BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“I 68ini si sono presi il migliore dei mondi e lo lasciano invivibile”

Il mensile Ctrl ha pubblicato questa riflessione sulla generazione del 68' che “si è mangiata il migliore dei mondi possibili: lasciandoci un mondo invivibile”. Il pezzo è tratto da Calepio press, più che un blog, un centro sperimentale di comunicazione e raccolta di idee differenziate.

Il mensile Ctrl (clicca qui) ha pubblicato questa riflessione sulla generazione del 68′ che “si è mangiata il migliore dei mondi possibili: lasciandoci un mondo invivibile”. Il pezzo è tratto da Calepio press, più che un blog, un centro sperimentale di comunicazione e raccolta di idee differenziate.

Ok ragazzi, gettiamo la maschera, chi vi scrive è il vecio rimba della redazione e quello che vi dirò vi suonerà pessimo. Voi magari vi sentite delle mezze merdine perchè la famiglia vi mantiene, vi fa l’elemosina, vi compatisce: ma la verità è che i vostri padri, le madri, con i nonni, le nonne, gli zii e le zie vi stanno fottendo alla grande (e sfottendo) da almeno vent’anni, da quando siete venuti al mondo. Vi racconto com’è andata veramente.

Quando loro avevano la vostra età, c’era il boom economico, cioè il contrario esatto della crisi: vuol dire che qualsiasi cazzone (q.ca), aprendo una qualsiasi attività, in pochi anni faceva una palata di soldi; vuol dire che q.ca volesse fare il libero professionista, andava all’università gratis, si laureava col sei politico senza aprire un libro, avviava lo studio coi soldi dello stato e in pochi anni faceva una palata di soldi.

Vuol dire che q.ca privo di iniziativa trovava 3000 posti di lavoro in fabbrica, in banca, in ferrovia, in posta, in comune, in regione, con 3000 stipendi l’anno e mesate di malattia, permessi, vacanze premio e premi di produzione più la casa nuova in affitto quasi gratis e la casa di vacanze al mare o in montagna pagate dall’azienda o dall’ente statale. Vuol dire che q.ca universitario il giorno dopo la laurea era di ruolo nelle scuole, negli ospedali, nella pubblica amministrazione, con tutti gli scatti, avanzamenti, assegni familiari, sussidi, promozioni automatiche.

Vuol dire che a 35 anni, volendo, q.ca andava già in pensione, le famose pensioni baby, dopo aver lavorato in pratica 5 anni (+ 5 anni di università/assemblea + 5 anni di maternità o malattia professionale o ferie d’aggiornamento).

Voi invece a 35 anni state ancora facendo stage gratis, e se cercate di fare un’attività da morti di fame in proprio siete assaliti dall’asl o dall’inps o da tutte e due che a prescindere vi chiedono subito 3 o 5 o 7mila euro l’anno (per pagare le pensioni a genitori, nonni, zie, invalidi, cioè a tutta la famiglia, che poi vi fa l’elemosina)

Non parliamo della classe creativa, della bufala grassa di nome made in italy, moda e design, advertising e mass media: qui vi stanno stra-fottendo! La verità è che voi avete studiato, fatto esperienza, gavetta, e siete davvero dei creativi, ma siete dannati a essere dei poveri falliti, mentre loro, i q.ca 68ottini sono ingrassati sentendosi dei geni.

Naturalmente questo quadro è ipebolico e generalizzante: accanto ai q.ca in ogni settore abbiamo tantissimi b.ti – bravi tipi – che nelle scuole, aziende o in proprio hanno dato tanto e tenuto in piedi il paese, mentre i q.ca ingrassavano e dissipavano. Ma la grande verità è che un’intera generazione di q.ca ha fatto un po’ di casino per alcuni anni, dal 68 al 78, facendo collettivi, assemblee, occupazioni, espropri proletari, manifestazioni, e poi anche tirando le bombe, in ogni senso: viene da lì il boom economico, dal cambiare tutto, con le buone o le cattive. E a un certo punto le aziende, o lo stato hanno cominciato a comprare, cooptare, finanziare questi q.ca perchè creassero le loro aziende creative e ad assumere questi q.ca nei giornali e nelle televisioni e nelle case editrici o in qualche ente inutile dedito alla cultura o al turismo.

