BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Frana di Serina, Pirovano: “Noi siamo pronti Il Comune è in ritardo”

“Noi siamo pronti, stiamo aspettando che la montagna sia messa in sicurezza. Spero che sia chiaro anche agli esponenti del comitato”. Il presidente della Provincia Ettore Pirovano vuole far chiarezza sui lavori di sistemazione del ponte in località Rosolo di Serina. Dal dicembre 2013 una frana costringe gli abitanti di Serina, Cornalba e Oltre il Colle a percorrere un tragitto più lungo per scendere a valle.

“Noi siamo pronti, stiamo aspettando che la montagna sia messa in sicurezza. Spero che sia chiaro anche agli esponenti del comitato”. Il presidente della Provincia Ettore Pirovano vuole far chiarezza sui lavori di sistemazione del ponte in località Rosolo di Serina. Dal dicembre 2013 una frana costringe gli abitanti di Serina, Cornalba e Oltre il Colle a percorrere un tragitto più lungo per scendere a valle. Le conseguenze sull’economia si sono fatti sentire già quest’estate e per l’inverno le prospettive non sono rosee.

Come mai si muove poco o nulla? Pirovano ripercorre passo per passo tutto il procedimento autorizzativo e punta il dito contro il sindaco di Serina Giovanni Fattori. “Ho tutti i verbali – spiega -. Il 23 aprile del 2014 viene sottoscritta una convenzione tra Regione e Comune di Serina, destinatario di 1,2 milioni in qualità di ente attuatore. Il primo cittadino ha deciso che il “responsabile unico del procedimento” è lui stesso. Nella riunione dello scorso 15 maggio sono state concordate le date: entro la prima parte di luglio doveva essere pronto il progetto preliminare. Di seguito doveva essere fatto l’affidamento per il progetto esecutivo e definitivo. In quella sede sia io che l’ingegner Renato Stilliti abbiamo offerto tutto il sostegno tecnico della Provincia di Bergamo, che di questi temi si occupa ogni giorno. Il sindaco Fattori non si è rivolto a noi, ma ha scelto una società esterna. Ecco la delibera del Comune: “Il rup Giovanni Fattori, sindaco del Comune, verrà affiancato per le incombenze tecniche e di finanziamento dei lavori in parola dalla società Mediagraphic di Barletta. Ora noi stiamo aspettando il progetto. Capisco che il comitato si faccia sentire, ma è chiaro che la Provincia può rifare il ponte solo quando la montagna è stata messa in sicurezza. Per ora hanno solo tagliato i rami. Senza il progetto esecutivo non possiamo fare l’appalto. Tutto il tempo che stiamo perdendo si ripercuote sulla valle”.

Anche l’architetto Daniele Sari della Provincia conferma la ricostruzione del presidente: “Se fossimo stati noi nella posizione del Comune e non avessimo consegnato il progetto nei tempi prestabiliti chissà che polemiche avremmo dovuto affrontare. Noi siamo disposti, anche ora, ad essere coinvolti a livello tecnico”.

Il sindaco di Serina Giovanni Fattori non ci sta e ribalta le accuse: “Quei lavori dovevano essere fatti dalla Provincia, invece non si è presa carico per le problematiche legate al patto di stabilità. Il disboscamento è terminato lunedì scorso, stiamo aspettando il completamento dei rilievi geologici. In una ventina di giorni avremo il progetto preliminare predisposto dal geologo”. Nel frattempo il comitato protesta e i cittadini continuano ad aspettare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    E per fortuna che il sindaco e il presidente della provincia sono dello stesso partito !

    1. Scritto da giuseppe

      Ma poi perchè una società di Barletta? Offriva prezzi e garanzie migliori comparate ad altre e soprattutto rispetto alle competenze presenti in Provincia? Secondo il mio parere la non so se l’arteria sarà riaperta il prossimo anno…

  2. Scritto da Ivan

    Purtroppo non siamo in periodo elettorale, altrimenti vedevi come si sbattevano x ricostruire la strada!

  3. Scritto da Maradona

    Lasciamo la patata bollente al comitato che la sa’ lunga a parole…. Vediamo se sono capaci solo di protestare o anche di fare… Visti i rappresentanti ci faranno transitare dalla val del riso sino al 3000….assurdo…. L’inconcludente che da’ dell’inconcludente……

    1. Scritto da Piero Berbenni

      Il Comitato Frana S.P. 27 nasce per informare i cittadini sulle evoluzioni della situazione strada a marzo 2014 (lunedi 17 per la precisione). Come tantissimi altri comitati che nascono in situazioni simili attuiamo iniziative di informazione e se serve anche di protesta.
      Che senso ha dire “vediamo se sono capaci solo di protestare o anche di fare”?
      I rappresentanti li conosci giusto? Quindi se hai consigli utili puoi tranquillamente contattarli! Ok Maradona??
      Ps. Salutami Caniggia!!

  4. Scritto da zanzara

    Tutto previsto. Rimpallo di responsabilità e i cittadini rimangono senza servizi. Un Sindaco che si assume il compito di “coordinamento” sapendo di non avere le necessarie strutture tecniche, una Provincia che si smobilita ben contenta di lavarsene le mani. Spettacolo da quarto mondo.

  5. Scritto da memoria!!!!!

    Per fortuna, sia Pirovano che Fattori sono dello stesso partito. Se non si capiscono tra di loro come faranno ad amministrare? Intanto chi ci rimette sono i poveri cittadini e gli operatori della Valserina.

  6. Scritto da pietro

    Ogni tanto ho come l’impressione che c’è un capovolgimento delle realtà. Ma scusate, la strada di chi è ? Della Provincia? Bene allora il problema è della Provincia. Seconda cosa: il territorio dove è caduta la frana si trova a cavallo tra i comuni di Costa Serina e Algua quindi l’unico che non ha nessuna voce in capitolo è Serina. Mi spiegate adesso perché ne Provincia, ne comune di Algua ne comune di Costa Serina hanno fatto nulla e hanno lasciato tutte le incombenze sul povero Sindaco.

    1. Scritto da reflex

      Come si legge dall’articolo < >… ciò che dice Pirovano è vero. Lo stesso sindaco di Serina si è proposto nel seguire il procedimento e prendere l’incarico di RESPONSABILE… quindi la vera domanda è: PERCHE????

  7. Scritto da MAURIZIO

    Il solito penoso spettacolo. Con queste istituzioni governate da questi uomini non abbiamo alcun futuro. Il problema italiano è tutto qui. Le lotte di potere tra le istituzioni sono molto più dannose del debito pubblico in sé perché sono loro, insieme alla grande speculazione finanziaria, a contribuire largamente alla sua formazione.