BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tribunale, via libera all’ampliamento nell’ex scuola magistratura

Il ministero di Giustizia ha dato il via libera all'ampliamento del tribunale di Bergamo nell'edificio che avrebbe dovuto ospitare la scuola di magistratura. L'ipotesi circolava da un anno, da Roma però è arrivata la certezza solo ora. Grazie a questo parziale trasferimento dovrebbero essere risolti i problemi di spazio del tribunale. La situazione è molto critica da tempo: le aule non bastano per gestire il lavoro di giudici personale amministrativo.

Più informazioni su

Il ministero di Giustizia ha dato il via libera all’ampliamento del tribunale di Bergamo nell’edificio che avrebbe dovuto ospitare la scuola di magistratura. L’ipotesi circolava da un anno, da Roma però è arrivata la certezza solo ora. Grazie a questo parziale trasferimento dovrebbero essere risolti i problemi di spazio del tribunale. La situazione è molto critica da tempo: le aule non bastano per gestire il lavoro di giudici personale amministrativo.

“Lo scambio di documenti tra il tribunale di Bergamo e il ministero della Giustizia si è concluso positivamente – spiega l’onorevole del Pd Antonio Misiani -. Grazie a questo accordo il Comune di Bergamo potrà stipulare il contratto di affitto con la scuola di magistratura e il tribunale risolvendo i problemi logistici”.

L’edificio della scuola di magistratura, di proprietà del collegio Sant’Alessandro, è stato affittato dal ministero dal 2008 al 2012 in vista dell’apertura della scuola per formare i magistrati. Dal 2008 al 2010 Palazzo Frizzoni e Via Tasso avevano sborsato 580mila euro per l’affitto da pagare alla Curia. Il contratto è poi passato all’agenzia del Demanio, per conto del ministero: altri 220 mila euro.  Dopo la sistemazione dello stabile, lunghi anni di trattative e un’inaugurazione in pompa magna non se n’è fatto più nulla. Sono stati gettati al vento 800 mila euro di soldi pubblici. Il ministero ha preferito prediligere una sede unica a Scandicci, in provincia di Firenze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alfredo Leidi

    Com’è che quando si fanno queste operazioni, dopo pochi anni c’è già un cambiamento???? Un po’ più di lungimiranza non guasterebbe caro il mio Stato italiano!!!! Senz’altro darebbero un po’ più di credibilità ad uno stato che ….chiamarlo TITANIC è ancor poco… oltre che ad essere nettamente meno sprecone e più economico nella gestione!!!!!!

  2. Scritto da Indignato

    Chissà come mai con Renzi la scuola di magistratura andrà a Scandicci, forse per lo stesso motivo che quando cera Castelli andava a Caprino?
    E chi è quel genio che ha fatto il tribunale in un vicolo del centro senza parcheggi e ora, dopo pochi anni si scopre che è anche sottodimensionato?
    E come mai paghiamo e pagheremo alla curia di Bergamo l’affitto?
    In sostanza siamo governati da parodie di politici, cosa aspettiamo a cacciali a calci in cu..o?

    1. Scritto da paolot

      In centro c’è PIENO di parcheggi. Privati, pubblici a pagamento, pubblici gratuiti. Basta fare due passi.
      Senza dimenticare quella cosa segretissima chiamata “autobus”.
      Ah già, ma tu forse sei troppo indignato per usare le gambe.

  3. Scritto da MAURIZIO

    I problemi di spazio di una importante pubblica amministrazione non si risolvono con i metri quadrati di pavimento, ma con procedure corrette e con l’informatica. Idioti con la laurea.