Quando siete nati voi, negli anni ottanta e novanta, crollato il comunismo, è finita la dinamica sociale, e i q.ca della boom generation si sono compattati, omogeneizzati, destra e sinistra si sono unite per fottere insieme le nuove generazioni. Vi accusano di non avere identità. Vi chiamano x e y generation. Ricevete solo critiche, non vi fanno fare niente, non mollano niente, non cambia niente: e questa è l’origine e la statica della crisi. Si sono presi il migliore dei mondi possibili, e se lo sono mangiato. Adesso vi lasciano un mondo invivibile. E vi accusano di non essere capaci di stare al mondo. Oggi gli ex 68ottini non hanno alcuna intenzione di farsi da parte – come hanno fatto i loro veci! – ma avvinghiati alla cassa e alle poltrone hanno in testa una sola cosa: tenere da parte i soldi per trapianti e staminali, per ringiovanire! Cioè per rubarvi ruolo, posto e futuro.

Sean Blazer

La fotografia è di Alessandre Beltrame / CTRL magazine

Ctrl Magazine #53

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    Beh.. penso che gli anni 80 in italia abbiano fatto molti più guai a livello di indebitamento pubblico, di lavoro e culturale.. anche e soprattutto questo stiamo pagando in questi anni.

  2. Scritto da Patrizio

    Non fatevi ingannare da articoli spot che Vi fanno ricordare solo rovine e non fanno cenno di equità e giustizia. Quella giustizia che negli ultimi 25 anni i politici peggiori hanno demolito, lasciando i corrotti, ladri…..in parlamento. Ora per non parlare di tagli alla politica hanno buttato all’informazione l’art. 18 vogliono togliere ancora un po di giustizia. Licenziare anche senza giusta causa. (tutti sanno cosa vuol dire) Credo che pochi lo capiscono sento frasi pietose.

  3. Scritto da Padania Celtica

    Leppensioni beby! Tutti indignati. Però quando si parla di eliminarle/modificarle: “ah no! Sono diritti acquisiti”. Ma allora perchè i privilegi dei gerarchi fascisti dopo il 45 sono stati aboliti? Erano diritti acquisiti,con regolare promulgamento/legge,anche quelli. Se una decisione è contro la morale la si cancella. E basta.

  4. Scritto da n.ca (sta x n'altro)

    Vogliamo tutto! Per favore

    (almeno dateci i 65 “mare nostrum” che la Lombardia spedisce all’itaglia col residuo fiscale ogni anno)

  5. Scritto da perplesso

    strano che sul blog originale ci sia UN SOLO COMMENTO a questo articolo, mentre qui ha scatenato un numero di commenti degno delle migliori diatribe lega vs. PD. il tema è sicuramente interessante ma l’autore di questo articolo mistifica brutalmente la realtà degli ultimi 45 anni. sarà per questo che non se lo fila (quasi) nessuno.

  6. Scritto da D:

    Prima del mio commento c’erano 68 commenti D:

  7. Scritto da nino cortesi

    Le tenaglie che strozzano ogni cosa sono tenute dai potenti grandi evasori. Quelli del ’68 hanno fatto solo il loro dovere.
    Quando verrà disciplinata la Chiesa con metodo di equità si raddrizzeranno anche le gambe ai cani.

  8. Scritto da stefano b.

    direi articolo abbastanza grossolano e superficiale.
    i 68ini non hanno mai governato
    il disastro è da cercarsi da altre parti
    forse in chi ha arraffato i miliardi degli investimenti statali, o dalla collusione di chi chiudeva un o anche due occhi quando gli stessi evadevano le tasse.
    non certo i 68ini dei quali pochi si sono poi inseriti in questi circuiti.

  9. Scritto da Luana

    D’altra parte, da persone che consideravano conquiste importanti la marijuana, la minigonna, l’aborto, cosa c’era da aspettarsi?

    1. Scritto da bergamasc

      Beh…la minigonna è in effetti una bella conquista :-)

    2. Scritto da Boh ?!

      A dir la verità han governato fondamentalmente la dc , berlusconi e la lega , l’unico momento con i conti a posto è stato quello di Prodi-D’Alema. I numeri sono numeri.

    3. Scritto da Katiusha

      Eilà , hai dimenticato il divorzio , ma sì, quella cosa che hanno sulle spalle tutti i politici per cui voti tu .Mamma mia che intervento.

