BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rifiuti dal Sud a Bergamo Ricorso della Lombardia Maroni: “E’ una porcheria”

"Non sono assolutamente d'accordo. E' una porcheria del Governo che ha fatto un decreto che smentisce tutta la politiche sui rifiuti fatta negli ultimi anni e che prevede la responsabilità delle Regioni, cioè il principio dell'autosufficienza". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, durante la trasmissione 'Orario Continuato' in onda su Telelombardia, rispondendo in diretta ad una domanda sulla possibilità di smaltire negli impianti lombardi i rifiuti provenienti dalle Regioni del Sud.

Più informazioni su

"Non sono assolutamente d’accordo. E’ una porcheria del Governo che ha fatto un decreto che smentisce tutta la politiche sui rifiuti fatta negli ultimi anni e che prevede la responsabilità delle Regioni, cioè il principio dell’autosufficienza". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, durante la trasmissione ‘Orario Continuato’ in onda su Telelombardia, rispondendo in diretta ad una domanda sulla possibilità di smaltire negli impianti lombardi i rifiuti provenienti dalle Regioni del Sud. 

NOI ABBIAMO INVESTITO PER RIDURRE I RIFIUTI – "Il Governo – ha proseguito Maroni – ha detto che d’ora in avanti le Regioni virtuose sono penalizzate. Noi abbiamo investito tantissimo per ridurre la produzione dei rifiuti e abbiamo l’obiettivo di arrivare nel 2020 al 67 per cento di raccolta differenziata, che è un record assoluto. Non possiamo farci carico dei rifiuti delle altre Regioni con tutto ciò che comporta come trasporto, inquinamento, ecc. Abbiamo fatto ricorso alla Corte costituzionale contro quella che riteniamo una norma incostituzionale".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    I rifiuti, come tutti ormai sanno, sono un businness ovviamente da sottoporre al controllo pubblico per evitare disastri ambientali. Se i lumbard sono contrari per ragioni geopolitiche (e francamente un po ataviche) sulla provenienza dei rifiuti, se ne facciano una ragione: sarebbe cambiato qualcosa se anzichè dal sud fossero provenienti dal Veneto o dall’Austria?

    1. Scritto da Mister Bean

      Certi commenti sono proprio da oscar. La legge impone ad ogni regione di essere autonoma per i propri rifiuti. Che arrivino da napoli o da aosta poco cambia. Poi sappiamo come fanno la differenziata al sud. Non è una questione di lega, è una questione di tutti i lombardi. Invece al sud importano valuta pregiata esportando rifiuti indifferenziati. Ma sembra che questo a certi “lombardi” vana più che bene, perchè lo dice il partito.

      1. Scritto da andrea

        Certi commenti sono proprio da nobel: se si consente la costruzione sul territorio regionale di inceneritori con capacità superiori ai bisogni del territorio stesso, non ci si lamenti se poi le lobby ottengono dalla politica deroghe alle normative vigenti. Chi ha autorizzato tanti inceneritori in lombardia?

        1. Scritto da Padania Celtica

          Certo commenti sono proprio da premio Pulisan (quello per i cessi): e’ prassi fare un inceneritore con capacita’ superiori alla produzione MEDIA di quel territorio primo perche’ la pop. tende ad aumentare secondo perche’ un’emergenza (moria di animali come in Emilia post terremoto che vanno eliminati subito per evitare pandemie) puo’ sempre accadere.

  2. Scritto da valter agliati

    Nel frattempo questi rifiuti vanno in Olanda e in Svezia, creando profitto, energia e posti di lavoro che mancano in Lombardia. E, in aggiunta, l’Italia è costretta a pagare multe da milioni di euro per il mancato rispetto delle modalità di smaltimento dei rifiuti. Il decreto governativo è una mossa intelligente, criticata da quella stessa parte politica che ha autorizzato tutti gli inceneritori attualmente operanti in regione.

    1. Scritto da Mister Bean

      Completamente in disaccordo. In Olanda, Svezia (e germania) hanno rispedito al mittente i rifiuti di napoli perchè indifferenziati. La mossa “intelligente” è incostituzionale perchè ogni regione DEVE essere autonoma nel trattare i propri rifiuti. Cosa che in campania, sicilia e lazio NON VOGLIONO assolutamente fare. Comincino a fare la differenziata, accidenti.

    2. Scritto da rocco

      basterebbe creare profitto come dici tu ma nella regione di provenienza semplice semplice senza sprecare energia e inquinare per il trasporto e il contenimento di quei rifiuti(che alzano i costi. il decreto del governo per dirlo alla Fantozzi è “una ca..ta pazzesca” visto che alza di molto i costi dei trasporti e costringe le regioni a pagare ancora di più invece di obbligarle a trattare i propri rifiuti…purtroppo questo è un problema di cultura

      1. Scritto da stefano

        sacrosante parole!

  3. Scritto da il polemico

    se è un decreto del governo attuale,c’è da immaginare che tutti i sindaci della sinistra,con in testa gori,siano invece favorevoli a smaltire i rifiuti di regioni altrui,come osno stati a suo tempo favorevoli ad accogliere immigrati o profughi a 1000 euro al mese di mancia…chi la vincerà nel braccio di ferro?

    1. Scritto da Marzia

      Lei scrive sempre tanto per scrivere. Si informi e la faccia finita. I rifiuti tossici di noi lombardi sono stati mandati per anni al sud e non si scordi che ai primissimi posti in fatto di emigrazione c’e’ il popolo bergamasco.

