BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il Pelatino non finisce il Giro”: Morte Pantani, interrogato Vallanzasca

Proseguono le indagini dei pm di Forlì per far luce sulla morte del Pirata e sulla sua squalifica dal Giro d'Italia del 1999, con l'ombra della camorra e delle scommesse

Nuove ombre sulla morte di Marco Pantani. Proseguono le indagini dei pm di Forlì per far luce sulla vicenda e chiarire alcuni lati oscuri sulla squalifica del Pirata al Giro d’Italia del 1999. I carabinieri hanno interrogato in carcere Renato Vallanzasca. L’ex capo della mala milanese aveva raccontato di aver sentito parlare in prigione di un complotto ai danni di Pantani relativo ai controlli sul sangue a Madonna di Campiglio.

Per ora si tratta solo di un atto dovuto dopo la riapertura dell’inchiesta sul caso. Dietro la fine di Pantani, infatti, è spuntata anche l’ombra della camorra e delle scommesse sul Giro d’Italia. Tesi gridata a gran voce dalla madre del Pirata, Mamma Tonina, e alimentata anche da alcune affermazioni shock di Renato Vallanzasca.

All’epoca l’ex boss della Comasina, ergastolano a Opera, dichiarò di essere stato avvicinato da uno sconosciuto che gli disse di far parte di una cosca e gli consigliò di puntare dei soldi sui rivali di Pantani al Giro.

"Non mi permetterei mai di darti una storta. Non so come, ma il Pelatino non finisce la gara", gli avrebbe detto l’affiliato. Suggerimento insistito, anche mentre il Pirata dominava il giro. Il 5 giugno 1999, poi l’affondo: "Visto? Il Pelatino è stato fatto fuori. Squalificato" (con riferimento a test falsati sui controlli del sangue di Pantani).

Quando venne sentito dal magistrato che indagava su Campiglio, Vallanzasca tacque. E fece lo stesso con la madre di Pantani nel 2008. Ora è stato interrogato nuovamente. Si attendono sviluppi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    Marco e’ stato un atleta e un uomo discutibile…poteva piacere o meno…sicuramente se ha perso la vita per colpa della malavita la cosa è molto grave anche perche’ lui ora non c’e’ piu’….

  2. Scritto da kako

    Quanti misteri, ora si faccia chiarezza, Hanno Rovinato un MITO

    1. Scritto da peter

      un mito piuttosto discutibile, anche se pare che nessuno abbia il coraggio di mettere in dubbio il grande pantani: ma magari pensate che i problemi con la cocaina erano colpa di qualche cattivone, che chiudeva la bocca al vostro campione e lo costringeva ad inalare cocaina dal naso.

      1. Scritto da Dario

        Pantani (ciclista) faceva quello che tutti gli altri ciclisti facevano, ne più ne meno (epo). Solo che di base aveva un altro motore per le salite… Tutto qui. Non è l’unico nella storia sportiva mondiale ad eccellere e surclassare gli altri per doti fisiche date dalla natura.

    2. Scritto da paolot

      Bah. Sulle qualità del Pantani campione sportivo, nulla da dire.
      Sulle (pessime) qualità del Pantani uomo, altrettanto (vedere vicenda SUV, ecc)
      Che a dieci anni dalla morte torni magicamente la memoria a qualcuno, mi puzza un pò.
      Che ciò avvenga esattamente quando è apparso finalmente un nuovo idolo del ciclismo italiano, mi puzza tantissimo.
      Forse che qualcuno teme vengano meno i diritti dello sfruttamento dell’immagine?