BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fecondazione eterologa Lombardia, no tariffa unica Costerà fino a 4mila euro

La Conferenza delle Regioni ha stabilito una tariffa unica per la fecondazione eterologa: unica eccezione la Lombardia che sceglie di far pagare tutto alle coppie interessate.

Per la fecondazione eterologa la Conferenza delle Regioni ha definito una tariffa unica, tra i 400 e i 600 euro, a seconda del ticket fissato dalle singole Regioni per l’insieme delle prestazioni necessarie prima dell’intervento: l’unica eccezione è rappresentata dalla Lombardia che ha confermato la scelta di far pagare interamente ai cittadini, anche se si recano in altre regioni per effettuare l’intervento.

Una scelta fatta in nome della sanità di bilancio, in attesa che il governo decida se inserire o meno la fecondazione eterologa nei Livelli essenziali di assistenza: “Se sarà inserita – ha commentato l’assessore lombardo all’Economia Massimo Gravaglia – se ne assume l’onere e il problema viene risolto alla radice”.

Al momento per una coppia lombarda la prestazione costa tra i 1.500 e i 4mila euro, a seconda della tecnica di fecondazione scelta.

“Ci auguriamo che il governo inserisca la fecondazione eterologa nei Livelli essenziali di assistenza che saranno pronti entro la fine dell’anno – gli ha fatto eco il presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino – Così consentirebbe di eliminare quel margine interpretativo che abbiamo dovuto necessariamente inserire”.

In merito alla compensazione per le prestazioni effettuate in mobilità per paziente da altre regioni, il documento redatto dalla conferenza delle regioni propone che ogni regione riceverà dalle altre la differenza tra la tariffa stabilita convenzionalmente e quanto già introitato tramite i ticket.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da simona

    Che delusione…ero cosi contenta …e per l’ ennesima volta mi hanno tagliato le ali….4000 euro per me sono troppe….

  2. Scritto da Alex

    Forse si dimentica che la Lombardia è in mano a CL, che ovviamente fa di tutto per limitare questo tipo di inseminazioni anche se sono finalmente approvate dalla legge.

  3. Scritto da Indignato orobico

    Maroni fatti riconoscere, tanto per non mettere le mani in tasca ai cittadini vero?
    E solo poche settimane fa annunciava l’abolizione dei Tiket. Un’altra infamata contro i cittadini, bravo.

    1. Scritto da rachele

      che pretendi dai politicanti lumbard.le tasse sono il loro cavallo di battaglia insieme alle macroballe per le menti corte che popolano la nostra regione