BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dea, vietato sbagliare Dopo 4 ko, col Parma vittoria d’obbligo

L'Atalanta cerca il riscatto dopo 4 sconfitte consecutive: contro il Parma non ci sono alibi, servono punti. Colantuono pronto a cambiare: in cantiere c'è un 4-3-3 con Maxi e D'Alessandro a supporto di Denis. Il Parma si affida a Cassano e a un precedente: l'anno scorso finì 0-4.

Più informazioni su

La classifica, dopo sei giornate, piange per entrambe: Atalanta e Parma si trovano nei bassifondi della gradutaoria, rispettivamente con 4 e 3 punti, e vedono nella sfida del Comunale l’occasione perfetta per rialzare la testa e per centrare la seconda vittoria in campionato. 

Il momento è delicato, soprattutto in casa nerazzurra, dove da quatro turni la casella dei punti è congelata: il calendario ha messo di fronte ai ragazzi di Colantuono Inter, Fiorentina, Juventus e una Sampdoria in forma strepitosa e, se questa è una parziale scusante all’assenza di risultati, contro il Parma non ci sono alibi. 

Nemmeno gli infortuni che tolgono al tecnico di Anzio anche la certezza del modulo, pronto ad essere trasformato in un quasi inedito 4-3-3: senza Estigarribia e Gomez, infatti, vengono a mancare i due esterni titolari e si aprono grandi possibilità per un tridente offensivo composto da Denis, Maxi Moralez e uno tra D’Alessandro e Boakye.

Fondamentali, invece, altri tre recuperi, quelli di Dramè, Carmona, reduci dagli impegni con le rispettive nazionali, e Cigarini: il primo prenderà il solito posto sull’out di sinistra, mentre gli altri due comporranno la cerniera di centrocampo, con tutta probabilità insieme a Baselli. Nessuna novità sulla linea difensiva, dove Sportiello tra i pali, Zappacosta, Biava e Banalouane sono confermatissimi. 

Dal canto suo il Parma arriva a Bergamo consapevole che la classifica inizia a farsi pericolosa e Donadoni prova a ridare certezze ai suoi ragazzi: torna la difesa a tre, con Mendes, Lucarelli e Felipe e un centrocampo a cinque con Rispoli e De Ceglie sulle corsie e il terzetto Acquah, Lodi e Mauri al centro: davanti è tutto sulle spalle di Antonio Cassano, affiancato da uno tra Belfodil e Coda, con il francoalgerino in vantaggio. 

L’ultima volta dei ducali all’Atleti Azzurri d’Italia fu una disfatta: un pesantisimo 0-4 con i gol di Molinaro, autogol di Benalouane, Cassano e Schelotto. Un precedente al quale Colantuono e i tifosi nerazzurri non vogliono nemmeno pensare. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tex

    forza Parma !!!!!!!!!!!!!!

    1. Scritto da solodea

      … se la soddisfazione dei poveri martiri (BS’?) è quella di vedere gli altri andare in malora, anche per oggi ti è andata male …

    2. Scritto da Cris

      Scommettiamo……..