BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Paure, parole, virus E’ il secondo weekend di BergamoScienza

Anche il secondo fine settimana della XII edizione di BergamoScienza, in corso fino al 19 ottobre, propone un calendario fitto di eventi aperti gratuitamente al pubblico. Numerose conferenze, mostre e laboratori che metteranno in scena lo spettacolo della scienza con ospiti italiani e stranieri di fama mondiale.

Anche il secondo fine settimana della XII edizione di BergamoScienza, in corso fino al 19 ottobre, propone un calendario fitto di eventi aperti gratuitamente al pubblico. Numerose conferenze, mostre e laboratori che metteranno in scena lo spettacolo della scienza con ospiti italiani e stranieri di fama mondiale.

VENERDÌ 10 OTTOBRE

Alle ore 21 al Teatro Sociale, Marco Leona, direttore del dipartimento di ricerca scientifica del Metropolitan Museum of Art di New York, nel corso della conferenza il colore: “4000 anni di esperimenti e scoperte tra arte e scienza” dimostrerà come, utilizzando tecniche fotoniche avanzate, è possibile ricostruire una storia dei materiali dell’arte e quindi una storia materiale dell’arte. Le opere d’arte, gli oggetti di lusso e i reperti archeologici conservati nei musei non rappresentano semplicemente un repertorio di cose belle, ma sono la testimonianza di idee, desideri, conoscenze e capacità tecnologiche di una determinata società, di cui costituiscono la cultura materiale. Tutte le conferenze di sabato 11 e domenica 12 ottobre si svolgeranno al Teatro Sociale.

SABATO 11 OTTOBRE

Alle ore 11, “paure collettive e paure innate”. Claudio Carere, etologo ed ornitologo, in un incontro con l’etologo Enrico Alleva, illustrerà, con una serie di video e analisi “frame by frame” di storni e falchi in azione nei cieli di Roma, le ipotesi su meccanismi e funzioni di tali stupefacenti comportamenti coordinati collettivi.

Segue alle 11,30 “La più grande estinzione di massa di tutti i tempi”. Michael Benton dell’Università di Bristol e Telmo Pievani dell’Università degli Studi di Padova esporranno le loro teorie in merito alle cause che, nel periodo Permiano, condussero all’estinzione il 90% delle specie.

“Il significato delle parole” (ore 15). In che cosa consiste la nostra conoscenza del significato delle parole? Diego Marconi, dell’Università di Torino, proporrà un’ipotesi sull’organizzazione della competenza lessicale e una serie di risultati scientifici che sembrano confermarla.

“L’esplosione faunistica del cambriano e l’origine della moderna biodiversità” (ore 17). In questa conferenza, Jean-Bernard Caron (PhD di Zoologia presso l’Università di Toronto) parlerà della scoperta dei nuovi siti di Burgess Shale, uno dei più ricchi depositi paleontologici al mondo, nei Canadian Rockies e di cosa questi ci possono dire sull’evoluzione animale primordiale.

La giornata si concluderà alle 21 con la conferenza “design e scienza: dalla ricerca sui nanomateriali alla progettazione di sistemi urbani”. Protagonista sarà Martin BechthoId, uno dei ricercatori della Harvard University che stanno delineando nuovi percorsi per la ricerca accademica che collegano i mondi delle scienze esatte e dell’ingegneria con quello del design. Questo approccio interdisciplinare opera su molteplici aree e a diverse scale, dai nanomateriali ai componenti edilizi fino all’ambito urbano, attraverso il progetto REAL Cities | Bergamo 2.(035) avviato in collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo, che guarda a Bergamo come un modello di città nel quale studiare e provare le opportunità derivanti dall’utilizzo delle tecnologie per il miglioramento della qualità della vita di una comunità urbana.

In programma lo spettacolo-laboratorio per i ragazzi “ma la palla è rotonda?” Originale e divertente spettacolo teatrale che permetterà di scoprire le leggi della fisica attraverso gli sport più amati (ore 10 e ore 15 Auditorium di Piazza della Libertà, ore 21 Auditorium Centro Civico Culturale di Treviglio).

DOMENICA 12 OTTOBRE

“La bellezza salverà il mondo?” (9,30) La necessità di nutrire una popolazione in continua crescita in un contesto di instabilità dei mercati agricoli internazionali, cambiamenti climatici, contrazione delle rese agricole, limitata disponibilità di terra e acqua, ci obbligano a ripensare i sistemi di produzione agricola. Come contribuire alla sicurezza alimentare e, allo stesso tempo, preservare le risorse naturali? Ne parleranno Maria Luisa Chiusano esperta di bioinformatica, Idamaria Fusco dottore di ricerca in Storia economica, Desirée A.L. Quagliarotti dottore di ricerca in Economia delle risorse alimentari e dell’ambiente e Alessandro Vitale Dirigente di ricerca del CNR all’Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria di Milano.

