BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Frana di Berbenno, i lavori ultimati entro 90 giorni”

"Questa mattina, a distanza di pochi mesi, abbiamo dato il via alla seconda fase dei lavori, finalizzati alla stabilizzazione definitiva del versante. Abbiamo voluto presenziare anche per dimostrare la vicinanza territoriale della Regione. Questa seconda fase comporta un ulteriore investimento di 300.000 euro che la Regione ha voluto effettuare per garantire la sicurezza dei residenti e per evitare altre interruzioni dei collegamenti.

"Questa mattina, a distanza di pochi mesi, abbiamo dato il via alla seconda fase dei lavori, finalizzati alla stabilizzazione definitiva del versante. Abbiamo voluto presenziare anche per dimostrare la vicinanza territoriale della Regione. Questa seconda fase comporta un ulteriore investimento di 300.000 euro che la Regione ha voluto effettuare per garantire la sicurezza dei residenti e per evitare altre interruzioni dei collegamenti. I lavori saranno ultimati in massimo 90 giorni e teniamo a precisare che saranno effettuati da imprese della zona". Lo hanno detto l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia, Simona Bordonali e l’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Claudia Terzi, che si sono recate questa mattina a Ponte Giurino di Berbenno per dare inizio ai lavori di sistemazione del versante interessato lo scorso febbraio da una frana.

ATTIVATI IMMEDIATAMENTE – "La frana di Berbenno ha causato notevoli disagi agli abitanti della Valle Imagna, interrompendo per qualche giorno anche i collegamenti viabilistici. La Regione Lombardia si è attivata immediatamente per riaprire la strada e per effettuare gli interventi di stretta necessità" hanno dichiarato.

REGIONE STA FACENDO POSSIBILE – "Questi ultimi mesi sono stati caratterizzati da forti precipitazioni che hanno interessato tutto il territorio lombardo. – concludono i due assessori regionali – La Regione ha fatto e sta facendo tutto il possibile, anche al di là delle proprie competenze, per risolvere tutte le criticità che si sono verificate. Ricordiamo però che la Lombardia ha un residuo fiscale di circa 50 miliardi di euro all’anno e sarebbe ora che anche lo Stato centrale intervenisse per risolvere i problemi del nostro territorio".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da resiliente

    Mi sarei aspettato che la Terzi desse la colpa a Prodi…

  2. Scritto da Gigi

    Forti precipitazioni? Problemi tecnici? Giustificazioni del tipo “chi più ne ha,più ne metta”? Il fatto è che soltanto in un paese del terzo mondo una strada può essere resa a senso unico alternato per ben sette mesi senza che sia stato fatto quasi nulla. Il resto è chiacchiera.