BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zogno, casa danneggiata “Chiediamo risarcimento, è colpa della variante”

Crepe che attraversano tutta la facciata della casa, pavimenti seriamente danneggiati, così come i muri e alcuni pilastri. Un edificio che fino a pochi mesi fa non aveva nessun problema strutturale. Colpa delle esplosioni utilizzate per scavare la prima galleria della variante di Zogno? E' la tesi di alcuni residenti di via San Bernardino che hanno deciso di fare causa alla Provincia e all'azienda Itinera per ottenere un risarcimento.

Crepe che attraversano tutta la facciata della casa, pavimenti seriamente danneggiati, così come i muri e alcuni pilastri. Un edificio che fino a pochi mesi fa non aveva nessun problema strutturale. Colpa delle esplosioni utilizzate per scavare la prima galleria della variante di Zogno?

E’ la tesi di alcuni residenti di via San Bernardino che hanno deciso di fare causa alla Provincia e all’azienda Itinera per ottenere un risarcimento. Si parla di una cifra intorno ai 130 mila euro. Prima dell’inizio del cantiere la palazzina non aveva nulla, dopo le esplosioni sono comparse molte crepe. E’ accaduto a più abitazioni delle vie San Bernardino e Inzogno, ma solo i proprietari dell’immobile di via San Bernardino 12/a hanno deciso di andare fino in fondo.

Dopo le prime verifiche sommarie è stato svolto un accertamento tecnico in cui sono state coinvolte tutte le parti in causa. La consulenza ha verificato tutti i danni causati all’edificio. “Il responso per noi è molto confortante – spiega l’avvocato Claudia Testa, che difende gli interessi dei danneggiati -. I tecnici hanno ricondotto con buone probabilità i danni ai lavori relativi alla realizzazione delle gallerie. A seguito del deposito della perizia ho contattato le controparti ma ad oggi non c’è stata nessuna apertura. Nei prossimi giorni provvederemo, pertanto, all’attivazione del giudizio di merito. Parleranno gli atti”.

La scadenza fissata dall’avvocato è la fine di ottobre. Se da via Tasso non ci saranno risposte si procederà. “E’ la strada più probabile – continua l’avvocato Testa – a meno che non ci siano novità la prossima settimana. I danni sono piuttosto ingenti e vogliamo che sia fatta chiarezza sulla vicenda e che il giusto ristoro venga pagato”. I legali di Itinera sono gli unici ad aver preso contatti successivamente al deposito della consulenza. La Provincia (almeno per ora) non ha mai fatto un passo avanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pigmeo

    I danni vengono dal basso

  2. Scritto da Patrizio

    Le verifiche devono essere fatte per conoscere le cause. L’importante che non si paghino esperti a peso d’oro. Che non si inizino storie con avvocati che non hanno mai fine e si conoscono i perchè. Dobbiamo migliorare prendete le strade giuste.

  3. Scritto da Marco

    Prevedo grandi spese in periti, avvocati e ctu. In tutti i casi la vedo durissima…