Alle 11,30 “capire e misurare la coscienza: un viaggio dalla teoria alla pratica”. Perché la coscienza sparisce quando ci addormentiamo per poi ricomparire, più vivida che mai, durante un sogno? E’ cosciente un uomo che esce dal coma, ma rimane immobile e muto per mesi o anni? Marcello Massimini, medico e neurofisiologo, dimostrerà, attraverso una teoria di recente formulazione, che la coscienza dipende da uno speciale tipo di complessità nei circuiti neuronali. Attraverso una sonda magnetica che invia impulsi nel profondo del cervello si riesce a individuare la presenza di coscienza anche all’interno di cervelli che sono completamente isolati dal mondo esterno.

Alle ore 15: “Sperimentazione animale? Come va avanti la medicina”. Senza la sperimentazione animale si fermerebbe la medicina. Questo assunto è condiviso dalla maggioranza dei ricercatori in ambito biomedico, ma non da tutti, poiché, la questione non è solo se la sperimentazione animale sia utile, ma anche se sia lecita. La tavola rotonda dedicata a questo tema avrà lo scopo di far conoscere a cosa serve e quali metodi si utilizzano nella sperimentazione sugli animali da laboratorio, ma anche quali sono le questioni etiche e politiche che sostengono un rifiuto all’utilizzo di tali metodi; interverranno: l’oncologo molecolare Stefano Casola, la filosofa e blogger Serena Contardi, il medico-neurologo Massimo Filippi, il co-direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia Pier Giuseppe Pelicci e due membri del comitato etico dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano: Massenzio Fornasier e Massimo Reichlin, modera l’incontro il medico-chirurgo Giuseppe Remuzzi.

“hiv, influenza ed epatite c: a ogni virus il suo vaccino” è l’ultima conferenza della giornata. Grazie alle ultime ricerche di Ian Wilson, biologo del gruppo di ricercatori del The Scripps Research Institute, si è determinato che la struttura atomica di molti anticorpi è efficace e può neutralizzare le proteine dell’involucro dei virus dell’HIV-1, dell’influenza e dell’epatite C. Queste informazioni strutturali possono ora essere usate nella progettazione di vaccini.

Tra gli spettacoli: “notti di luce. giovanni xxiii: verso la luce”: Sassofoni, clarinetti, percussioni acustiche ed elettroniche, un quartetto d’archi e la voce sicura di Oreste Castagna in un concerto-racconto che coniuga il timbro jazz alla classicità della musica da camera per narrare l’incontro tra etica cristiana e sviluppo tecnico e scientifico, una riconciliazione avviata e fortemente voluta da Papa Giovanni XXIII, ripresa in seguito da Giovanni Paolo II e conclusasi con la riabilitazione, da parte della Chiesa, della figura di Galileo Galilei (ore 21 Basilica di S.Alessandro in Colonna).

Segnaliamo tra i numerosissimi laboratori: “la chimica in bocca: mangiando si impara!”. Con l’aiuto di studenti in veste di esperti si vivrà una vera e propria esperienza chimica, rigorosamente scientifica, supportata da un’attività ludica: il gioco riprodurrà gli avvenimenti chimici e aiuterà anche a capire il significato sociale e non solo fisiologico del cibo (dal 7 al 17 ottobre, dalle 8,30 in più repliche, Centro Scolastico di Bergamo).

“backstage della banconota – attenti ai falsi!” Per conoscere meglio gli elementi di sicurezza delle banconote e riconoscere i falsi (11 e 12 ottobre, dalle 15 alla Banca d’Italia di Bergamo).

“da gutenberg a photoshop – viaggio nel mondo della stampa”. Un tuffo nella storia della stampa dalla fine del ’400 ai giorni nostri. Particolare attenzione sarà dedicata anche alla storia locale della grafica: Bergamo ha una grande tradizione in questo settore. I ragazzi avranno l’opportunità di giocare con l’inchiostro e con i caratteri mobili riproducendo bozze al torchio manuale ma si confronteranno anche con applicazioni digitali di ultima generazione, in un vero e proprio viaggio nel tempo (dal 6 al 19 ottobre, dalle 9, AFP Patronato S. Vincenzo).

“l’informatica… senza computer!” I computer sono dappertutto e noi li usiamo tutti i giorni. Ma come funzionano? E come ragionano? L’informatica è la scienza affascinante che risponde a queste domande. Le semplici e divertenti attività di questo laboratorio introducono i concetti fondamentali dell’informatica, senza fare uso dei computer (dal 6 al 19 ottobre, dalle 9, ISISS Majorana).

“la scienza nell’orto domestico”. Grazie al metodo investigativo e all’approccio esperienziale, si scoprono le origini e le caratteristiche dei cibi vegetali locali o esotici, seguendo i fili della storia, della geografia, della geometria, della fisica e dell’arte. L’attività laboratoriale terminerà con la visita all’orto botanico di Bergamo (dal 5 al 19 ottobre, dalle 9 in più repliche alla Sala Viscontea).

Segnaliamo anche la mostra: “atmosphera. realtà e miti dei cambiamenti climatici”. Per la prima volta siamo di fronte all’eventualità che l’attività umana contribuisca, in modo parziale o dominante, a modificare il clima terrestre. La mostra mette in primo piano i fattori essenziali del problema dal punto di vista scientifico (dal 4 al 19 ottobre, dalle 9 in più repliche all’ Ex Chiesa La Maddalena).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.