    4. Scritto da Lucio

      Ma che cosa sta dicendo? Le conquiste sono state ben altre vada a leggere i giornali di quei tempi e visto che anch’io lo sono stato le ricordo che moltissime conquiste del mondo operaio sono state anche per merito di quegli studenti che marciavano al fianco degli operai. E non si scordi che se oggi lei ha qualche diritto in piu come donna lo deve anche a noi. Ma si capisce che lei e’ unabigotta e magari domenica eral al fianco delle “sentinelle”

      1. Scritto da Paolo

        Prima del sessantotto le ditte creavano colonie per mandare in vacanza i dipendenti e le loro famiglie, creavano villaggi per gli operai (Falk, prima Crespi, etc). Evidentemente c’era lavoro e ricchezza! Certo, erano operai e il loro lavoro era duro e malsano. Adesso hanno maggiori diritti, ma sono a casa senza lavoro, in un paese dilaniato “a norma di legge” dagli speculatori e dai politici collusi. Conta più un commesso del senato o un camminatore ASL che un produttore di beni tangibili.

        1. Scritto da Ennio

          Si sente bene ? Il ’68 ha cancellato Falk, Crespi d’adda,forse ha dimenticato di citare la monarchia e le gare con l’albero della cuccagna. Storia e società da che punto di vista li vede ? Dal buco della serratura che guarda su uno sgabuzzino cieco . Il suo intervento è così sbalorditivo da lasciare senza parole !

          1. Scritto da Paolo

            Mi dica lei come mai erano tempi definiti del boom economico e invece ora siamo in recessione. Belli i diritti acquisiti e i tempi migliori, per carità, ma adesso manca il lavoro e gli stipendi…. A causa anche dei manager e politici figli del sessantotto.

          2. Scritto da aris

            eh allora gli Agnelli, sì quelli che stavano facendo fallire la FIAT, sono tutti 68ini? Ed anche i Tanzi, i Gardini (pace all’ anima), idem? Che articolo strampalato e quanta gente che non ha chiara la storia, presa a leggere il Giornale, Libero e padania, vedere Striscia la Notizia……

          3. Scritto da giggi

            boom dopo una guerra. ci vuole una guerra per ripartire?

          4. Scritto da Ennio

            Mi arrendo, è colpa del ’68 . Come in Germania e Francia (sa che il 68 è nato lì ?) . Soprattutto in germania ne portano i segni anche adesso : economia distrutta , corruzione, immoralità pubblica alle stelle. O forse no, forse queste cose le abbiamo noi , forse loro non hanno avuto la dc degli ultimi anni , craxi, berlusconi e la lega . Forse eh, dico forse …….

      2. Scritto da gutembergem

        Magari ricordiamo che i 68i sono gli stessi delle pensioni baby, dei voto politico, gli stessi del Monte dei Paschi, delle Coop dei sindacalisti e politici di professione…di padre in figlio gli stessi!!!
        E comunque non pensarla come lei non significa essere bigotti, chiaro che lei come i 68i tratta gli altri come da bigotti come i suoi predecessori da fascisti. Non cambierete mai…purtroppo per
        l’Italia , neanche con l’evidenza che siete gli unici veri reazionari del nostro paese!!!

        1. Scritto da Incredibile !

          Eeeehhhhh ? Le pensioni baby le ha fatte il governo Rumor (DC = democrazia cristiana nel 1973) . Già la partenza da il senso del cumulo di sciocchezze che dice . Ma lei si è accorto di aver votato per partiti di pregiudicati con un numero di condannati in parlamento mai visto nella storia d’italia ? Con una corruzione senza paragoni , costumi discutibilissimi e , ciliegina sulla torta, ci hanno portato sull’orlo del fallimento ? Sissignore , sto parlando degli amici suoi , non del ’68 !!!

          1. Scritto da La verità fa male

            Guardi che nell’ex PDL era pieno di ex sessantottini …. del resto di solito si dice che chi nasce incendiario diventa pompiere (o se preferisce reazionario). I sindacati pieni di ex sessantottini sono stati corresponsabili di tutte le leggi e il malgoverno italiano: secondo lei la maggior parte degli alti dirigenti di INPS, INAIL, fondi di previdenza, grandi aziende pubbliche e anche molti politici sono piovuti dal cielo o arrivano dai “quadri” sindacali?

