cane e padrone: si chiama DiscDog e sbarca alla Valle dei Templi di Caravaggio per uno stage diviso in due giornate, il 6 e il 7 dicembre, organizzato con la collaborazione tra Sfc Pet La bottega del cane, Aussie Veneti e Aussi Lombardi.

Otre a regalare momenti di divertimento con il proprio cane, permette di disciplinarlo con l’uso del frisbee.

Il primo stage bergamasco è organizzato in due giornate, entrambe suddivise da una spiegazione teorica per dare un’infarinatura generale ai partecipanti tra origini, tipologie di discdog, regolamenti e federazioni e sicurezza, ed esercizi pratici che consistono nell’insegnamento dell’attività, in modo da poterla applicare in qualsiasi spazio verde: dai lanci e alle impugnature, dal distance a freestyle al bulleye, fino ai primi tricks e al lavoro individuale. Il corso è rivolto a chiunque abbia voglia di passare una giornata assieme al proprio cane, per imparare una nuova attività educativa.

Gli orari dell’evento sono la mattina dalle 9 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 14 alle 18. L’evento si terrà a Caravaggio presso la Valle dei Templi, in Via Bariano. Per ulteriori informazioni e costi contattare Stefano Viganò al numero 3355244264 o all’indirizzo s.vigano@hotmail.it.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it