BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foto hot di minorenni scambiate via cellulare: scandalo in Valcamonica

Le immagini sarebbero girare attraverso Whatsapp, la popolare applicazione di messaggistica per smartphone, e avrebbero già raggiunto i cellulari di decine e decine di giovani della Valle, lasciando nel terrore le protagoniste e le loro famiglie.

Una vendetta contro la ex fidanzatina, la gelosia di un’amica gelosa o, forse, una semplice ma gravissima bravata. Ancora non si sa cosa abbia spinto dei ragazzi della Valcamonica (ancora sconosciuti alle forze dell’ordine) a raccogliere e far girare centinaia di foto hot di minorenni via cellulare, per uno scandalo che sta facendo tremare il Bresciano e non solo (si parla anche di qualche ragazza di Costa Volpino). Le immagini, secondo gli allarmi che stanno circolando in rete, starebbero girando attraverso Whatsapp, la popolare applicazione di messaggistica per smartphone, e avrebbero già raggiunto i cellulari di decine e decine di giovani della Valle, lasciando nel terrore le protagoniste e le loro famiglie.

Il sexy tam-tam sarebbe iniziato con la creazione di una chat multipla con un grande numero di partecipanti, che avrebbero ricevuto da uno sconosciuto – l’ideatore del gruppo – foto scottanti e inequivocabili. Qualcuno, non conoscendo l’individuo, si sarebbe cancellato all’istante, altri ragazzi, invece, avrebbero iniziato a "stare al gioco", inviando a tutti fotografie hot di fidanzate, ex e amiche. Centinaia di immagini che avrebbero per protagoniste giovani nate tra il 1997 e il 1998, residenti – tra gli altri – nei comuni di Branico, di Darfo, di Esine e di Berzo Inferiore. Le minorenni, secondo alcuni testimoni, sarebbero immortalate in pose sexy e atteggiamenti provocanti, ma anche in situazioni molto più intime, compresi atti sessuali con primi piani e a volto scoperto. Scatti fatti in privato dai partner oppure rubati e diffusi da ex vendicativi o da “amiche” gelose.

I giovani protagonisti del fattaccio sembrerebbero essere ignari dei rischi che corrono (un reato penale aggravato dal fatto che i soggetti sono minorenni), tant’è che la notizia e l’allarme per la messaggistica a luci rosse stanno circolando sui social network, in particolare su Facebook c’è chi racconta l’accaduto e mette in guardia le coetanee che si sono prestate in passato a scatti hot.

Sul caso stanno lavorando gli inquirenti, che invitano a denunciare eventuali diffusioni non autorizzate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto

    ma dove vivono tutti? mi domando..a 15/16 anni uno sa cosa fa, nessuno è stupido..se si fanno foto alla “bernarda” e poi la inviano agli amici di turno, sanno cosa rischiano…smettiamola di guardarle come se fossero povere ragazze innocenti vittime dello stupido di turno…sveglia!!

  2. Scritto da il polemico

    atti sessuali con minorenni?per alcuni anni la tv aveva affermato che certe cose erano succedute solo ad arcore,peraltro senza nessuna prova fotografica come in questo caso….ci dobbiamo aspettare che la magistratura di milano parta con procedimenti penali?se non ci sono personaggi che fanno pubblicità alla loro carriera,immagino di no.comunque chi ha divulgato foto hot di persone minorenni,verrà incriminato per una serie di reati penali

    1. Scritto da Ale

      Caro Polemico in modo capzioso fingi di non capire che, a prescindere dall’indubbia gravità della condotta, un conto è che questa sia posta in essere da un 16 enne a danno di un altro 16enne, un altro è che la compia un nonno a danno di una minorenne…

      Credo siano due situazioni leggermente diverse

  3. Scritto da Narno Pinotti

    Su 5 commenti, 4 dànno la colpa alle ragazze. Nessuno di voi ha foto private nel cloud, né le ha mai mostrate a nessun amico contando sulla sua lealtà. E da ragazzo nessuno di voi ha mai sentito la pressione del gruppo a fare o dire certe cose. Se mi faccio fotografare da una persona che amo e con cui sono in intimità, e se le foto vengono diffuse a cani e porci, non è colpa della persona che ha tradito la mia fiducia: è colpa mia. Logica e intelligenza da valligiani, proprio.

    1. Scritto da paride

      bah… se mi faccio fare foto hard non prendendo in considerazione la possibilità che amore ed intimità possono anche esaurirsi, un po’ di responsabilità ce l’ho anch’io…

  4. Scritto da ChePaolo

    Per colpa della vanità’ e della smania di apparire, certe persone si rovinano. Peggio per loro, che ne sono consapevoli…..altro che vittime!!!!

  5. Scritto da c

    Purtroppo Internet in primis ha dato inizio ad un uso sconsiderato della Pornografia,non ci sono regole , oggi un ragazzo anche di 12/13 anni ha accesso a pagine quantomeno discutibili per non dire altro.Mi chiedo la polizia postale che è quella che si occupa di Internet non possa fare chiudere tutto sto schifo.

  6. Scritto da Che post

    Possibile essere cosi oche a 16-17 anni? Possibile non pensare alle conseguenze? E si che in fatto di social network sono bene informate!

  7. Scritto da Denise

    Cari genitori di oggi che pensate che un bambino debba a tutti i costi a 8 anni possedere uno smartphone…. Queste sono le conseguenze…. Regalate tempo e non materiali ai visti ragazzi e si eviteranno di far crescere generazioni di teste vuote e tristi

    1. Scritto da stefano

      Abbiamo letto Crepet?

  8. Scritto da Luigi

    Ma le interessate, perché inizialmente hanno lasciato che qualcuno avesse delle loro foto hot? Che esigenza c’era, essendo minorenni?