BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Semestrale di Agronomia: contratti per 13 milioni Cgil: e la cassa in deroga?

Agronomia Spa ha approvato martedì 30 settembre la relazione finanziaria semestrale: sottoscritti contratti di fornitura per 13 milioni di euro. Francesca Seghezzi, Flai-CGIL: “Contenti di apprendere dell’acquisizione di nuovi clienti. Immaginiamo tramontata, dunque, la necessità della cassa in deroga”

“Apprendiamo davvero con piacere della sottoscrizione di contratti preliminari di fornitura con 6 nuovi clienti, 5 in Germania e uno in Italia, per un valore di circa 13 milioni di euro”: così Francesca Seghezzi, segretario generale provinciale della Flai- Cgil, ha accolto oggi la notizia dell’approvazione della relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2014 da parte del Consiglio di Amministrazione di Agronomia Spa.

Riunito nella sera di martedì 30 settembre, il Consiglio di amministrazione ha approvato la relazione che presenta dati positivi, sia finanziari che gestionali, e ha confermato l’attuazione del Piano Industriale 2014-2018. Nel comunicato diffuso anche attraverso il sito web di Agronomia, al paragrafo intitolato “Principali fatti intervenuti dopo il 30 giugno 2014” si legge che: “Successivamente al 30 giugno 2014 il Gruppo Agronomia ha sottoscritto dei contratti preliminari di fornitura con 5 importanti gruppi della distribuzione in Germania e con un gruppo distributivo in Italia, per un valore complessivo di fornitura di circa 13 milioni di euro”. “Immaginiamo, dunque, che tramonti così la necessità di avviare l’utilizzo di un periodo di Cassa in deroga chiesto dall’azienda il 2 settembre scorso per 20 impiegati (sui 24 totali) a San Paolo d’Argon” continua Francesca Seghezzi.

“La richiesta di usufruire degli ammortizzatori sociali era arrivata a seguito della perdita di alcuni clienti e di una previsione di calo del fatturato di 5,8 milioni di euro per il 2014, malgrado i contradditori annunci di buona salute degli affari del gruppo. Ricordiamo, come già fatto lunedì in conferenza stampa, che la Flai-Cgil ha deciso di non sottoscrivere l’accordo di cassa in deroga per l’indisponibilità aziendale ad affrontare la discussione sulle ricadute occupazionali nei reparti produttivi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sleghiamoci

    Giusto hai ragione bortolo, qua c’è gente che scrive senza informarsi. Proprio vero che in italia siamo tutti allenatori manca solo la panchina dove sedersi.

  2. Scritto da bortolo

    Non commenta più nessuno dei sostenitori della cassa in deroga che erano così critici verso la Cgil che non aveva firmato?