BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bonetti punta sull’Italia “Le azzurre ricordano la mia grande Foppa”

Il patron del Volley Bergamo mercoledì sera era ad Assago a seguire la prima gara delle final six dei Mondiali: "In campo ho visto quel carattere bergamasco che ci ha regalato tanti trionfi. Brasile fortissimo e favorito, ma noi abbiamo la spinta del pubblico".

Antonella Del Core, Valentina Arrighetti, Leo Lo Bianco, Francesca Piccinini, Valentina Diouf, Noemi Signorile, Raphaela Folie. C’era tanta, tantissima Foppa mercoledì sera al Forum di Assago nel match che ha consegnato all’Italia di Bonitta un "pezzo" di semifinali: il 3-0 con cui sono stati asfaltati i temutissimi Stati Uniti, infatti, potrebbe consegnare il pass per il penultimo atto della manifestazione alle azzurre ancor prima di scendere in campo con la Russia: se le sovietiche strapperanno almeno un set alle statunitensi questa sera, per l’Italia sarà passaggio del turno matematico.

A fare il tifo per il nutritissimo gruppo di ex rossoblù mercoledì sera c’era anche il patron del Volley Bergamo Luciano Bonetti, che ha assistito a quella che per molti è stata una vera a propria lezione di pallavolo che le italiane hanno inflitto alla corazzata americana: "E’ stato davvero bellissimo – ha commentato a BgNews Bonetti -, in camnpo ho visto quel carattere bergamasco che tante soddisfazioni ha regalato a me e ai tifosi orobici".

Questa Italia le ricorda molto la sua vecchia Foppa?

"Assolutamente sì, e non potrebbe essere altrimenti: il gruppo delle ex Foppa in questa nazionale fa la differenza, come sempre. Ho visto quella voglia di lottare che per anni ha caratterizzato le formazioni del Volley Bergamo".

Quanto le mancano quelle battaglie?

"Tantissimo, non lo posso nascondere. Con molte di quelle ragazze ho vissuto gioie ed emozioni indimenticabili che mercoledì sera ho nuovamente assaporato con grande trasporto. Oggi, purtroppo, a Bergamo le cose sono cambiate ma stiamo comunque cercando di fare di necessità virtù, per vivere il presente nel migliore dei modi. Adesso la nostra realtà è quella di crescere e scoprire nuovi talenti da lanciare poi nei grandi club".

Come Valentina Diouf, ad esempio.

"Esatto. Mercoledì sera vederla fare la differenza contro gli Stati Uniti mi ha dato una gioia speciale".

Non la rivedremo più a Bergamo?

"Il suo cartellino è ancora di nostra proprietà ma dubito fortemente che rivedremo la Diouf con la maglia della Foppa. Lei è destinata ad altri palcoscenici".

Torniamo al Mondiale: quante possibilità ha l’Italia, secondo lei, di vincere la manifestazione?

"Se l’Italia passa il turno come prima in classifica, come ormai credo, potrà incontrare la Repubblica Dominicana e in quel caso le possibilità di arrivare in fondo sono altissime. Poi, a meno di clamorosi colpi di scena, le azzurre troveranno il Brasile. E lì sarà durissima".

Brasile favorito, quindi?

"Sicuramente sì, ma non è mai detta l’ultima parola: l’Italia ha dalla sua un pubblico davvero favoloso che mercoledì ha dato una spinta in più alle ragazze. Se sarà ancora così non sarà facile per nessuno battere queste azzurre".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.