BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cheers!, il locale 2.0 Le ordinazioni si fanno da un’app per smartphone

Un'app per dispositivi mobile che potrebbe rivoluzionare per sempre il rapporto tra barista e cliente all'interno dei locali: si potrà ordinare in completa autonomia dal tavolo e interagire anche con gli altri utenti del locale atrraverso lo smartphone.

Per la quinta edizione di Start cup Bergamo un progetto che potrebbe cambiare per sempre il modo di ordinare nei locali e di interagire con gli altri utenti del locale.

Cheers! è un’applicazione per dispositivi mobili che potrebbe cambiare per sempre il modo di interagire nei locali. Il suo obiettivo è quello di valorizzare il tempo di attesa al tavolo di bar e pub. Un esperienza divertente all’interno del locale, ordinando in completa autonomia dal tavolo attraverso il proprio telefono e la possibilità di interagire con gli altri utenti del locale.

Questa applicazione potrebbe trasformare per sempre l’atto dell’ordinazione e soprattutto l’attesa che in certi locali a volte risulta snervante, e dando al locale un tocco in più. Questa idea nasce tra i banchi dell’università degli Studi di Bergamo grazie ad un gruppo di studenti del corso di Manegement Engineering (Nicola Berera, Dario Fusco, Stefano Leidi, Giulia Luogo e Susanna Rossi), un gruppo con la passione per l’imprenditorialità e per la gestione d’impresa. Al team poi si è unito un graphic-designer (Elena Fichera) e uno sviluppatore di applicazioni professionista (Marco Capoferri).

Attualmente l’idea partecipa a Start Cup Milano Lombardia, una business plan competition organizzata da 8 università e 5 incubatori lombardi, che premia i progetti imprenditoriali più innovativi.

Non una semplice app per ordinare ma una serie di servizi per gli utenti che incrementato l’attrattività del locale e le vendite. Con questa app si può entrare in una social area, grazie alla quale si può interagire con le altre persone presenti nel locale, offrire loro da bere e condividere il tutto sui social network.

Un applicazione che fa si che tutto il locale si senta parte di una community e inoltre si ha anche un maggior controllo sulle vendite. Cosa molto innovativa se ad esempio un utente non ha raggiunto i 18 anni, l’app provvede a non dare al minorenne alcolici in caso lui gli avesse ordinati. Con questa applicazione è possibile poi trovare tutti i locali che utilizzano cheers!

Un trend molto attuale: la digitalizzazione dei processi e l’eliminazione di supporti fisici e cartacei, per le ordinazione al tavolo non è più necessaria la presenza di un cameriere ma basta avere uno smartphone. Lo scopo principale di questa iniziativa è quella di incrementare le vendite e di fidelizzare i clienti, soprattutto in un periodo economico come questo in cui molti bar ed esercizi commerciali fanno fatica ad arrivare a fine mese. Cheers è meno costoso dei sistemi digitali (palmari solitamente) e molto più efficiente del classico sistema cartaceo.

Diversi locali sul territorio bergamasco hanno già risposto all’iniziativa per una fase di test e di lancio. Il nome Cheers deriva da “cin cin” l’atto del brindisi, nome scelto anche per esprimere concetti come l’allegria, l’aggregazione e la socializzazione, motore dell’app il cui fine è l’interazione ed il coinvolgimento dei clienti in un locale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.