BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Stop invasione” 27 pullman da Bergamo alla manifestazione leghista

La Lega Nord torna in strada al grido di “Stop invasione”. Il Carroccio torna in guerra contro immigrazione e clandestini con una grande manifestazione organizzata sabato pomeriggio a Milano. I bergamaschi, come sempre, saranno in prima fila.

La Lega Nord torna in strada al grido di “Stop invasione”. Il Carroccio torna in guerra contro immigrazione e clandestini con una grande manifestazione organizzata sabato pomeriggio a Milano. I bergamaschi, come sempre, saranno in prima fila. “Le adesioni per la manifestazione “Stop invasione” di sabato a Milano – dichiara Daniele Belotti, segretario provinciale della Lega Nord di Bergamo – continuano ad aumentare. Siamo arrivati a riempire 27 pullman, ma tra oggi e domani contiamo di aumentarli ancora. Solo negli ultimi 4 giorni abbiamo dovuto prenotare altri 5 bus, viste le prenotazioni che sono arrivate grazie agli oltre 100 gazebi organizzati in bergamasca nel fine settimana scorso”. Nella sede provinciale della Lega Nord, così come nelle varie sezioni del territorio, la mobilitazione è in fermento: oltre ai quasi 1500 che hanno già prenotato il pullman, sono migliaia che hanno comunicato che utilizzeranno, per comodità, mezzi propri per raggiungere sabato pomeriggio alle 16.30 la partenza del corteo a Porta Venezia a Milano.

“Alla manifestazione – continua Belotti – saranno presenti anche moltissimi non leghisti: stiamo ricevendo infatti adesioni anche da esponenti di altri partiti di centrodestra e ancor di più da cittadini non impegnati politicamente ma che semplicemente vogliono dire basta a questa invasione di pseudo profughi che stanno portando a costi ormai insostenibili oltre a gravi rischi di carattere sanitario”. Gli autobus partiranno da Bergamo (rondò delle Valli), Albino, Pontida, Bonate Sopra, Ponte San Pietro, Calusco d’Adda, Martinengo, Romano di Lombardia, Clusone, Endine Gaiano, Verdello, San Giovanni Bianco, Almenno San Bartolomeo, Grumello del Monte, Sarnico, Stezzano, Cisano Bergamasco, Osio Sopra, Sedrina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Padania Celtica

    Oltre 80.000 persone! Un po’ meno secondo la questura (e va bè..). Comunque tanti gatti all’evento: non c’è trippa per i detrattori.

  2. Scritto da virgil

    La notizia positiva e’ che sabato pomeriggio a Bergamo si respirerà un aria migliore.

    1. Scritto da Agnese

      Mai quanto quella che respireremo noi a Milano!

    2. Scritto da Padania Celtica

      : DD

  3. Scritto da dante

    C’è un emergenza umanitaria guerre poverta. Le migrazioni nei ricorsi storici ci son sempre state. Non sara la lega a fermarli a menoche salvini e i suoi non vadano a cannoneggiar e le barche

  4. Scritto da Specchio Riflette

    visto che i flussi migratori non li fermerà certo lei con i suoi commenti, mettiamola così: chi non vuole migranti, vada direttamente sulle nostre spiagge a sparare agli esseri umani che arrivano perchè gli altri, presumibilmente, non ne avrebbero il coraggio.

    1. Scritto da Alberto

      Gli altri hanno il coraggio di far arrivare gente per poi non sapere come farla sopravvivere, sta chiudendo il Paese….

  5. Scritto da carmelo

    Come 4 gatti in calore che miagolano di notte

    1. Scritto da immacolato concettino

      E non pensano a noi del sudde..

    2. Scritto da padano doc

      il quinto gatto sono io ..alla faccia tua

  6. Scritto da il polemico

    ormai ci torviamo tra chi vuole prima dare la precedenza agli italiani in difficoltà e se avanza qualcosa ai clandestini o profughi,e chi invece vuole dare la precedenza ai clandestini o profughi e se avanza qualcosa agli italiani in difficoltà.per mettere tutti d’accordo e avere risorse per tutti,la cosa logica sarebbe che chi è favorevole ad aiutarli,dovrebbe ospitarli in casa propia,cosi contenti chi ospita e contenti chi non vuole ospitarli perchè ci pensano i primi a tutto

    1. Scritto da BERGAMASC

      So per certo che anche in alcuni paesi sudamericani della fascia andina più a nord si tende a privilegiare gli immigrati (specialmente se europei o nordamericani e specialmente nel campo lavorativo) a discapito dei residenti.
      Ti consiglio quindi di emigrare in uno di questi paesi, almeno anche tu ti sentirai privilegiato…
      p.s.:occhio ai leghisti locali…

      1. Scritto da Alberto

        Quindi hanno ragione quelli che dicono che è un mondo al contrario, tipo la Lega.

        1. Scritto da BERGAMASC

          Mah…in fin dei conti il mondo gira sempre da quella parte…le migrazioni non le abbiamo inventate oggi…ci sono sempre state…il fatto che in Italia si parlano tanti dialetti è perchè ci sono state tante dominazioni e tante migrazioni dall’esterno…altrimenti parleremmo tutti in “romanesco”….
          Scusa…sai perchè in sudamerica si parla spagnolo e portoghese? Non credi che gli incas/maya/aztechi erano anche loro un pò leghisti verso i “conquistadores”? E gli indiani d’America?

          1. Scritto da Alberto

            Certo che lo erano, e giustamente! Proprio per questo dico che è sacrosanto difendere la propria terra da invasioni esterne, pacifiche o meno, da parte di profughi (da tutelare certo, ma se ce ne fossero 60 milioni pronti a partire dalle coste libiche come ci dovremmo regolare?) o clandestini che siano.