“Le mafie in Lombardia e nella bergamasca” Incontro a Caravaggio - BergamoNews
Libera

“Le mafie in Lombardia e nella bergamasca” Incontro a Caravaggio

Mercoledì 8 ottobre il presidio di Libera – Bassa Pianura Bergamasca “Testimoni di giustizia” organizza un incontro intitolato “Le mani delle mafie… in Lombardia e nella bergamasca, dedicato alla presenza mafiosa sul territorio.

“Le mani delle mafie… in Lombardia e nella bergamasca”. È questo il titolo, ma anche il tema, dell’incontro organizzato mercoledì 8 ottobre a Caravaggio dal presidio di Libera – Bassa Pianura Bergamasca e dal locale gruppo “Amici di Libera”.

L’appuntamento, dedicato alla presenza mafiosa sul territorio, è alle 20.45 all’oratorio, in vicolo san Carlo. Alla serata interverranno il procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Brescia Sandro Raimondi, il giornalista del Corriere della sera Armando Di Landro e il referente del dossier sulla presenza mafiosa nella Bergamasca Nicola Foresti, del coordinamento provinciale di Libera.

Oltre alla serata a Caravaggio, in calendario ci sono ulteriori momenti di confronto e approfondimento in merito alla presenza mafiosa sul territorio bergamasco: il 24 ottobre alle 20.45 l’appuntamento è all’auditorium di Treviglio (largo Marinai d’Italia) e verterà su “le mani delle mafie… sull’ambiente", mentre, nello stesso posto, il 14 novembre alle 20.45 sarà la volta di “Le mani delle mafie… sull’alimentazione".

leggi anche
  • Milano
    Saviano: “Dobbiamo rompere il silenzio sulla mafia in Lombardia”
  • Relazione della dna
    “La ‘ndrangheta ha colonizzato la Lombardia”
  • Polizia
    Mafia in Lombardia, otto arresti nell’operazione della Dda
  • Bergamo
    Mafia al nord Francesco Breviario, Cisl: “Siamo in Lombalabria”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it