BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tentò di avvelenare la moglie, caso archiviato: ‘L’acido muriatico era poco’

Il 67enne di Dalmine aveva subito ammesso, chiarendo però di non aver mai avuto alcuna intenzione di provocare la morte della consorte: "Volevo solo provocarle un malore, per convincerla a restare in casa, visto che organizza spesso pellegrinaggi, ascolta Radio Maria per tutto il giorno, e c’è sempre gente in casa".

E’ stato archiviato il caso di Eliseo Bongiorno, il 67enne di Dalmine finito in manette l’anno scorso con l’accusa di aver cercato di uccidere la moglie versando alcune gocce di acido muriatico nella bottiglietta di acqua minerale della donna, 61 anni, con la quale era sposato da 39 anni.

Lunedì mattina il giudice per le indagini preliminari Raffaella Mascarino ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal pm Carmen Pugliese, con la motivazione che il veleno non sarebbe stato sufficiente a uccidere la donna.

Il caso risale al gennaio del 2013 quando la 61enne, dopo aver bevuto da una bottiglietta d’acqua che era solita lasciare in cucina, avverte un bruciore improvviso alle labbra. Decide di far controllare il liquido e le analisi confermano che all’interno è stato versato dell’acido muriatico.

In casa, tra i medicinali del marito, la donna scopre un flacone con tanto di contagocce. Dalle analisi del contenuto emerge che si tratta di acido muriatico. La donna decide così di far installare una microcamera in cucina: il marito viene così ripreso mentre versa il veleno nella bottiglietta di acqua. A quel punto scatta la denuncia.

Fin dal primo interrogatorio il 67enne aveva ammesso tutto, chiarendo però di non aver mai avuto alcuna intenzione di provocare la morte della consorte: "Volevo solo provocarle un malore, per convincerla a restare in casa – aveva affermato al giudice – Lei, infatti, organizza spesso pellegrinaggi, ascolta Radio Maria per tutto il giorno, è molto attiva e c’è sempre gente in casa".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.