          2. Scritto da aris

            si fa sempre notare per parlare a vanvera, senza citare nomi e numeri. Anch’ io posso dire che il PDL è pieno di ex fascisti (La Russa su tutti), e che nelle aziende pubbliche idem (vedi Alemanno e 100 parenti). Quindi? E la Polverini era dell’ UGL, e allora? Per anni le Aziende pubbliche sono state governate malissimo da politici DC, che hanno fatto fallire questo Paese. Non 4 sindacalisti (che comunque hanno una minima parte di colpe sullo sfascio del Paese )

          3. Scritto da Cervelli in Pappa

            Che nel PDL ci fossero anche degli ex sessantottini alla corte di re silvio è un problema suo che li ha votati per 20 anni . Se poi qualche sessantottino ha fatto anche carriera da qualche parte era inevitabile, erano tanti , così come i loro opposti. Che poi voglia trascinare in questo discorso i Lama, Carniti i Cofferati forse è meglio che lasci perdere , non mi pare sia materia di cui lei sappia qualcosa.

  10. Scritto da Baluba

    Fino a prova contraria quelli che ci hanno ridotto in questo stato di degrado sono quelli che comandano, i capitalisti. Gli altri non contano nulla. Non siamo certo stati governati dagli ideali dei 68ini, SVEGLIA che è ora!

  11. Scritto da Gulp !

    Ma l’estensore dell’articolo si rende conto che la “gioventù” ha votato per berlusconi , dell’utri, santanchè, gasparri ecc ecc, per il padre del trota e per grillo ? Generazione di fini intellettuali, di persone attente al proprio futuro che votano Grandi Statisti ? Se mi scompiscio c’è qualcuno che si offende ?

    1. Scritto da Paolo

      Colori i quali hanno potuto votare nel 2014, erano nati almeno nel 1996 o prima… Forse ciucciano ancora da alcune riserve dei genitori o dei nonni (se non sono politici o statali, altrimenti il problema e il quesito non si pone). Forse non hanno ancora toccato ciò che toccherà ai nati dopo il 2010….

      1. Scritto da Gulp !

        E quindi ? Il ragionamento mi sembra discretamente sconnesso , non me ne voglia. Una buona fetta di quelli che hanno avuto la possibilità di votare berlusconi e bossi (protagonisti del fallimento) , oggi hanno dai 18 ai 36 anni cioè la fascia dei disoccupati …… prima ha governato la dc poi dc con craxi per decenni , che c’entra il ’68 ?

    2. Scritto da La verità fa male

      Eh già povera gioventù… pensa che in Lombardia potevano scegliere tra Formigoni e Penati (tu magari hai votato Penati). Pensa che a livello nazionale potevano votare i Lusi, i Tedesco, gli ex segretari sindacali che non hanno mai lavorato un’ora in vita loro, gli ex dirigenti della Lega Coop, i D’Alema e tutta la combriccola rossa, tutti Grandi Statisti e fini intellettuali attenti al bene pubblico anche loro?

      1. Scritto da aris

        e che dire del Silvio che va con le 16enni e 100 concubine pagate (non posso usare altri terrmini qui), i Verdini, i Galan, i bertolasi, i Letta, tutta gente invece che ruba alla luce del sole per interessi personali perchè gente come te glielo permette. Grande esempio per i giovani. La tua verità fa male a te. Almeno gli ex Coop creano lavoro.

  12. Scritto da Claudio c.

    ….quando i sogni e gli ideali svaniscono. Tranne per chi, più furbo e intelligente di altri, li ha trasformati in poltrone. Per tutti gli altri la consapevolezza che tutto ciò che di buono c’era non tornerà più.

  13. Scritto da Ma de che ?

    La Dc è stata al governo fino al ’92, negli ultimi anni con Craxi&C (ma sì, il padrino dei uno dei figli di silvio) , poi 3 anni di governi tecnici , un po di berlusconi-lega, 5 anni di centrosinistra (con discreti risultati di bilancio), Di nuovo berlusconi e lega con un brevissimo intermezzo Prodi (che non aveva una maggioranza utile per governare) per poi finire di nuovo con berlusconi-Lega fino al tracollo di fine 2011. Cari elettori, il ’68 quando ha governato ?

    1. Scritto da La verità fa male

      DC e PCI governavano di fatto insieme: il 90% delle leggi di spesa e di bilancio passavano con benevole astensioni, voti a favore nelle commissioni delle “false opposizioni”. Un esercito infinito di ex sindacalisti si sono riversati nei posti di dirigenti pubblici e di politici con i risultati (disastrosi) che vediamo oggi. In quanto alla sinistra Bassolino ha governato da monarca 15 anni la Regione Campania e Napoli e le foto della “munnezza” hanno fatto il giro del mondo: serve altro?

