BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Dal Comune 1,9 milioni per pagare il tribunale e dallo Stato torna il 20%”

Pochi lo sanno: il Comune di Bergamo paga tutte le spese per il mantenimento del tribunale. Nonostante sia un servizio di cui usufruiscono gli abitanti di tutta la provincia (e anche oltre), a pagare è solo Palafrizzoni e quindi i cittadini del capoluogo. In tempi difficili per i conti degli enti locali l'amministrazione è costretta a sborsare quasi due milioni di euro (per la precisione 1,9) per la gestione del tribunale di via Borfuro e l'attività dei giudici di pace.

Più informazioni su

Pochi lo sanno: il Comune di Bergamo paga tutte le spese per il mantenimento del tribunale. Nonostante sia un servizio di cui usufruiscono gli abitanti di tutta la provincia (e anche oltre), a pagare è solo Palafrizzoni e quindi i cittadini del capoluogo.

In tempi difficili per i conti degli enti locali l’amministrazione è costretta a sborsare quasi due milioni di euro (per la precisione 1,9) per la gestione del tribunale di via Borfuro e l’attività del giudice di pace: riscaldamento, pulizie, addirittura le spese telefoniche dei magistrati. Non da ultimo il contratto di affitto per l’ex scuola di magistratura a cui è arrivato il via libera dal ministero della Giustizia. Si parla di una cifra di poco meno di 200 mila euro che il Comune dovrà mettere sul piatto per ampliare il tribunale e risolvere il problema di spazi. Dei 1,9 milioni messi a bilancio ogni anno da Palafrizzoni lo Stato, secondo la normativa, dovrebbe restituire l’80%. Le percentuali invece sono completamente ribaltate. Bergamo garantisce l’80% delle risorse, Roma ne fa tornare un quinto. Molti altri Comuni capoluogo si sono rivolti ad Anci per protestare.

Il vicesindaco e assessore al Bilancio Sergio Gandi incontrerà i rappresentanti del tribunale per ridiscutere alcune spese, come confermato durante la spiegazione degli equilibri di bilancio in commissione. “Gli 1,9 milioni gravano in maniera molto significativa sulle casse comunali – spiega -. Soltanto una quota minoritaria ci viene restituita. Nell’ultimo triennio di quello che abbiamo messo per affiancare il ministero della giustizia non incassiamo un quinto. Ci sarà un tentativo di discutere con chi dovere. Alcune voci di spesa sono singolari: le spese telefoniche dei magistrati non sono cosa da poco di questi tempi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pluto

    I professionisti privati della giustizia -al 90% cittadini- hanno voluto il tribunale in pieno centro città dentro un palazzo trappola invece che su una circonvallazione, prossimo alle stazioni e fianco a fianco del palazzo dei professionisti. Perciò chi vuole la trippa ne paghi anche il conto. Invece di chiudere i tribunali periferici forse era il caso di spostare altrove TUTTO il tribunale di Bergamo.

  2. Scritto da Discutere?

    Hanno il salva roma e poi ci facciamo carico anche di tutte queste spese… E solo ora viene detto? Prima le nostre casse stavano meglio?

  3. Scritto da Lex

    Un anno fa venivano soppresse le sezioni distaccate del tribunale perché si presumeva costassero troppo e ciò nel vigore della spending rewiev: qualcuno ora mi spiega che senso ha locare altri immobili? Non aveva più senso mantenere ancora aperta una sezione distaccata per comodità dei cittadini?

  4. Scritto da Mister Bean

    Lo stato, farabutto e sprecone, deve farsi carico dei costi dei tribunali. Altrimenti lasci sul territorio tutti gli introiti delle imposte, come avviene in sicilia e in trentino.