BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alfano: “I matrimoni gay celebrati all’estero sono da annullare”

Il ministro dell'Interno prepara una circolare con la quale chiederà ai prefetti di cancellare le trascrizioni fatte finora: "Non sono conformi alle leggi italiane". Critiche dal portavoce del Gay Center: "Alfano si candidi a leader delle sentinelle in piedi"

Tutte le trascrizioni delle unioni tra persone dello stesso sesso contratte all’estero sono da cancellare. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano oggi invierà a tutti i prefetti del Paese con questa richiesta.

"Firmerò una circolare che invierò ai prefetti per chiedere la cancellazione delle trascrizioni dei matrimoni tra persone dello stesso sesso fatti all’estero. Queste trascrizioni fatte da alcuni sindaci non sono conformi alle leggi italiane", ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, intervenendo a Rtl.

Il titolare del Viminale ha spiegato che al momento la legge italiana non li prevede, quindi la trascrizione dei matrimoni gay viola la normativa. "Dove risultino adottate queste direttive sindacali in materia di trascrizione delle unioni tra persone dello stesso sesso contratte all’estero e che vogliono essere registrate in italia- ha aggiunto-, dirò ai prefetti che si dovranno rivolgere ai sindaci rivolgendo loro un invito formale al ritiro di queste disposizioni e alla cancellazione, ove effettuate, delle trascrizioni, avvertendo anche che in caso di inerzia si procederà al successivo annullamento d’ufficio degli atti che sono stati illegittimamente adottati".

"Il punto è uno – ha concluso -: a ogni evidenza le direttive che sono state date con provvedimenti dei sindaci, che prescrivono agli ufficiali di Stato civile di provvedere alla trascrizione dei matrimoni celebrati all’estero tra persone dello stesso sesso non sono conformi alle leggi italiane".

L’annuncio del ministro dell’Interno arriva il giorno dopo la richiesta fatta dal Consiglio comunale di Milano al sindaco Giuliano Pisapia di iscrivere le unioni tra persone dello stesso sesso celebrate all’estero all’Anagrafe.

A Bologna le prime trascrizioni sono state fatte a settembre, non senza polemiche. Anche a Grosseto le registrazioni sono partite ad aprile, con una modifica nella dicitura: ‘coniuge e coniuge’ invece di ‘marito e moglie’.

 Non sono mancate le reazioni. "Alfano si candidi a leader delle sentinelle in piedi. Il suo annuncio che invierà una circolare oggi stesso ai prefetti per cancellare le trascrizioni dei matrimoni gay contratti all’estero è l’esempio di un ministro dell’Interno che vuole derubricare i diritti civili a questione di ordine pubblico", afferma in una nota Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da planets

    curioso che alfano non abbia mai tuonato con tanto fervore contro politici cocainomani,assenteisti e condannati o preti pedofili, Meno male che la scienza e il mondo stanno insegnando all italia che l omosessualità non è una malattia, perchè qui per non perdere i voti di alcuni cattolici si tollera che i veri delinquenti redigano leggi discutibili farneticando contro alcune che sono indice di emancipazione ed evoluzione…basta oscurantismo!

  2. Scritto da illuminato

    ho sempre pensato che queste sentinelle fossero un residuo del medioevo, che la libertà di scegliere come vivere, con chi stare e chi amare fosse sacrosanta, al di sopra di qualsiasi legge o regolamento (quando non lede i diritti degli altri, naturalmente). invece ora, dopo la presa di posizione di un politico della caratura di Alfano, del grande statista Alfano, un illuminato del XXI secolo, le mie certezze vacillano… ah, se vacillano!

  3. Scritto da roberta

    Adesso mi aspetto che Alfano vieterà l’ingresso in Italia ai bambini figli di italiani concepiti in Svizzera con la fecondazione assistita.

