BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“The Theft” di Farahani premiato dalla giuria di CortoLovere

"Miglior Film" del 17° Festival internazionale a un cortometraggio made in Teheran che tratta il tema dell'abbandono.

La giuria del concorso ha scelto i vincitori della 17° edizione di CortoLovere – Festival Internazionale del cortometraggio, che si è concluso sabato 27 settembre con la vittoria per "Miglior Film" di un cortometraggio made in Teheran: “The Theft” di Mohammad Farahani.

Ecco l’elenco dei vincitori:

1) miglior film – Luccio d’oro + € 2.000 Premio Comune di Lovere “The Theft" di Mohammad Farahani. “per la capacita’ di raccontare con brevita’ e delicatezza il tema dell’abbandono utilizzando con sapienza, mezzi essenziali, per realizzare un film completo anche dal punto di vista della fotografia e della recitazione”.

2) miglior film per la Giuria popolare – targa Assessorato alla cultura comune di Lovere "Acabo Detener Un Sueno" di Javi Navarro.

3) miglior film per la fotografia – Luccio d’oro premio Ascom Bergamo "Cambiamenti” di Giuliano Capozzi: “per la suggestiva atmosfera e la tensione creata attraverso l’uso sapiente della luce al Servizio dell’ottima recitazione dei protagonisti”.

4) miglior corto d’animazione – premio “Signor rossi” Studio Bozzetto Miglior soggetto – Luccio d’oro e miglior film Istituti scolastici scuole di cinema – Persico d’oro + € 500 “The Age Of Rust” di Alessandro Mattei “per l’originalità, l’ironia, la freschezza, unite a una capacita’ tecnica che dimostra l’alto livello professionale raggiunto dai ragazzi del Centro sperimentale di Torino.”

5) miglior corto per la tecnologia – premio Bendotti “Yet, The Best Universe Ever” di Edoardo Palma “per la varieta’ di soluzioni tecniche digitali utilizzate nel corto, al servizio della storia raccontata".

6) miglior film straniero – “Backward Run” di Ayce Kartal “per l’intelligente rappresentazione del cinismo e dell’indifferenza di una classe sociale nei confronti di importanti e drammatiche rivendicazioni, anche a causa della complicità dei media".

7) migliore colonna sonora – Luccio d’oro, premio bar centrale Lovere "L’attimo di vento" di Nicola Sorcinelli “per aver elevato la colonna sonora a elemento portante di una vicenda drammatica e per l’elevata qualita’ della composizione e dell’esecuzione”.

La giuria era presieduta da Silvio Soldini e composta da Pietro Berlfiore, Bruno Bozzetto, Daniela Ducoli, Alesiso Fava, Roberto Frattini, Silvia Ghezzi, Matteo Lanfranchi e delegati dell’Università degli studi di Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.