      1. Scritto da Miki

        marziana non dica fesserie. Se (e sottolineo il SE) sporadicamente QUALCHE imprenditore del Nord e’ stato avvicinato da persone provenienti dal regno delle due sicilie per “gestire” i rifiuti pericolosi della sua azienda; magari con la libera scelta “o ci dai la commessa dei rifiuti o non ti facciamo più lavorare” questo non ha NIENTE a che vedere con la sistematica devastazione del Nord che da anni fanno (ad esempio) i casalesi qui da noi.

      2. Scritto da Piero

        Emigrazione con regole ferree, però… Sennò venivano rispediti a casa…. Per i rifiuti, credo che i più vili siano coloro i quali, per denaro, accettano di insozzare e intossicare la loro terra e quella che sarà dei loro figli. I bergamaschi non erano tenuti a sapere come e dove venivano stoccati i rifiuti: gli bastava spuntare il prezzo minore, come da regole normalissime di mercato…..

        1. Scritto da Narno Pinotti

          Sì, quando veniva offerto loro di smaltire i rifiuti a 1/5 del prezzo medio, gli imprenditori bergamaschi non sospettavano niente: «normalissime regole di mercato». E nel frattempo la gente comune del Napoletano e Casertano poteva mettersi davanti ai camion portarifiuti e i camorristi si spaventavano, come no. Fàm mia gregnà. Hanno messo tonnellate di materiale da discarica sotto la Brebemi e si è visto come si sono ribellati i bergamaschi.

          1. Scritto da Miki

            Pinotti non si sono messi davanti ai camion nel casertano per il semplice fatto che le schifezze piu’ schifezze sono interrate in Piemonte (scavi del t.a.v. e record di scorie nucleari a Saluggia, 96 percento!!!) e nella fu verde Brianza nell’area attorno a Desio.

          2. Scritto da Mister Bean

            Basta bugie. Hanno trivellato per km sotto la brebemi, senza trovare niente. Hanno trovato tracce di cromo, inferiori però alla media. Quindi smettetela di sparate commenti farlocchi basati su notizie false e tendenziose. Abbassate solo il livello della discussione.

          3. Scritto da La verità fa male

            Eh già colpa dei bergamaschi. In Campania un tal Bassolino (si ricorda di che partito fa parte?) ha dominato come un monarca per 15 anni consecutivi: è stato presidente di Regione, sindaco di Napoli, commissario straordinario per la gestione dei rifiuti, potentissimo “uomo delle tessere” del suo partito. Le risulta che abbia mosso un dito per fermare questi traffici? (e non mi dica che non ne era a conoscenza altrimenti mi metto io a ridere…)

  4. Scritto da usiamo il cervello

    Bergamo è già la discarica della Lombardia con l’aeroporto in mezzo alla città e non rispetta nessun limite di legge, mentre a Malpensa paghiamo la cassa integrazione e Montichiari accumula debiti. Come porcherie anche in Lombardia non siamo messi molto bene…

    1. Scritto da La verità fa male

      Lo usi il cervello: se già Bergamo è la discarica della Lombardia, come dice lei, le sembra il caso di aggiungere alle porcherie locali anche quelle “importate” da altre Regioni?

  5. Scritto da A.Z. BG

    Meno male! Se il governo farà una porcata del genere dobbiamo smettere di fare raccolte differenziate, che sono inutili nel momento che chi non le fa viene premiato.Inutile dannarsi a dividere l’umido,la carta,la plastica, l’alluminio,il ferro,ecc.buttiamo tutto nel calderone come i napoletani e ciao ambiente.Lo fanno gli amici di napolitano, perché non dobbiamo farlo noi?

    1. Scritto da 081

      Gli amici bergamaschi e padani tutti prima di sparare a zero dovrebbero avere il minimo pudore di tacere. Il fatto la camorra infesti le proprie terre è atto di una vigliaccheria deprecabile e non giustificabile, ma la questione è semplice: “domanda-offerta”. Ripeto: suppur l’offerta è da condannare, la domanda arriva dalle vostre fabbriche orobiche. Riguardo poi ai rifiuti tossici interrati, vi siete chiesti a cosa sia servita la Na-Sa-Ce? Ops…la Bre-Be-Mi.

      1. Scritto da 035

        Chi dovrebbe tacere? Caro signore altamente “democratico”, la informo che gli affari illeciti (ai quali non sono avvezzo) sono cosa diversa dalla legge che impone lo smaltimento dei rifiuti alle regioni, OGNUNA I SUOI. Quindi se per comodità, per cultura o per altri motivi, i campani NON VOGLIONO fare la differenziata è cosa che deve competere solamente a loro. Non ci devono andare di mezzo gli altri, soprattutto noi, come al solito. Chi sarebbero i razzisti in questo caso?

      2. Scritto da 035

        Taccia lei che qui è ospite. Io dalle sue parti esporto solo euro. I rifiuti tossici non li tratto ne li ho mai trattati. E non voglio importare rifiuti provenienti dalle sue parti. La legge è chiara: ogni regione si deve smaltire i propri. Se lei tirasse in ballo che “noi” siamo in combutta con la camorra potrei rispondere che “voi” siete la camorra, ma non lo farò, perchè ciò non c’entra con le attuali normative del governo di sx.

    2. Scritto da Enrico

      I rifiuti tossici di Bergamo in Campania , chi li ha spediti ? Forse io? Ma per favore!!!

      1. Scritto da Mister Bean

        E cosa c’entrerebbe questo discorso? Niente, sono affari tra delinquenti, non trattative legittime tra regioni. Ma per piacere, smettetela di fare i qualunquisti.

    3. Scritto da Lionel

      Ineccepibile!