BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zappacosta è un mostro Male Maxi Moralez e il timoroso D’Alessandro

Il terzino sfodera un'altra grandissima prestazione, mentre il folletto argentino e l'esterno ex Cesena si vedono pochissimo. Tra i promossi Cigarini, Gomez e Sportiello.

Più informazioni su

Sportiello 6: fantastico nel respingere il calcio di rigore di Palacio, un po’ meno sicuro nelle uscite. Incolpevole sul gol di Osvaldo, ma sulla punizione di Hernanes la parte della porta in cui è entrata la palla era quella che copriva lui.

Zappacosta 6.5: questo ragazzo, se non si perde per strada, ha davanti un futuro più che radioso. A San Siro disputa un’altra gara maiuscola mettendo spesso e volentieri in crisi Juan Jesus e coprendo la sua zona con attenzione. Il migliore dei bergamaschi.

Benalouane 5.5: fisicamente è un mostro e in marcatura sbaglia pochissimo. Ma spesso, troppo spesso, compie interventi inutili e dannosi per i suoi, come la sciocchezza che ha regalato il calcio di rigore all’Inter nel primo tempo.

Cherubin 5.5: con Osvaldo va in crisi più volte. La sua presenza al posto dell’acciaccato Biava non ha regalato quella sicurezza che Colantuono sperava.

Dramè 5.5: sulla sinistra prova a spingere con continuità ma sulla sua prestazione pesa come un macigno il gol di Osvaldo, che lui doveva marcare in occasione della marcatura che ha deciso la gara. L’attaccante interista, però, nell’occasione sembra liberarsi con una spinta un po’ troppo energica.

Estigarribia 5.5: sulla destra prova a spingere ma è troppo timido. Un passo indietro dopo l’ottima prova con la Fiorentina.

Cigarini 6.5: buonissima prestazione quella del regista emiliano che con le sue geometrie mette ordine e fa ripartire. E nel finale, nonostante la tanta corsa, si fa anche vedere con degli inserimenti che portano qualche apprensione alla difesa milanese.

Carmona 6: in mezzo compie il solito lavoro sporco, recuperando pallone e distribuendo anche qualche calcione agli avversari. Rischia grosso nel primo tempo quando regala un contropiede all’Inter concluso, per sua fortuna, malamente da Kovacic.

D’Alessandro 5.5: sulla fascia di competenza osa poco, nonostante un Jonathan che gli lascia ampi spazi (5’ st Gomez 6.5: il suo ingresso sembra dare la scossa e dalla sinistra è lui a creare i pericoli degni di nota per i guantoni di Handanovic. Quando titolare?).

Maxi Moralez 5: contro la fisicità dei difensori interisti può davvero poco e i compagni ci mettono del loro servendolo troppo spesso con inutili lanci lunghi. I pochi palloni che tocca, comunque, li sbaglia quasi tutti (5’ st Boakye 5.5: si muove bene e si dà un gran daffare tra pressing e inserimenti. Ma la sostanza, quella importante, manca).

Bianchi 5.5: là davanti si batte come un leone ma di palloni veramente giocabili per lui ne arrivano col contagocce. Può, deve crescere ancora (28’ st Denis s.v.).

 

Colantuono 5.5: ci prova e questo gli va dato atto, ma la scelta di Maxi Moralez al posto di Boakye dal 1′ lascia un attimo perplessi. La sua Atalanta, alla seconda sconfitta consecutiva, non è comunque dispiaciuta, ma con un calendario così gli elogi per il bel gioco servono veramente a poco.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.