BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ubi Banca sceglie Seat: sobrietà e qualità per la flotta aziendale fotogallery

Tra pochi giorni a Bergamo si vedranno circolare Seat Leon e Ibiza personalizzate Ubi Banca. Il quarto gruppo bancario italiano integra la propria flotta aziendale e premia il marchio più giovane e promettente del colosso tedesco, Volkswagen. Simona Bonaldi: "La preferenza di un Gruppo importante come Ubi Banca ci onora".

Più informazioni su

Ubi Banca viaggerà in Seat. Tra pochi giorni, a Bergamo, si vedranno circolare Seat Leon e Ibiza personalizzate Ubi Banca.

Il quarto gruppo bancario italiano integra la propria flotta aziendale – ora parcheggiata sul piazzale della concessionaria – e premia il marchio più giovane e promettente del colosso tedesco, Volkswagen.

“Una garanzia e un ottimo rapporto qualità-prezzo – commenta Stefano Fara, responsabile Seat Gruppo Bonaldi -. Una scelta sobria e scattante, in linea con il Dna Seat".

Colore scelto, il bianco. “Abbiamo riposto piena fiducia nel marchio Seat che, dal 2009, anno da cui siamo concessionari, ci sta indubbiamente ripagando – commenta Simona Bonaldi, amministratore delegato Gruppo Bonaldi – Il mercato retail, anche grazie alla nuova sede di Azzano San Paolo, inaugurata ad inizio 2014 accanto a Supernova (l’outlet dell’usato di Bonaldi) ha dato buoni risultati; ottimi quelli del mercato flotte. Le aziende che scelgono Seat sono attente alla qualità, alle prestazioni e al design, ma anche al ritorno dell’investimento e ai costi d’esercizio: indubbiamente interessanti. La preferenza di un Gruppo importante come Ubi Banca ci onora”.

Seat detiene circa l’1% del mercato italiano.

Nell’ultimo anno, il marchio è riuscito a raccogliere importanti consensi in Italia registrando un + 23%. Soprattutto, grazie alla nuova Leon, le cui vendite in Italia sono aumentate di oltre il 100%.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Eh beh, se anche la polizia si compra BMW, Audi, etc. cosa volgiamo aspettarci da una banca? Che popolo di beoti siamo, poi ci si lamenta che in Italia non c’è lavoro e intanto compriamo tutto dall’estero.

    1. Scritto da Napoleone

      Sono d’accordo con lei. Le aziende italiane dovrebbero acquistare auto italiane, lo stesso vale per le forze dell’ordine. Ma qui c’è il problema: che azienda automobilistica ha l’Italia? E questa azienda, sempre che si possa ritenere italiana, che prodotti vende? C’è qualità nei loro prodotti?
      Il lavoro questa azienda lo porta già all’estero, è campata anni con i nostri soldi. Forse i beoti sono quelli che continuano a compare “italiano”

      1. Scritto da Alberto

        Detto da uno che ha come nick Napoleone, noto svaligiatore di opere d’arte italiane di immenso valore…

      2. Scritto da wwww

        I BEOTI sono quelli che consentono a Fiat di far tutto (e l’altro) che lei dice. Please