BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Furto al conservatorio di Palermo: ritrovato a Bergamo violino antico

E' stato ritrovato in casa di un collezionista bergamasco uno dei quattro violini che erano stati rubati al conservatorio di Musica "Vincenzo Bellini". Le indagini sono state avviate grazie alla denuncia dell’attuale direttore che, nel 2012, a seguito di una verifica, scoprì l’ammanco di 25 strumenti

E’ stato ritrovato a Bergamo uno dei quattro violini che erano stati rubati al conservatorio di Musica "Vincenzo Bellini". Le indagini sono state avviate grazie alla denuncia dell’attuale direttore che, nel 2012, a seguito di una verifica, scoprì l’ammanco di 25 strumenti ad arco e un’archetto, di proprietà del Conservatorio, risalenti a periodi compresi tra il diciassettesimo e il diciottesimo secolo.

Le indagini hanno permesso di accertare che i furti sarebbero avvenuti, in più riprese, a partire dalla fine degli anni ‘90. I violini, recuperati a Bergamo, Palermo, Catania e Cremona, erano in possesso di privati collezionisti.

"Con la restituzione di quattro pregiati violini – spiegano i carabinieri in una nota – si conclude una prima fase dell’indagine seguita dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Palermo, in merito ad un ingente furto di antichi strumenti ad arco, ai danni del Conservatorio di Musica".

Allo stato attuale, risultano indagate 7 persone, coinvolte a vario titolo nella vicenda. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Vania Contrafatto, sono tuttora in corso per l’individuazione ed il recupero dei rimanenti violini, con accertamenti che vengono estesi anche in ambito internazionale.

Stasera al Conservatorio di Musica, verranno pertanto ufficialmente riconsegnati un violino “Nicolas Augustin Chappuy” (Parigi, 1759), un violino “Israel Kaempffe und Söhne – Markneukirchen” (XIX secolo), un violino “Casimiro Casiglia” (Palermo, 1833) e un violino di scuola marchigiana (XIX secolo).

Si tratta di strumenti di notevole interesse storico-culturale, parte dell’antica collezione del Conservatorio di Palermo, una delle più importanti dell’Italia meridionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.