BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara uccisa per vendetta familiare? I genitori: “Ora basta congetture”

Per la prima volta da quando Massimo Giuseppe Bossetti, lo scorso 16 giugno, è stato arrestato con l’accusa di essere l’assassino di Yara, Fulvio e Maura Gambirasio alzano la voce: "E' inaccettabile che uno dei difensori di Bossetti, nel corso dell’ennesima trasmissione televisiva, abbia evocato l’ipotesi di una presunta vendetta ritorsiva nei nostri confronti"

Per la prima volta da quando Massimo Giuseppe Bossetti, lo scorso 16 giugno, è stato arrestato con l’accusa di essere l’assassino di Yara, Fulvio e Maura Gambirasio alzano la voce per ribellarsi alle voci legate al caso che li affligge dal 26 novembre 2010, la sera della scomparsa della loro figlia che fu poi ritrovata cadavere tre mesi dopo.

I genitori della piccola Yara, attraverso i loro legali, replicano alle dichiarazioni dell’avvocato Claudio Salvagni, insieme a Silvia Gazzetti uno dei difensori del carpentiere di Mapello, che giovedì sera in una trasmissione televisiva è tornato sulla pista della vendetta familiare per il delitto dei Yara Gambirasio.

"Un’ipotesi che gli inquirenti non hanno mai preso in considerazione seriamente", ha affermato Salvagni in televisione.

"Siamo da sempre convinti – la premesse degli avvocati Andrea Pezzotta ed Enrico Pelillo – che i processi debbano essere celebrati nelle aule dei Tribunali e non nei salotti televisivi. Per questa ragione ci guardiamo bene dal partecipare ai dibattiti televisivi sul tragico caso di Yara. Usciamo, però, oggi dall’abituale riserbo – scrivono in una nota – per dire che è del tutto inaccettabile che uno dei difensori del signor Massimo Bossetti, nel corso dell’ennesima trasmissione televisiva, abbia evocato nuovamente l’ipotesi di una presunta vendetta ritorsiva nei confronti della famiglia Gambirasio.

Se il difensore del signor Bossetti ha degli elementi concreti che vanno in quella direzione – sottolineano ancora i due avvocati – li porti non in televisione, ma in Tribunale e in quella sede ci confronteremo. Se invece non li ha, e siamo convinti che sia così, si astenga dal rilasciare simili dichiarazioni. La famiglia Gambirasio ha sofferto fin troppo per dover anche sopportare sospetti ed illazioni fondate sul nulla".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gutembergem

    Vi seguo da anni, ma per cortesia Bergamonews se siete seri smarcatevi dalla schifezza informativa. Per rispetto di Yara, basta dare spazio al gossip di questo stampo che tendo solo a confondere l’opinione pubblica. Non ne siate anche voi complici.

  2. Scritto da Carlo Pezzotta

    x red. Bgnews. per favore, basta gossip su questa vicenda. Avete il diritto di informare e, abbiamo il diritto di essere informati, ma x favore, basta chiedere commenti su questa vicenda!!!

  3. Scritto da danix

    Assolutamente d’accordo con gli avvocati: se sanno qualcosa parlino con il magistrato e la piantino di fare avanspettacolo. Un po’ di rispetto per i signori Gambirasio che hanno subito una perdita tremenda e con delle modalità dolorosissime!!

  4. Scritto da fabri

    Allora, forse, la critica dovrebbero rivolgerla innanzitutto a chi passa costantemente ai media le notizie sulla vita famigliare della famiglia Bossetti. Sono gli inquirenti i primi ad aver adottato un approccio mediatico ed ad aver additato alla pubblica attenzione situazioni che avevano poco o nulla a che fare con la vicenda (vedasi supposte infedeltà della moglie). Insomma, il dolore della famiglia va rispettato, ma quella degli avvocati è l’ennesima schermaglia mediatica. Basta!