      1. Scritto da Ah Ah

        Ah ah , visto che sta riscrivendo la storia ci fa sapere anche come va a finire ? berlusconi che trasforma l’italia nella germania e bossi segretario dell’ONU ? Incredibile.

      2. Scritto da aris

        In Sicilia la DC governa da sempre, e pochi i anni fai la monnezza c’e ra anche li per le strade ma non ce l’ hanno fatta veder in TV. A NApoli è stata un’ operazione organizzata con la camorra, lo sappiamo tutti. In Lombardia ha sempre governato la DC, così come in Veneto e lo sperpero di denaro pubblico (Formigoni + Galan) è sotto gli occhi di tutti, anche se la monnezza la buttiamo nei cestini. Non c’ entra il 68

    2. Scritto da beffata67

      …illuso, ma non vedi che sta governando ancora ed occupa i posti dirigenziali senza alcun ritegno né intenzione di mollare l’osso, con tutti i privilegi acquisiti senza merito? Hanno solo avuto la fortuna di iniziare in un periodo storico decisamente diverso!

  14. Scritto da carlo saffioti

    il commento e’ un po’ esagerato, un po’ manicheo, tutti i cattivi prima, tutti buoni e vittime dopo, ma dice cose vere e ha ragione Cimmino quando scrive che il 68 e’ un fenomeno tanto esaltato quanto poco capito e criticato. Se e’ vero che ci fu una forte e necessaria componente libertaria e antoconformista, e’ altrettanto vero che diede poi luogo a un altro conformismo, peggiore del primo, alla distruzione della scuola, della cultura, alla apologia dei diritti, all’affossamento dei doveri.

    1. Scritto da Andrea

      Condivido il suo commento, il 68 portava un vento libertario dentro una società autoritaria e conformista (definita spregevolmente “borghese”), ma poi alla stagione dei diritti (fino allora sempre negati o appannaggio di pochi) seguirono le stragi di stato e gli anni di piombo. Andrebbe tuttavia studiato e approfondito meglio

  15. Scritto da Mariacristina

    Sono della generazione del ’68. Ero all’università di Parma. Avevo capito tutto e i ” contestatori ricoluzionari ” mi avrebbero ammazzato perché non la pensavo come loro.
    Non ero e non sono fascista.Sono stata Cassandra ma non ne gioisco perché, amando il mio Paese, è una grande sofferenza assistere al suo sfascio.

  16. Scritto da Mariacristina Astori

    Faccio parte della generazione del ’68. Ero all’università di Parma e già allora avevo capito tutto.Non ero e non sono fascista ma i”rivoluzionari contestatori” mi avrebbero ammazzato perché non la pensavo come loro.Sono stata Cassandra, ma non ne gioisco perché amo il mio Paese.

    1. Scritto da Curius

      Mi tolga una curiosità , magari votava per chi faceva leggi tipo pensioni baby (DC) ?

  17. Scritto da mario59

    Sono nato nel 59 pertanto nel 68 avevo 9 anni, se i sessantottini sono coloro che hanno mangiato tutto, poichè con 40 di contributi versati, mi ritrovo a dover lavorare ancora almeno 3 anni per arrivare ai requisiti minimi pensionistici, (cioè con la penalizzazione) mi ritengo a mia volta vittima dei sessantottini.
    Io invece la vedo in un altro modo, gli sfruttati e gli sfruttatori e i furbi, sempre pronti a fregare il prossimo, esistono da sempre, in ogni generazione.

  18. Scritto da Daniele

    E’ un modo semplicistico e demagogico di descrivere movimenti estremamente articolati e complessi, che non hanno coinvolto l’Italia soltanto ma il mondo intero. L’autore omette inoltre di rendere atto a quelle generazioni di aver sfondato le porte blindate dei tabù della società italiana. Oggi ci lamentiamo delle ingerenze della chiesa nella vita pubblica, ma a quei tempi chi non andava a messa la domenica veniva segnalato come comunista e potenziale sovversivo.

  19. Scritto da Gunther

    Oggi ho scoperto che la crisi italica non è colpa delle pensioni baby del democristianissimo Rumor, del debito pubblico della Milano da bere di Craxi, delle pensioni gratis agli agricoltori e varie altre categorie, della corruzione e degli appalti inauditamente truccati e gonfiati, dei più alti tassi di evasioni fiscale del mondo, dei quasi 10 anni di inettitudine, di aumento del debito, di capitali all’estero,di pregiudicati in parlamento dei tempi di berlusconi e lega. Meno male!

