BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ceruti: “Addio tram, per Expo Bergamo realizzi la cabinovia per Orio”

Gianfranco Ceruti, già presidente della Provincia di Bergamo dal 1992 al 1995 e presidente della Teb dal 2000 al 2009, propone per l'Expò la realizzazione del collegamento Orio-Bergamo con una cabinovia.

Gianfranco Ceruti, già presidente della Provincia di Bergamo dal 1992 al 1995 e presidente della Teb dal 2000 al 2009, propone per l’Expò la realizzazione del collegamento Orio-Bergamo con una cabinovia.

 

Egregio Direttore,

ho letto sul suo giornale di alcuni giorni fa la notizia, ripetuta ormai da troppo tempo, di un rilancio di interesse sul collegamento ferroviario Aeroporto di Orio /stazione ferroviaria. L’Expo è ormai imminente e stiamo ancora discutendo intorno a un’ipotesi sempre più lontana ed irrealizzabile.

Ho l’impressione che si tenti di riprendere un confronto con una parte, FF.SS, che, al di là della disponibilità di massima e di un impegno generico, non pare avere alcuna concreta intenzione di mettere mano alla realizzazione di un’opera che probabilmente non rientra nelle sue strette priorità. Il Comitato appositamente costituito ha sicuramente messo in campo in questi anni, con il supporto della Regione, ogni azione possibile. 

Il risultato è pressochè nullo. Nessun passo in avanti è stato fatto e nemmeno è all’orizzonte una ipotetica soluzione. Forse, ritengo, sia il momento di valutare alternative più percorribili.

Vorrei ricordare oltre al progetto, già esistente ed inviato alla Regione ed al Ministero delle infrastrutture, di collegamento urbano con il tram che prevedeva un costo di realizzo intorno a 70 milioni di euro, anche lo studio di un collegamento attraverso funivia. Tale progetto, elaborato 3 o 4 anni fa dalla Leitner di Vipiteno prevede tre linee di cabinovie che raggiungerebbero la stazione ferroviaria in 8/10 minuti. Il costo allora previsto dell’investimento, da notizie giornalistiche, era intorno a 40 milioni che poteva essere assorbito in gran parte dal gruppo industriale che si proponeva anche per la gestione.

Hannover, Innsbruck, Zurigo, Bolzano, fra altre città, hanno già le loro cabinovie.

Genova ha uno studio avanzato per collegare aeroporto e centro città oltretutto finanziato dalla Comunità Europea. I tempi di realizzazione potrebbero essere contenuti in meno di un anno. L’impatto ambientale parrebbe irrilevante. Fra tutti gli interventi per rilanciare la nostra città e connetterla al mondo che si muove intorno all’Aeroporto, ritengo che il collegamento con la città sia il più importante.

Non perdiamo altro tempo inseguendo il meglio.

Grazie per l’ospitalità

Gianfranco Ceruti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da usiamo il cervello

    l’ennesima sparata dei politicanti lontani dalla realtà. Gli autobus che dall’aeroporto vanno alla stazione ci impiegano 10 minuti e viaggiano semivuoti…Lo sanno anche i sassi che i viaggiatori che arrivano ad Orio vanno Milano e ci vanno meglio con i pullman diretti che con funivie, tram o ferrovie varie…che sarebbero solo un costo per la collettività.
    I soldi sarebbero meglio spesi per gli assi viari previsti e le corsie preferenziali con autobus elettrici

  2. Scritto da MARIO

    ma per expo’ 2085?

  3. Scritto da Agnese

    I bambini hanno avuto una pensata geniale: il PIEDIBUS!!!

  4. Scritto da duca mk

    ma io dico,ma non si può incrementare il servizio di pulman. se piuttosto che spendere i soldi li, li si usassero per abbattere del 50%-60% il costo dell’abbonamento e renderli a basso costo per i turisti, non sarebbe un qualcosa che porterebbe del beneficio alla viabilità. Se costano meno in tantnti lo usano se lo usano ricavi aumentano, usando di più i pulman le strade si liberano da altre macchine e quindi vanno ancora più veloci loro e le auto nel traffico. mi sembra talmente semplice.

    1. Scritto da Andrea

      essendo questa la soluzione più logica, non la adotteranno mai ;(

  5. Scritto da Andrea

    la cabinovia è un qualcosa che serve a portare le persone in montagna, e fargli godere il panorama della montagna, non può essere pensata come collegamento per un aeroporto! l’idea del tram era eccezionale, peccato che tra il dire e il fare c’è sempre un mare

  6. Scritto da lorenzo

    E vai, come al solito.I nostri solerti amministratori sono incapaci di portare risultati minimi e quindi sparano a capocchia una qualche minchionata, così tutti discutono di quella e non di ciò che andrebbe fatto e non si fa.O di come rimuovere gli incapaci.
    La gabinovia, privata e gratuita, è solo una favola per storditi.

  7. Scritto da Luciano Avogadri

    Mi piacerebbe vedere un piano industriale, e vedere aziende private che lo implementino assumendosene tutti i rischi d’impresa, cioè senza i consueti “aiuti pubblici”. Giusto per evitare che diventi il solito carrozzone pubblico mangiasoldi, comunque camuffato.

  8. Scritto da Zanzara

    Mi auguro sia una “provocazione”. Se così fosse perché non pensare anche ad un “tapis roulant”, forse costerebbe ancor meno!

  9. Scritto da Carlo Saffioti

    E’ un’ottima idea. Quando era stata proposta non era stata presa nella giusta considerazione per motivi che non ricordo. Andrebbe ora rivalutata. Tra l’altro rappresenterebbe di per se un’attrazione turistica.

  10. Scritto da kapaelle

    Bellissima idea ,tra l’altro a livello di costi e di impatto sul territorio siamo lontani anni luce da spese per ferrovie e annessi e connessi, senza contare poi la bellezza di poter veder dall’alto la città che collegandola anche con la parte di città alta contribuirebbe non poco come richiamo turistico, ma si sa le idee semplici a volte non attecchiscono….magari con Gori in città qualcosa finalmente cambierà !

    1. Scritto da paolo

      Bisogna vedere se perseguire il “bello”, coincide anche con la ragionevole esigenza di efficienza, normalmente auspicabile in una “navetta” Orio-Bergamo….. Credo che una metro o un tram o il taxi sarebbero più veloci della cabinovia.

      1. Scritto da Giovanni

        Un metro costa 100 volte tanto, un tram 5-6 volte , e se non lo si fa correre in corsia propria diventa lento, il taxi c’è già …
        Svegliatevi, io viaggio spesso per lavoro in Sudamerica e lì le cabinovie le hanno messe nelle città , in meno di un anno da progetto a messa in opera e sono un grande successo , Rio, Medellin, La Paz , Caracas… siamo noi ormai ad avere l’anello al naso purtroppo!