BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Renzi a Bergamo, reazioni: Pro – “Sfida visionaria” Contro – “Solite promesse”

“Zero contributi per tre anni per chi assume a tempo indeterminato” è il titolo che spicca il giorno dopo la visita del premier all'assemblea di Confindustria Bergamo, alla Persico di Nembro. Matteo Renzi però ha detto molto altro, dall'allentamento del Patto di Stabilità fino all'eliminazione della componente lavoro dell'Irap per 6,5 miliardi di euro. Il presidente di Confindustria Bergamo Ercole Galizzi ha bacchettato il governo sulla finanza creativa, sugli ostacoli posti per la riqualificazione delle zone industriali, il premier ha risposto con precise promesse da attuare già dai prossimi giorni.

“Zero contributi per tre anni per chi assume a tempo indeterminato” è il titolo che spicca il giorno dopo la visita del premier all’assemblea di Confindustria Bergamo, alla Persico di Nembro. Matteo Renzi però ha detto molto altro, dall’allentamento del Patto di Stabilità fino all’eliminazione della componente lavoro dell’Irap per 6,5 miliardi di euro. Il presidente di Confindustria Bergamo Ercole Galizzi ha bacchettato il governo sulla finanza creativa, sugli ostacoli posti per la riqualificazione delle zone industriali, il premier ha risposto con precise promesse da attuare già dai prossimi giorni. Per i sostenitori del premier si tratta di promesse visionarie, per i detrattori le solite promesse.

Abbiamo raccolto i commenti su Twitter

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    E’ una specialità italiana quella di farsi mettere sotto da nanetti, combriccole, ciarlatani.
    Sono certo che, defunti gli anziani che si abbeverano al bugiardino, i giovani che si informano in internet non si faranno più fregare.

  2. Scritto da luna

    Mancava solo che dicesse “scudetto all’Atalanta” …Che pena.

  3. Scritto da verbavolant

    Purtroppo per noi, le parole al nostro premier non costano nulla e producono effetti sull’elettorato che nemmeno lui avrebbe sperato. Poi quando tra un po’ saremo costretti alle macerie la colpa sara’ sempre di qualcun altro.Il vero problema non sono i politici che hanno depredato e continuano a depredare il paese, il problema sono gli italiani che continuano a votarli: PD e CentroDx hanno portato il paese allo sfacelo: nelle ultime europee insieme hanno preso oltre il 65% dei voti! meditate…

  4. Scritto da gigi

    abbiamo la più alta corruzione al mondo, una delle più grandi evasioni fiscali, la fuga dei capitali all’estero (altri 40 miliardi in sei mesi, però vedrete che presto arriverà un bel condono…) e l’unica priorità dell’Italia è l’art. 18???. Ma ci ha preso tutti per fessi?

  5. Scritto da Merlino

    Siamo sicuri che non abbia l’auricolare con il Berlusca che gli suggerisce cosa dire? Se al posto di Renzi ci fossa Berlusconi saremmo già tutti in piazza con le bandiere rosse a manifestare!!! Tre anni di lavoro detassato, poi visto che non c’è più l’articolo 18 licenziamento, pausa di riflessione e nuova assunzione di tre anni a seguire licenziamento e via di questo passo, quale miglior ricetta per ridurre il costo del lavoro.
    Tra Stato, Imprenditore e lavoratore chi ci guadagna?

  6. Scritto da Alberto

    Annuncia 18 miliardi di riduzione delle tasse (di cui almeno 10 comunque non sono una novità, ma un rinnovo) quando nel DEF c’è scritto che la pressione fiscale aumenterà di 0,3 punti: ecco perchè viene chiamato parolaio, e i giornali sussidiati dei pennivendoli…

  7. Scritto da Pietro

    Una “sfida visionaria”, sembra lo Steve Jobs degli italiani….. Che coraggio! Senza tagliare privilegi, sprechi e ruberie. A proposito: anche stamattina belle notizie di onestà su EXPO da parte di Antonio Acerbo. Avanti M5S, l’onestà diverrà di moda!

  8. Scritto da aldo

    a quando promesse e incentivi per il settore arredamento, da un salottiero radical-chic mi aspettavo qualcosa di piu’….

  9. Scritto da Pietro

    Invece di tagliare sprechi e costi della politica e della macchina pubblica più costosa ed inefficiente del mondo (ha soltanto cambiato il nome all’apparato delle provincie, che costano sempre 9 miliardi di euro all’anno), chiede agli altri Paesi di essere indulgenti con noi che siamo indisciplinati…. Oppure di fare gli indisciplinati pure loro! Questo è fuori di melone, fermiamolo!