    1. Scritto da Marino

      Da lei invece scopriamo che NON sono post-sessantottini gli anni e i personaggi che hanno approfittato dei benefit e dei privilegi che ci hanno portato a questa Italia…. Punti di vista…… L’unica certezza è che molti dei nostri figli (non quelli dei politici e degli statali) saranno senza molte prospettive, con scuola da quarto mondo, lavori precari e banche che negano mutui! E niente pensione!

      1. Scritto da giggi

        ma il 68 c’è stato solo in italia? in germania p.e. hanno avuto pure lo strascico terroristico eppure…. o c’è ancora adenauer?

      2. Scritto da aris

        Non se se si ricorda che il primo fuggito famoso per disatri finanziari era un tal Felice RIVA, scappato in Libano (allora Svizzera del M.Oriente). Era il 1969 , il 68 era appena iniziato. Ebbene i disastri ed evasione fiscale dei ricchi in Italia sono figli del boom economico, non ha niente a che vedere col 68, è congenita nel carattere del “furbo italico”. Sono i Felice Riva (Cragnotti, Tanzi, ecc) che disastrano l’ Italia, non gli ex 68 (per qte pecche cmque hanno)

      3. Scritto da Gunther

        Se lei considera post 68ini i governi DC , DC-Craxi, Berlusconi-Lega ha ragione lei . A meno che lei abbia una visione esclusivamente cronologica della storia mi pare che lei osi un po’ troppo ……. no ?

    2. Scritto da La verità fa male

      Dal 1968 in poi a turno hanno governato TUTTI: destra, sinistra, democristiani, ex democristiani, ex comunisti, ex sindacalisti (ci si dimentica sempre che in Italia, finita la carriera sindacale, i vari D’Antoni, Pezzotta, Cofferati, Marini sono entrati tutti in politica o a occupare le poltrone degli enti pubblici). Tutti a turno si sono seduti sulle poltrone, nessuno ha cambiato di una sola virgola l’andazzo che lei descrive, compresi i sessantottini che a parole combattevano “il sistema”

      1. Scritto da I Fatti

        Il centrosinistra ha governato solo 5 anni ed ha lasciato i conti a posto (il secondo Prodi non conta, troppo breve e non poteva governare). Il resto è tutta roba di dc, craxi , un breve intemezzo di governi tecnici e molto berlusconi-lega . Questi i fatti , alla faccia delle sue fantasie erotiche.

  20. Scritto da pluto

    Se “ancora” potete scrivere i vostri commenti del cavolo, sappiate che é per merito del lavoro dei 68ttini. La rete p.e. non l’avete inventata voi ma noi “poveri” 68ttini. E vi abbiamo pure mantenuto finora dandovi un ottimo albergo e un buon ristorante a costo zero.

    1. Scritto da La verità fa male

      Ma và!! Io sono stato mantenuto dai miei genitori (che non erano sessantottini) non certo da “voi” o dallo Stato. I sessantottini hanno prodotto carriere automatiche, “il salario variabile indipendente”, il sei politico, una marea di lazzaroni e di somari che hanno infestato la scuola, le baby pensioni (grazie a sindacalisti che andavano a braccetto con politici e confindustriali), e il debito pubblico che noi dobbiamo pagare, altro che albergo a costo zero!!

      1. Scritto da Maga Magò

        Pensioni baby = Rumor 1973 . Se tu hai votato per chi ha distrutto l’italia (pdl-lega) non è che puoi arrampicarti sugli specchi per giustificarti . Lo specchio usalo per guardarti in faccia e batterti il petto, con l’altra mano cospargiti il capo di cenere !

    2. Scritto da Marino

      Sì, sì, costo zero: senza lavoro c’è poco da costare e da spendere… proprio ZERO! Vedrà che futuro per i nostri giovani che, (glielo auguro), andranno all’estero. Lei non ha inventato la “rete”: lei si è trovato in un’epoca di persone geniali, ingabbiate dalla burocrazia inventata dai mediocri per poterle sfruttare! Che insegnamenti per i nostri figli!

