BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Festival Organistico diventa sempre più giovane e internazionale

Parte il 3 ottobre, con un concerto straordinario della virtuosa Jane Parker-Smith, nella Cattedrale in Città Alta, la XXII edizione.

Più informazioni su

Prende il via venerdì 3 ottobre alle ore 21, nella Cattedrale di Bergamo, la ventiduesima edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Bergamo”, con un concerto straordinario di Jane Parker-Smith, la carismatica organista inglese nota per la sua prorompente musicalità e l’alto virtuosismo, non a caso definita la "Marta Argerich" dell’organo.

Lo spettacolare programma prevede musiche di molti autori inediti per Bergamo legati ad un fresco e godibilissimo tardo romanticismo sinfonico, oltre a due interpretazioni dedicate all’arte della trascrizione (Franz Liszt) e dell’improvvisazione (Pierre Cochereau).

Il concerto, realizzato in collaborazione con la Fondazione Banca Popolare di Bergamo, è ad ingresso libero e gratuito.

Il 2014 andrà ricordato come un anno memorabile nella storia dei festival e dell’intera Il XXII Festival Organistico Internazionale Città di Bergamo ha in programma 5 concerti fino al 31 ottobre, con grandi interpreti internazionali, visite guidate alla scoperta del gioiello di ingegneria della Basilica di Sant’Alessandro in Colonna con Bergamo Scienza e la collaborazione con il Festival pianistico internazionale.

A luglio, Bergamo è stata sede del 62° meeting internazionale dell’organo, l’annuale raduno degli iscritti alla ‘Gesellschaft der Orgelfreunde’ – la più grande associazione organistica europea che ha deciso dopo ben 45 anni di tornare in Italia. 

Dopo il successo di luglio l’ Associazione Vecchia Bergamo è ora impegnata con la 22esima edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Bergamo”: una rassegna ricca di grandi personalità, come sempre alla ricerca d’inusuali prospettive, sottili provocazioni, fresche contemporaneità, con l’arte dell’improvvisazione nel ruolo d’inesauribile mezzo comunicativo ed espressivo.

L’apertura, venerdì 3 ottobre in Cattedrale, sul nuovo organo Corna a 4 manuali, è affidata alla “Marta Argerich dell’organo”, l’inglese Jane-Parker Smith.

Tensione emotiva ed incessante ricerca del bello permeano anche il secondo appuntamento in Basilica di Santa Maria Maggiore, venerdì 10 ottobre, alla presenza di François-Henri Houbart, da 35 anni organista titolare dell’organo Cavaillè-Coll 1846 della chiesa la Madeleine, uno degli scranni più ambiti e prestigiosi di Parigi che ha visto succedersi personaggi del calibro di James Lefébure-Wely, Camille Saint-Saëns, Théodore Dubois, Gabriel Fauré. La serata ‘In Memoriam’ è dedicata a Papa Giovanni XXIII nell’anno della proclamazione della sua Santità. Houbart renderà omaggio ad Angelo Roncalli attraverso un magistrale sunto della scuola transalpina, muovendosi su tre direttrici diverse e complementari fra loro: la prima è formale e stilistica, con un parallelo a tre sulla trattazione della ‘Fantasia’, la seconda è storica, con riferimenti ad autori, anche minori, che hanno operato alla Madeleine, la terza è di pura affinità elettiva, con celebri brani ormai entrati nella memoria musicale collettiva. Di particolare suggestione sarà il tradizionale epilogo attraverso l’improvvisazione, che si baserà non già su temi musicali ma sulla lettura d’uno scritto dello stesso ‘Papa buono’.

L’usuale concerto dedicato al vincitore di un importante concorso internazionale – venerdì 17 nella Chiesa di Santa Maria Immacolata delle Grazie – vedrà protagonista quest’anno un giovanissimo musicista tedesco (classe 1992!) dalle straordinarie qualità multidisciplinari. Si tratta di Martin Sturm, che ha vinto lo scorso anno il primo premio d’improvvisazione al prestigioso concorso di St.Albans (UK), dopo essersi già segnalato a livello europeo come uno dei compositori più originali degli ultimi anni, muovendosi in ambiti molto diversificati (jazz). Il programma per il suo debutto italiano è un’impressionante mix d’improvvisazione, interpretazione, composizione, trascrizione, sperimentazione, all’ombra di una figura ingombrante come quella di Johann Sebastian Bach, denunciando senz’alcun ombra di dubbio solide basi culturali, un vivo desiderio di ricerca, un intrigante e personalissimo percorso espressivo.

