BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inchiesta palestra Imiberg Assoluzione per tecnici e dirigenti di Palafrizzoni

Un’assoluzione chiara e netta: si è concluso così il procedimento che ha coinvolto alcuni dirigenti e dipendenti del Comune di Bergamo riguardo alla vicenda dell’edificazione della palestra della scuola Imiberg.

Più informazioni su

Si conclude con un assoluzione piena il procedimento sulla palestra Imiberg a carico dei dirigenti e dei tecnici del Comune di Bergamo Un’assoluzione chiara e netta: si è concluso così il procedimento che ha coinvolto alcuni dirigenti e dipendenti del Comune di Bergamo riguardo alla vicenda dell’edificazione della palestra della scuola Imiberg.

La sentenza, emessa dal Giudice dell’udienza preliminare Giovanni Petillo, ha constatato l’innocenza dei tecnici del Comune di Bergamo (Massimo Casanova, Giorgio Cavagnis, Gianluca Della Mea, Marina Zambianchi), che hanno quindi agito in conformità con la legge e i regolamenti edilizi e paesaggistici nel frangente in questione.

La sentenza del giudice Petillo relativa alla vicenda è particolarmente approfondita ed efficace, tanto che la stessa non è stata impugnata ed è, quindi, divenuta esecutiva. Il magistrato, pur non entrando in tutti i dettagli tecnico-amministrativi, si è soffermato su tutti i profili di ritenuta illegittimità sottolineati dalla Consulenza tecnica del Pubblico Ministero, documentazione che era posta a base dell’accusa mossa ai diversi soggetti coinvolti nella costruzione della palestra.

In primo luogo il magistrato ha sottolineato come non risultano profili penalmente rilevanti e che, in una vicenda complessa che ha interessato sia profili urbanistici che edilizi, non risultano evidenti provvedimenti amministrativi illegali. In secondo luogo, il giudice ha puntualizzato come siano diverse le interpretazioni date dai vari tecnici sui vincoli ambientali in presenza di “cono panoramico” o di “vincolo ambientale di zona”, privilegiando l’interpretazione secondo la quale vi sono significative differenziazione tra i due concetti e, quindi, differenti sono le tipologie di tutele ambientali.

Nella motivazione si è infine evidenziato che la pratica edilizia fu seguita in aderenza allo spirito della normativa e che, sotto l’aspetto urbanistico, il Comune accolse solo in parte le osservazioni al Piano di Governo di Territorio, consentendo al privato l’edificazione di volumetria di gran lunga inferiore rispetto a quanto richiesto, avendo ritenuto che nell’area fosse possibile un ampliamento massimo del 20% della Superficie Lorda complessiva di Pavimento esistente alla data di adozione del PGT.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.