  21. Scritto da La verità fa male

    “Quelli del Sessantotto” sono la feccia dell’Italia. Rivoluzionari e incendiari di allora hanno indossato le pantofole e si sono accomodati sulle poltrone pubbliche e private (occupandole ancora oggi nonostante in molti casi sono decrepiti 70enni e 80enni) molti di loro passando dalla lotta proletaria al il mitico S.B. in Forza Italia. Cianciano a vanvera di diritti, solidarietà e classe operaia e altre menate quando nella maggior parte dei casi sono diventati salottieri pieni di euri

    1. Scritto da Alà Barlafüs

      Forse la feccia d’Italia sono gli evasori , tu che ne dici ? E magari anche chi ci deruba sugli appalti o chi porta in parlamento corrotti e pregiudicati , dici di no ?

      1. Scritto da La verità fa male

        Ma quali evasori, gli evasori ce li avete voi nel cervello! fa più danni un dirigente pubblico o un politico strapagato, incapace, lazzarone o raccomandato di un esercito di evasori che producono e danno lavoro ai dipendenti. In quanto ai sessantottini non preoccupatevi, hanno fatto tutti carriera nei sindacati, nella scuola, nel pubblico impiego; ne conosco pochissimi di loro che si sono “piegati la schiena” dal lavoro, quindi sono gli ultimi a poter parlare male degli altri

        1. Scritto da Alà Barlafüs

          Ah già, per lei l’evasione è come la mafia , non esiste . Pensi per 20 anni quanti politici pregiudicati , indagati, condannati ha votato sapendo di farlo , pensi quanti manager pubblici hanno nominato appartenenti alla loro stessa risma . Ma lei di questo non si preoccupa , vero ?

  22. Scritto da benito

    i 68ini sono al governo sono stati al governo e cosa hanno fatto ????????? intascato soldi ecc. ecc.

    1. Scritto da El Drito

      Quando ? Io pensavo che al governo ci fossero stati berlusconi e bossi , pensa te !

  23. Scritto da Marco Cimmino

    Questi temi sono già stati abbondantemente sviscerati, perlomeno sulla stampa non conforme, già da molto tempo: forse forse, se ci si fosse presa la briga di leggere Veneziani o Nistri o, si parva licet, il sottoscritto, vent’anni fa, oggi saremmo giunti ad una migliore comprensione di quel fenomeno. Invece, si è sempre ascoltata una sola campana, guardacaso organica proprio al fenomeno in questione. Il ’68 non va esaltato nè demonizzato: andrebbe, invece, serenamente studiato.

    1. Scritto da Antonio

      …e superato risarcendo del danno le future generazioni!

      1. Scritto da Marco Cimmino

        Caro Antonio, nella storia nessuno risarcisce nessuno, purtroppo: ogni generazione deve cavarsela con l’eredita’ che riceve, che per qualcuno e’ un credito e per qualcun altro un debito. Davvero lei pensa che le future generazioni possano esigere un risarcimento? Cominciamo a cercare di riparare i danni: scuola, cultura, lottizzazioni, cretini al potere. Torniamo al ’67 il prima possibile…

        1. Scritto da Antonio

          “Cominciamo a cercare di riparare i danni: scuola, cultura, lottizzazioni, cretini al potere. Torniamo al ’67 il prima possibile…” Mi creda, io non ho la sua cultura, ma in questo istante stavo pensando esattamente la stessa cosa! In fondo, paradossalmente, stavamo meglio quando stavamo peggio! Cordiali saluti, Antonio

          1. Scritto da Marco Cimmino

            La cultura non c’entra, caro Antonio: si tratta di semplice buon senso. Esattamente quel buon senso che e’ stato il punto debole della generazione ’68. E’ quello che dobbiamo ritrovare e che, forse, potrebbe restituirci un po’ di equilibrio e di umanita’. Un caro saluto.

  24. Scritto da Barba

    Uno dei periodi più bui e nefasti della storia da cui almeno 3 generazioni ne sono rimaste contagiate e i cui effetti deleteri e rovinosi sono palpabili ancora oggi.

    1. Scritto da Marino

      No, il peggio deve ancora arrivare, se oggi abbiamo il potere d’acquisto delle buste paga di vari anni fa. Il dramma è che nei posti di comando ci sono ancora gli stessi cialtroni!!! (sottoforma delle loro foglie di fico giovani e belle messe lì per amicizia).

  25. Scritto da fulvio

    Da un centro di analisi mi aspettavo molto di più che improperi e fare lo scaricabarile su una generazione che ha posto grandi innovazioni nel modo di vivere e pensare.
    Il linguaggio e gli argomenti sono poi da “abens minus”.