Principalmente incentrato sull’arte dell’improvvisazione sarà anche la serata in compagnia dell’olandese Sietze de Vries, venerdì 24 ottobre, alle prese con il monumentale organo Serassi della chiesa di Sant’Alessandro della Croce in Borgo Pignolo. Plurivincitore di concorso (15 premi in 15 anni, fra cui Harleem), pupillo del grande Jos van der Kooy (nostro ospite sullo stesso strumento nel lontano 2001), Sietze de Vries manifesta un approccio alla musica organistica molto pragmatico, come piace a noi del Festival, integrando con cuore e visione moderna il profondo amore per gli strumenti storici e la musica antica. La sua creatività gli ha permesso di concepire per il recital di Bergamo un saggio d’alta scuola sull’arte d’improvvisare ‘in stile’, alternando grandi brani di letteratura ad improvvisazioni ‘coeve’, cioè sviluppate in stilemi esecutivi della stessa epoca o dello stesso autore. Si parte dagli antichi (J.S.Bach) per arrivare ai romantici (Felix Mendelssohn), passando attraverso la figura centrale della serata, Carl Philipp Emanuel Bach, in occasione del 300° anniversario della nascita.

La manifestazione si chiude venerdì 31 ottobre presso la chiesetta intitolata alla Beata Vergine del Giglio, in Via Sant’Alessandro alta, con la consueta formula del doppio concerto, giusto per sopperire la limitata capienza di questo magnifico scrigno d’arte. Sarà tra noi una delle voci più interessanti e raffinate nel panorama belcantistico barocco, il tenore Mirko Guadagnini, con al suo fianco, sul prezioso organo d’intonazione mesotonica, Maurizio Croci, formatosi alla mitica Schola Cantorum Basiliensis ed oggi docente di tastiere antiche in prestigiose accademie europee come Friburgo e Milano. In programma un superbo parallelo tra i due giganti della ‘seconda prattica’, Claudio Monteverdi e Girolamo Frescobaldi. Di quest’ultimo verranno tra l’altro eseguiti brani inediti tratti dal manoscritto 64 della Biblioteca Nazionale di Parigi, recentemente scoperti da Christine Jeanneret.

Grazie alla consolidata collaborazione con il Bergamo Musica Festival ‘Gaetano Donizetti’, l’organo sarà protagonista anche nella Chiesa di Santo Spirito, domenica 9 novembre alle ore 21, in un concerto dedicato alle celebrazioni di Pietro Antonio Locatelli, nel 250° della morte, con l’intervento della flautista olandese Cécile Prakken e dell’organista Enrico Viccardi.

Continua la positiva esperienza delle visite guidate agli organi cittadini, e delle lezioni con audiovisivi sulla costruzione ed il funzionamento del ‘re degli strumenti’, proposte dal Festival all’interno del programma di Bergamo Scienza.

Quest’anno, per la prima volta, si fa visita alla Basilica di Sant’Alessandro in Colonna dove è custodito un vero e proprio gioiello d’ingegneria, l’organo costruito nel 1781 da Giuseppe Serassi con la catenacciatura (la trasmissione meccanica) che corre per 33 metri sotto l’altare maggiore.

E’ un invito a venire a conoscere da vicino un manufatto unico al mondo; un grande strumento, bisognoso di un capillare restauro storico che potrà avvenire solo con l’interesse e lo sforzo comune di una città intera.

Per Expo2105 il Festival, con la collaborazione del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, ospiterà l’11 giugno del prossimo anno, al teatro Donizetti, la stella nascente del concertismo mondiale, l’americano Cameron Carpenter, con il suo visionario organo da tour.

Info www.organfestival.bg.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.