BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il M5S Bergamo a Roma “Rilanciamo: meno palazzi, torniamo nelle strade”

Gli attivisti bergamaschi del Movimento 5 Stelle tornano dal circo massimo con un carico di entusiasmo e idee per rilanciarsi dopo la tornata elettorale e un'estate piuttosto sonnacchiosa. Ci voleva una scossa e Bergamo l'ha trovata sotto il palco di Beppe Grillo, a stretto contatto con i portavoce in parlamento e soprattutto con gli attivisti provenienti di tutta Italia.

Più informazioni su

Gli attivisti bergamaschi del Movimento 5 Stelle tornano dal circo massimo con un carico di entusiasmo e idee per rilanciarsi dopo la tornata elettorale e un’estate piuttosto sonnacchiosa. Ci voleva una scossa e Bergamo l’ha trovata sotto il palco di Beppe Grillo, a stretto contatto con i portavoce in parlamento e soprattutto con gli attivisti provenienti di tutta Italia. Merito della fama “propositiva” dei grillini bergamaschi e anche di un’azzeccata mossa di marketing: il gufo orobico immortalato da centinaia di fotografi e finito sulle prime pagine di molti giornali. Persino Beppe nazionale non ha potuto sottrarsi. “Bergamaschi eh? – ha detto Grillo prima di abbracciare il gufo – Siete quelli che tenete su mezza Italia”.

GUARDA IL VIDEO

I COMMENTI – Gli oltre cinquanta attivisti arrivati a Roma con ogni mezzo tornano a casa con la consapevolezza di rivoltarsi le maniche (non alla Renzi però). “Con le ultime elezioni siamo entrati nei Comuni, nelle istituzioni: ora però dobbiamo cambiare modo di fare attivismo – spiega Claudio Bonetalli, attivista bergamasco -. Dobbiamo consolidare i gruppi esistenti e crearne di nuovi per dare supporto ai nostri portavoce. Anche per affrontare temi ampi come l’inquinamento, i diritti civili, il turismo, l’aeroporto. Il M5S Bergamo e i portavoce devono avere una voce sola. A questo proposito mercoledì è in programma un’assemblea plenaria per il impostare il lavoro”. Grillo protagonista a Roma, ma non solo lui. Sul palco è salita anche qualche voce non certo in linea con il leader e fondatore. “Il messaggio principale era l’uscita dall’euro e relativo referendum – continua Bonetalli -. Però si è dato anche spazio a chi chiedeva trasparenza dei voti del blog. Grillo si è dimostrato aperto al dialogo. E poi ci si è resi conto che il Movimento deve tornare un po’ alle sue origini. Stare in mezzo alla gente. Meno nei palazzi e più in strada”.

GUARDA IL VIDEO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aldo

    Mart. 14 Grillo a Genova. Una va(la)nga di fischi nella sua citta’. A spalare anche tu Beppe !

  2. Scritto da nino cortesi

    Questo sig. Bonetalli ne ha sparate un paio improprie.
    Una la trasparenza dei voti del blog. Questi sono di sicuro trasparentissimi mentre le liste bloccate….
    La seconda è tornare alle origini, questa proprio non c’entra per niente, forse è lui che ha sbagliato movimento e deve tornare alle origini.
    Verrà sicuramente corretto nella plenaria di mercoledì.

    1. Scritto da Eh sì !

      “trasparentissimi” ? Avete introdotto l'”atto di fede ” obbligatorio ?

  3. Scritto da mirco

    IIl movimento sa che trattenendo l acqua a monte, l energia di una bomba d acqua varrebbe più di tante centrali a carbone..,mentre questi preferiscono drenare velocemente e cementificare.
    SBAGLIANDO I FONDAMENTALI

  4. Scritto da marco

    i salvatori dell’ Italia. Perchè non eravate a Genova a spalare il fango?

    1. Scritto da Luca

      Che pena che fai, con questo commento: sono su tutti i telegiornali gli scandalosi compensi percepiti dai politici e tecnici genovesi che non hanno fatto nulla per mettere in sicurezza il LORO territorio, e sei qui a criticare gli altri……

    2. Scritto da Alberto

      Questa domanda rivolgila agli amministratori pubblici di Genova che percepiscono indennità come funzionari preposti alla prevenzioni dei problemi idrogeologici e non hanno prevenuto nulla! A Genova si rileva uno stato assente che non ha mandato soccorsi. Invece 20 mila giovani si sono attivati scavalcando i burocrati. Renzi, di solito onnipresente, non è andato a Genova “per evitare inutili passerelle”; in realtà per non ricevere contestazioni come il sindaco Doria

    3. Scritto da La verità fa male

      gli altri salvatori dell’Italia erano i mitici “sindaci arancioni” Doria, De Magistris, Pisapia, Marino e si sta vedendo in questi giorni che stanno addirittura facendo rimpiangere i loro disastrosi predecessori

      1. Scritto da peter

        gli altri salvatori dell’italia erano i mitici “figli del dio Po”, Bossi (padre e figli), Rosi Mauro, Roberto Cota, e si sta vedendo in questi anni che stanno addirittura facendo rimpiangere i loro disastrosi predecessori. (PSI? DC?)

  5. Scritto da Antonio Cozzi

    Mai stata un estate sonnacchiosa siamo sempre presenti nelle piazze con la raccolta firme che continua a Treviglio sulle casette dell acqua e mai stati nei palazzi ma sempre con i nostri gazebo tra la gente per la gente

    1. Scritto da nino cortesi

      Ciao Antonio!
      I grillini si distinguono sempre in bellezza, come il mettere nome e cognome quando scrivono.

  6. Scritto da nino cortesi

    Riassumo le due meravigliose giornate. Nel momento clou circa 400.000 persone. Il M5* è un movimento di base orizzontale, non servono leader, per quelli rivolgetevi altrove. Niente TV, noi alzeremmo lo share, meglio che facciano finta di litigare fra loro e continuino a mettere finti grillini, la gente si stancherà e spegnerà la Tv. Via dall’euro con un referendum che va soprattutto nella direzione di un’Italia che si riappropria della sua sovranità. Basta banchieri che comandano i governi

    1. Scritto da ernesto

      Cortesi come sempre i suoi scritti sono incomprensibili.
      Perché le tv dovrebbero evitare di mostrare chi alza lo share?
      Chi sono i finti grillini? Quelli che vanno in tv come di Battista e Di Maio?

    2. Scritto da non cortese

      Tremo al pensiero di governanti che comandano i banchieri!