BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Grazia per Monella” A Seriate la richiesta arriva dai display comunali

Anche il Comune di Seriate si espone per la grazia ad Antonio Monella, chiedendone la grazia tramite un messaggio che apparirà a breve su tutti i display comunali. Una scelta che ha trovato l'appoggio anche di una parte dell'opposizione.

Niente striscione sulla facciata del Comune, come successo a Telgate: la richiesta di grazia per Antonio Monella, l’imprenditore di Arzago condannato a sei anni e due mesi per aver ucciso nel 2006 Ervis Hoxha, un 19enne albanese che si era intrufolato in casa sua per tentare un furto e costituitosi in carcere l’8 settembre scorso, a Seriate finisce su tutti i display cittadini.

La decisione è maturata nel consiglio comunale di lunedì 29 settembre che vedeva al nono punto tra gli ordini del giorno la “mozione urgente a sostegno della grazia per Antonio Monella”, presentata dai gruppi consiliari della Lega Nord, che di fatto porta avanti la campagna, Forza Italia e Lista civica Progetto Seriate.

Alle operazioni finali di voto il documento originario è arrivato con una modifica, applicata assecondando un emendamento proposto dalla lista civica Albatro di Damiano Amaglio, che siede nei banchi dell’opposizione: è su sua iniziativa che è stato deciso di rinunciare allo striscione, scelta effettivamente accantonata dalla maggioranza che ha scelto di veicolare il messaggio su tutti i display comunali.

La mozione è passata quindi con i voti favorevoli della maggioranza e della lista Albatro: si sono pronunciati in modo contrario, invece, il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle.

L’idea dello striscione a sostegno della grazia per Monella, comunque, non è stata accantonata dalla Lega Nord seriatese che pensa di esporlo al di fuori della propria sede di via Italia.

Quanto successo a Seriate, con l’adesione anche da una parte dell’opposizione, sembra allinearsi a quanto affermato dal segretario provinciale del Carroccio Daniele Belotti: “Non è un’iniziativa etichettata politicamente ma una questione di solidarietà umana verso una persona onesta che oggi si trova ingiustamente in carcere”.

"Personalmente concordavo con il testo della mozione anche senza le modifiche apportate dai gruppi consiliari – precisa il sindaco di Seriate Cristian Vezzoli – Gli emendamenti sono stati accolti dalla maggioranza consiliare con lo spirito di allargare il consenso su un argomento particolarmente sentito e delicato. Spiace che il Pd si sia dissociato e abbia votato contro una mozione finalizzata ad invitare il Presidente della Repubblica a una serena ma seria riflessione sulla necessità di un atto di clemenza nei confronti di una persona che, in un particolare contesto, si è limitata a difendere i propri beni, gudagnati onestamente con il proprio lavoro e sacrificio. A Seriate la solidarietà per Antonio Monella verrà espressa non con uno striscione fuori dal Comune ma a mezzo dei tanti display comunali collocati nei punti strategici dela città. Seriate sostiene la richiesta di grazia per Antonio Monella al quale è vicina moralmente. Trovo anomalo un ordinamento che, a volte, lascia impuniti coloro che offendono e punisce severamente coloro che si difendono". 

"Le modifiche apportate al testo originario sono state puntuali e sostanziali, la più importante riguarda le premesse: ora è specificato chiaramente che tanto la carenza delle forze dell’ordine quanto l’escalation di violenze sul nostro territorio non possono essere prese a giustificazione di un atto grave. E’ in virtù di queste modifiche che è arrivato il voto favorevole della Lista civica Albatro – ha puntualizzato il capogruppo Damiano AmaglioClemenza ma nessuna giustificazione, nessuna legittimazione del gesto di Monella".  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Saranno contenti i cittadini di Seriate… un’iniziativa utilissima per il paese, invece che discutere di cose concete si procede a spot e simboli.

  2. Scritto da luca

    Io cambierei la scritta in GRAZIE MONELLA:

  3. Scritto da dura lex

    Fossi al posto di Monella direi a questi qua di starsi zitti, chè non fanno altro che farsi propaganda a spese sue…

  4. Scritto da mario

    Con che coraggio quelli del PD si sono dissociati? Forse sostengono i clandestini che vengono a rubare nelle nostre case? Un po di buon senso avrebbe imposto una decisione diversa. Non sempre l’ideologia regge alla prova dei fatti!

    1. Scritto da paride

      con il coraggio di chi non vuole una società in cui sia possibile farsi giustizia da se.

  5. Scritto da incompreso

    nel nome del popolo italiano. che si ritenga accettabile che si spari a qualcuno per difendere “la roba” è più che inquietante. che si faccia di questa vicenda l’oggetto di una campagna politica è sciacallaggio.

    1. Scritto da La verità fa male

      Lei parla a nome suo e io a nome mio, nessuno parla nel nome del popolo italiano. “La roba” (come la definite voi comunisti con disprezzo inquietante) fa parte di quella proprietà privata che è garantita dalla Costituzione, e poi mi scusi che doveva fare Monella? chiedere ai ladri se si sarebbero limitati “alla roba” oppure se al termine della rapina avrebbero anche sparato?

      1. Scritto da incompreso

        il signor monella è stato condannato in nome del popolo italiano, da una corte che rappresenta anche lei e me. questo è un fatto, il resto sono opinioni e ipotesi. non so cosa potesse fare il signor monella: so che per difendere la sua macchina ha ucciso un uomo. per questo, è stato condannato per omicidio volontario. fare della richiesta di grazia una campagna politica è, di nuovo, sciacallaggio. quanto poi all’associazione fra verga (“la roba”) e i “comunisti”, che dirle…

  6. Scritto da andrea

    Concordo pienamente per la grazia a monella….qualcuno mi spieghi cosa ci sta a fare albatro con il pd….anche in questa decisione si capisce che non hanno nulla a che fare tra loro!

  7. Scritto da alex

    Concordo grazia per chi difende i propri cari e i propri valori…..anzi proporrei una medaglia al valore perché ha privato la società di un malvivente! !

    1. Scritto da roberta

      E magari la domenica vai a messa

      1. Scritto da Rossella

        La religione prevede anche il non rubare (oltre al non uccidere). Dobbiamo porgere l’altra guancia ai ladri?

        1. Scritto da incompreso

          per i credenti, le parole “a chi ti percuote la guancia, porgi anche l’altra” dovrebbero avere un peso importante.

        2. Scritto da peter

          beh, magari non sparargli…