BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Chirurgia, è boom di ritocchi vaginali: “Ma spesso sono un flop”

Dal 2011 al 2012 l'aumento dei ritocchi "intimi" e' stato del 24%. Lo dice la Sicpre, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, in occasione del suo 63esimo congresso, in corso di svolgimento a Bergamo: "Il rischio e' quello di ottenere, dopo l'intervento, risultati peggiori della situazione di partenza"

Più informazioni su

La richiesta di interventi ai genitali femminili e’ in crescita. In base ai dati raccolti dalla Società’ Italiana di Chirurgia Ginecologica, dal 2011 al 2012 l’aumento dei ritocchi "intimi" e’ stato del 24%.

Lo dice la Sicpre, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, in occasione del suo 63esimo congresso, in corso di svolgimento a Bergamo. "Il rischio e’ quello di ottenere, dopo l’intervento, risultati peggiori della situazione di partenza – dice Massimiliano Brambilla presidente della sessione del congresso dedicata a questo tema -. E’ un pericolo concreto, anche perche’ la ninfoplastica, cioe’ la chirurgia dei genitali femminili, richiede un approccio multidisciplinare complesso, con competenze di ginecologia, chirurgia plastica urologia e medicina rigenerativa. Davvero non e’ alla portata di tutti, ne’ di tutti i centri".

"In alcuni casi la donna considera poco attraente la propria area genitale, benche’ normale, con un impatto negativo sulla vita sessuale – spiega Luigi Frigerio, direttore del Dipartimento Materno-Infantile dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e presidente della Societa’ Italiana di Chirurgia Ginecologica, tra i moderatori della sessione -. A volte c’e’ una vera e propria confusione tra cio’ che e’ normale e anatomicamente corretto e cio’ che e’ ideale. Per questo e’ fondamentale informare la donna attraverso un counselling specifico su procedure di cui non conosciamo ad oggi i risultati a lungo termine.

In tutto questo, il medico ha un ruolo educativo importante, per evitare lo sfruttamento commerciale di una problematica emergente che puo’ avere ricadute significative sulla qualita’ di vita". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Jenni

    è un fenomeno in crescita a causa delle immagini erotiche in cui vengono ritoccate quelle parti, non sto scherzando, vengono ridotte le labbra con photoshop perchè in alcuni paesi la loro dimensione determina la distinzione tra foto erotica e porno e così molte credono di avere genitali eccessivamente evidenti solo perchè quelli sul web sono ritoccati, lo so perchè me l’ hanno detto fotografi e altri addeti ai lavori nel campo del fotoritocco

  2. Scritto da Carlos

    se la usassero un po meglio e bene, non avrebbero bisogno di tutti questi interventi, e come una macchina meglio la usi con attenzione e meno vai dal carrozziere

    1. Scritto da sem

      Mettere il contachilometri?

  3. Scritto da Alberto

    Per me c’è qualcosa che non funziona nel cervello delle persone……. Lo farei lì il “ritocchino”…

    1. Scritto da mario59

      Esatto Alberto…nella maggior parte dei casi, trattasi di persone che non accettano il naturale invecchiamento di se stessi…ben diverso quando si tratta di intervenire per rimediare o migliorare lo stato di salute vero e proprio di una persona.

      1. Scritto da Alberto

        Ma soprattutto certi particolari “dovrebbero” esser visti soltanto dal partner: se non sono esteticamente perfetti il partner storce il naso? Che soddisfazione stare insieme a gente così!!!