  4. Scritto da miki78

    Il titolo e’ fuorviante e non aderente alla imparzialità’ giornalistica. Se qualche paese europeo consente di acquisire uno status che in Italia non e’ concesso non penso che il ministro non faccia che il suo dovere. Il ministro rappresenta il governo quindi questa e’ la posizione di un governo che rappresenta circa il 50% degli italiani più il 25% delle opposizione. Che c’e’ di scandaloso?

    1. Scritto da Sissi

      Si , come no!! Allora rimandate indietro tutti i figli di coppie italiane nati fino a pochi mesi fa in Spagna con la fecondazione eterologa quando in Italia non era consentita!!

      1. Scritto da Alberto

        Ma ci mancherebbe! Tutto è dovuto a chiunque pretenda fantomatici “diritti”, in italietta.

  5. Scritto da La verità fa male

    Ma la pianti il genio che dice “Alfano si candida a diventare leader delle sentinelle”. Alfano è il ministro dell’Interno e ha il dovere di applicare leggi e Costituzione vigenti in questo momento. Se a questo genio non vanno bene leggi e Costituzioni vigenti, si candidi lui al Parlamento e si dia da fare per convincere gli altri a cambiare le leggi e la Costituzione!

  6. Scritto da Luciano Avogadri

    Penso che sia ora di fare smettere ai Sindaci di inventarsi le Leggi a loro comodo, in questo come in altri settori. Se non si condivide una Legge, si cerca di farla cambiare dal Parlamento.

    1. Scritto da Corrado

      è quello che cercano di fare da anni, boicottati dai soliti moralisti benpensanti che vivono nel medioevo….

  7. Scritto da renato

    Che vergogna. Ma in che epoca viviamo?

    1. Scritto da La verità fa male

      Viviamo in un’epoca nella quale (per fortuna!) esiste ancora un ministro degli Interni che ricorda a sindaci pittoreschi come Pisapia che esiste ancora una legge nazionale e una Costituzione da rispettare, e quindi non può alzarsi in piedi un qualsiasi podestà e mettersi a interpretare le leggi come vuole lui solo perchè “è stato eletto dai cittadini di Milano”

      1. Scritto da Luigi

        Sarebbe meglio fosse piu’ solerte nel fare applicare le leggi ai fanta separatisti di ciccio Salvini. Li almeno non lederebbe la liberta’ della persona.

        1. Scritto da La verità fa male

          Mi spieghi in base a quale legge Alfano dovrebbe intervenire contro i fanta separatisti di “ciccio” Salvini, che chiedono semplicemente la celebrazione di un referendum. Alfano invece è obbligato a intervenire contro i sindaci pubblici ufficiali che tentano di celebrare matrimoni in forme e in modalità attualmente non previste dalle leggi e dalla Costituzione italiana P.S. Pisapia è stato per anni parlamentare: cosa ha fatto in concreto per cambiare queste leggi?

          1. Scritto da Luigi

            Considerando che il referendum sarebbe anticostituzionale, non si puo’ parlare di “semplicemente”. Detto questo, si parla di trascrizione di matrimoni… non di celebrazioni. Finisco con il dire che si, Alfano fa rispettare la legge, ma in maniera eccessivamente solerte e brusca visto che il potere giuridico ha gia’ deciso in materia. PS: io non sono di sinistra, quindi lei trova campo fertile nel dare contro pisapia!

  8. Scritto da circolare...

    sentinella in poltrona!

  9. Scritto da Paolo

    Il cugino di campagna del Caimano…. Il cugino povero del Caimano! Voce e ascolto a questi personaggi, mi raccomando! A proposito, lunedì 13 ottobre alla Persico Stampi di Nembro c’è Renzi: tutti in prima fila!

    1. Scritto da Q

      Si si sarà alla ex Comital(ex proprietà di Debenedetti altro componente prestigioso del PD…)va a visitare un futuro tesserato PD,il nuovo che avanza,da CL al PD il passo é brevissimo.