BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Denis sbaglia, Tevez no Atalanta strapazzata da una Juve straordinaria

I nerazzurri ci provano, se la giocano alla pari con i campioni d'Italia per mezz'ora ma poi devono alzare bandiera bianca. Il Tanque fallisce il calcio di rigore del possibile 1-1. In gol anche lo spagnolo Morata.

Più informazioni su

Una premessa, anzi due: l’Atalanta ci ha provato fino alla fine e la Juventus è sembrata ancora una volta troppo forte. O sarebbe meglio dire straordinaria. Alla fine al Comunale è 3-0 per i bianconeri: una punizione sicuramente troppo severa per gli uomini di Colantuono, che se la sono giocata a viso aperto sin dal 1′ contro una formazione senz’altro superiore, fatta di grandi campioni che in Italia hanno ancora fame e voglia di dominare.

Il tecnico di Anzio cambia ancora in attacco e si presenta con Boakye in appoggio a Denis. C’è pure il Papu Gomez, dopo il convincente secondo tempo di San Siro. Ma dall’altra parte c’è anche un certo Tevez: è lui il vero protagonista del primo tempo, nonostante l’avvio-sprint dell’Atalanta che porta Baselli vicino al gol già dopo 2′. L’argentino è incontenibile: prima scalda due volte le mani a Sportiello, poi, alla mezz’ora, sblocca il risultato con un gol di rapina, sfruttando al meglio un rimpallo nato da un cross di Lichtsteiner dalla destra.

Nella ripresa si vede lo stesso copione del primo tempo, con i bergamaschi che partono a mille e la Juve che si difende. Al 13′ Molina va giù in area e il direttore di gara assegna la massima punizione all’Atalanta, ma Denis si fa ipnotizzare da Buffon e sul ribaltamento di fronte Tevez, sempre lui, trova la stoccata che vale il raddoppio e che stende quasi definitivamente gli uomini di Colantuono. Di buono, da qui in avanti, c’è che i nerazzurri non rinunciano a giocare, a pressare, ad attaccare, nonostante il risultato ormai compromesso. Così, appare sicuramente come una punizione troppo grande il 3-0 trovato da Morata nel finale. Ma questa Juventus è davvero una super potenza. Almeno in Italia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da uno qualunque

    Denis al momento è mentalmente e fisicamente troppo lontano da una forma accettabile per essere titolare. Speriamo inverta la rotta il prima possibile. La Juve non era certamente la partita in cui fare punti a tutti i costi, ma 3 partite e 6 gol presi e 0 fatti non sono da sottovalutare. Personalmente ho fiducia, la squadra corre e prova a giocare! I risultati arriveranno, ma urge correggere qualcosa..

  2. Scritto da solodea

    Non è una presa di posizione contro Denis che per l’ATALANTA ha fatto tanto e tanto farà ancora, ma ben sapendo che contro la Juventus su azione non segni non puoi tirare un calcio di rigore con la paura di farlo (e si è vista tutta nei movimenti di Denis), pertanto in certe situazioni è meglio, e più sportivo, farsi da parte e dire a qualcun altro di tirare il rigore. Sarebbe stato comprensibile, l’ha fatto anche un certo Falcao in una finale di Coppa Campioni … a Roma !!!

    1. Scritto da digeo

      Concordo, e’ andato sul dischetto senza convinzione. Peccato perché ha fatto per il resto una partita in netta crescita. Per il resto deludente la partita di baselli, che ha paura e si nasconde. I giovani e’ normale che sbaglino (sportiello e zappacosta colpevoli sui gol) ma almeno ci mettano la grinta di molina.

      1. Scritto da uno qualunque

        Non sarei così duro con i giovani.Baselli titolare doveva dare più corsa a metà rispetto a Cigarini,ma non dimentichiamo che di fronte aveva giocatori come Pogba o Vidal.E’ dura un po’ per tutti contro quel centrocampo.Sportiello è andato sicuramente un po’ in ritardo, ma era abbastanza coperto. Se è un grande portiere, lo si vedrà da come reagirà a questa imperfezione. Sul gol più che colpe a Zappacosta darei meriti a come Tevez ha letto la palla e il rimbalzo gran campione!

        1. Scritto da digeo

          Non mi pare di essere stato duro con i giovani. Ho anzi detto che i loro errori vanno accettati perchè fanno parte di un processo di crescita,però devono mangiare l’erba. Molina è entrato come un leone,si è procurato il rigore e un’altra occasione fallita. Baselli (al netto del valore degli avversari) l’ho visto impaurito,timoroso. Zappacosta per me è molto forte, ma in fase difensiva ha lacune evidenti (che si erano già viste due settimane fa a cagliari). Ok i giovani, ma qualcosa paghi.

          1. Scritto da uno qualunque

            Non sono d’accordo.Credo che sia Zappacosta che Baselli abbiano fatto una partita dignitosa contro avversari molto superiori a loro. Molina è stato molto bravo (glielo dicevo l’anno scorso che questo è forte..) ma,ad esempio,nella seconda occasione non cede palla a Bianchi molto meglio posizionato in aerea.Probabilmente quell’errore l’avrebbe commesso anche un giocatore più esperto.I giovani hanno pro e contro come gli esperti. Il problema purtroppo ora è ritrovare i gol, non i giovani..

          2. Scritto da Digeo

            Io parlo dell’impatto di molina sulla partita. Tosto e grintoso. Certo non posso pensare che la risolva lui. Dico che dopo anni di critiche al mister reo di non valorizzare i giovani, ora ne stanno giocando molti e anche se sono singolarmente tutti forti qualcosa si paga nel complesso, anche in termini di inesperienza. 5 giovani schierati con la Juve (sportiello zappacosta baselli boakye molina) non sono uno scherzo

          3. Scritto da uno qualunque

            Vero è una netta inversione di tendenza (finalmente),ma i peggiori in campo (vuoi per forma, vuoi per posizione o altro) sono stati Denis e Gomez, dei “non-giovani”.Quindi il problema non sono nemmeno lontantanamente i giovani, ma la scarsa forma ed efficacia dell’attacco. Se poi in questi anni non si sono create alternative al gioco Denis-Moralez o non si sono inseriti gradualmente giocatori utili al gioco, è un altro discorso. Ora speriamo si trovino i correttivi rapidamente.

          4. Scritto da digeo

            Credo che l’unico correttivo necessario nella formazione di Genova sarà cigarini per Baselli e (forse) d’Alessandro per Gomez. Non cambierei null’altro. Per quanto Denis sia fuori forma non rinuncerei mai al Tanque. Deve giocare per sbloccarsi

          5. Scritto da uno qualunque

            Non per forza i correttivi devono essere nei nomi, ma credo più nei movimenti e negli atteggiamenti tattici dei singoli. Su Denis non sarei così sicuro. Spero si possa adattare rapidamente al nuovo modo di giocare dei compagni o viceversa i compagni al suo. Così di certo non va… Speriamo

  3. Scritto da nino cortesi

    Manca Maxi il pilota del Concorde. Denis non c’entra con questa squadra. Boakyè è l’unico centravanti che abbiamo. Un allenatore imbarazzante pur avendo la società messo a disposizione giocatori formidabili come Dramè, Boakyè, Benalouane.

  4. Scritto da Vikingo62

    Yuve: altro pianeta ! Differenza quasi imbarazzante.