    1. Scritto da nicola

      A proposito di minus: ti manca una “H”

    2. Scritto da Simona

      Il linguaggio sarà magari diventato più creativo, la lingua e la cultura pessime: come dimostrano il Suo “abens minus” che è lo strafalcione di “minus habent” (latino: coloro che possiedono meno, anche nel senso dell’ingegno..i non sessantottini, nella Sua dotta replica)

      1. Scritto da Antonio

        Brava!!! Ciapèla!

      2. Scritto da Poveri noi!

        A dire il vero, Simona, non si dice ne’ “abens minus” ne’ “minus habent”: la locuzione esatta e’ “minus habens”, sottintendendo “cerebri”, ossia uno che possiede meno cervello degli altri. Almeno, non tenga lezioncine, ovvia…

  26. Scritto da Andrea

    bhe non credo sia colpa dei genitori o dei nonni se oggi siamo messi cosi’…forse ci si dimentica che quelli erano gli anni del dopoguerra… un’intera generazione di italiani era morta sul campo…ed è ovvio che vi fossero piu’ possibilita’… il fatto che ci sia stato qualcuno che ha fatto il furbo è innegabile… ma cosi’ come nel 68 la “rivoluzione” la fecero i giovani oggi toccherebbe ancora a loro..vedasi Hong Kong in questi giorni….

  27. Scritto da favole metropolitane

    Credo, sulla base della mia esperienza personale, di dover dissentire recisamente. Ho 61 anni, esodato, in pensione andrò (forse), a 62 anni e mezzo. Altro che palate di soldi x tutti o pensioni dopo 5 anni di lavoro. Se vuoi qualcosa, in special modo diritti fondamentali della persona, come sempre, li devi conquistare; sottraendolo non alla generazione precedente, ma agli attuali sfruttatori. Concordo solo sul fatto che la sinistra non esiste più. Esiste solo la destra, variamente graduata.

    1. Scritto da Paolo

      Lei è esodato e sono solidale con lei, ma la generazione del ’68 è stata prodromica allo stato attuale dell’Italia, è stata quella che ha goduto dell’invenzione demenziale delle pensioni baby, dei vitalizi ai già straricchi politicanti…. Una pattumiera, per la visione ottusa del futuro…. Egoisti e ladroni! Esempi d’immoralità per le nuove generazioni. Non è nemmeno quantificabile o valutabile, il danno di una simile condotta etica….

      1. Scritto da prodromica? mica tanto!

        Le pensioni baby (Rumor, 1973), non sono imputabili alla generazione del 68 ma sono solo uno dei tanti strumenti clientelari usati dalla DC, proprio x sconfiggere il movimento, che lottava x pari diritti, uguaglianza, libertà; in buona sostanza, una vita degna di essere vissuta in una società solidale ed egualitaria. L’uomo nuovo è ancora in itinere. Alle nuove generazioni l’onore e l’onere, di forgiarlo. Auguri!

      2. Scritto da Giorgio

        Le pensioni baby sono la più gigantesca operazione di voto di scambio della storia, fatta da un democristiano. Le ricordo che le leggi le fa chi governa , attribuire al ’68 l’attuale situazione è operazione demenziale , perfettamente italiana : mai individuare le cause dei problemi , il rischio è di risolverli . Non per nulla siamo nella m….. fino al collo.

  28. Scritto da Lello

    qualche bagliore in un qualunquismo allo stato puro… il vuoto pneumatico (per la cronaca, nel ’68 avevo solo 8 anni…). E questo sarebbe meglio del guazzabuglio post-sessantottino? forse sì, ma che pena…nessuna speranza per il futuro…

  29. Scritto da Carlo Pezzotta

    Le generazioni post 68ine invece, se la sono solo “grattata”, dando in mano l’Italia alla politica che ancora ci governa, passando da Andreotti, Forlani,Craxi, x arrivare ai Berlusconi, Bossi, Grillo e Renzi. E’ uesto quello che hanno fatto di buono le generazioni post 68ine???

  30. Scritto da albert

    Sono daccordissimo con l’articolo……tutti i giovani devono unirsi e ribellarsi a questo sistema creato da una generazione di egoisti….

  31. Scritto da Lory

    “I 68ini si sono presi il migliore dei mondi e lo lasciano invivibile” e, non contenti, impediscono pure agli altri di prendersi il proprio futuro in mano e di costruirselo, almeno con un lavoro, almeno con un reddito. Devi ficcarti nelle associazioni e nel buonismo di facciata…..