BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Investigatori certi che il furgone ripreso sia quello di Bossetti

Gli investigatori che stanno indagando sull’omicidio di Yara Gambirasio sono riusciti a stabilire con certezza che è proprio quello di Massimo Giuseppe Bossetti l’autocarro Iveco Daily ripreso dalla telecamere di una banca a Brembate non distante dalla casa della ragazza, intorno alle 18 del 26 novembre 2010, quando la tredicenne sparì per essere trovata uccisa tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola.

Gli investigatori che stanno indagando sull’omicidio di Yara Gambirasio sono riusciti a stabilire con certezza che è proprio quello di Massimo Giuseppe Bossetti l’autocarro Iveco Daily ripreso dalla telecamere di una banca a Brembate non distante dalla casa della ragazza, intorno alle 18 del 26 novembre 2010, quando la tredicenne sparì per essere trovata uccisa tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola. Per stabilirlo, i carabinieri del Ros sono ricorsi anche alla consulenza di personale della Iveco proprio addetto alla progettazione e realizzazione del Daily. Quello del muratore presenta delle caratteristiche non di serie.

Il principale indiziato, fin dai primi interrogatori, ha fornito una spiegazione: «Ero andato dal meccanico, poi dal falegname e dal mio commercialista». Gli investigatori stanno cercando di capire se le affermazioni del muratore siano vere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    Se la prova del DNA che è l’unica che abbia un certo peso, non è sufficiente per incriminare e poi condannare il presunto colpevole, agli inquirenti del caso, converrà cercare altre prove determinati, perchè quelle presentate fino ad ora mi sembrano a dir poco ridicole.

  2. Scritto da il polemico

    ma bene,dna maschile,tracce di cantiere edile,furgone bianco preso dalle telecamere e il numero di cellulare del proprietario del furgone nel famoso tabulato della cella.e con tutti questi indizi ci hanno inpiegato oltre 3 anni a risalire all’indagato?si è sempre detto che si cercava uno che conosceva la zona,ma hanno mai controllato al pra di bergamo o alle concessionarie della zona chi aveva acquistato un furgone bianco più o meno di età simile a quello del video ?mahhhhh

  3. Scritto da Remo

    Siamo sempre più nel ridicolo: non hanno trovato il DNA di yara nel furgone di bossetti: no, l’hanno individuato! e da che cosa? dalla targa? da una immagine di lui? no, da un catarifrangente, da un video scuro, di bassassima qualità e con un contrasto pessimo, ma sono riusciti a vedere il caratifrangente. Peccato solo che no sia il suo perché quello dei video ha due antinebbia sul tettuccio mentre il fugone di bossetti non li può montare.