BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Variante di Zogno Stop di un mese, si attendono i soldi

La Provincia ha fatto la sua parte mettendo nero su bianco 7,8 milioni di euro. Ora si attendono le mosse di Regione Lombardia che a parole ha promesso sostegno al completamento della variante di Zogno, ma che non ha ancora deliberato nulla di ufficiale. Il presidente della Provincia Ettore Pirovano ha incontrato martedì i rappresentanti dell'impresa Itinera di Tortona per riorganizzare il cronoprogramma del cantiere alla luce degli extra costi emersi nei giorni scorsi.

La Provincia ha fatto la sua parte mettendo nero su bianco 7,8 milioni di euro. Ora si attendono le mosse di Regione Lombardia che a parole ha promesso sostegno al completamento della variante di Zogno, ma che non ha ancora deliberato nulla di ufficiale. Il presidente della Provincia Ettore Pirovano ha incontrato martedì i rappresentanti dell’impresa Itinera di Tortona per riorganizzare il cronoprogramma del cantiere alla luce degli extra costi emersi nei giorni scorsi. In totale si stimano 24 milioni in più a causa di interventi geologici necessari per garantire la sicurezza della strada che permetterà ad auto e camion di arrivare prima nel cuore della Valbrembana.

Inevitabile uno stop del cantiere, almeno di un mese. I lavori ricominceranno entro fine ottobre in attesa che vengano svolte tutte le perizie (questa volta precise, si spera) sulle lavorazioni che dovranno essere effettuate e sui costi che comporteranno. La verifica è attesa anche dalla Regione che prima di garantire i 16 milioni di euro vuole capire se negli anni passati sono stati commessi errori progettuali (leggi qui). Punto di domanda sull’apertura della strada. Nei giorni scorsi si è parlato addirittura di 2017, ma dopo l’incontro di martedì i tempi potrebbero accorciarsi, per la gioia di imprese e abitanti della valle che attendono con ansia questa infrastruttura.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea

    complimenti a chi aveva fatto il preventivo, a chi aveva fatto i sopralluoghi e a chi ha curato l’appalto… anche qui abbiamo nel nostro piccolo le Salerno-Reggio Calabria…ma tanto paga pantalone…

    1. Scritto da ercole

      Mi spiace, ma i progettisti avevano stimato 64000000 di € e invece i più bravi hanno assegnato l’opera a 44.000.000€ andiamo a cercare chi è stato il più bravo. Ovviamente il primo della classe.

    2. Scritto da memoria!!!!!

      complimenti all’oramai ex assessore competente (sic!) promosso consulente in regione………speriamo che almeno li ne azzecchi qualcuna…………

      1. Scritto da wiw

        come dice il proverbio…..chi vive sperando muore aspettando

      2. Scritto da Peppe

        Peccato si sbagli sempre a citare le persone che hanno contribuito a questa situazione… forse bisognerebbe andare a sentire gli assessori del caro presidente prezzemolino che diceva “mola mia”!!!

  2. Scritto da Piero

    Bravo Maurizio! Credo che mai nessuno si sia rifiutato di recarsi in alta Valle Brembana a causa del tappo di Zogno….. Il tunnel porterà giovamenti, ma non farà riaprire automaticamente le aziende. La Sanpellegrino, nonostante Zogno senza tunnel, ha continuato a lavorare tranquillamente.

  3. Scritto da Barzellette

    Ah ah “la Provincia ha fatto la sua parte” , tanto paga chi viene dopo Pirovano , neh ? Asfaltate le strade che sono un disastro da anni : mondo boia !

  4. Scritto da MAURIZIO

    Non sono un esperto di economia né particolarmente intelligente. Tuttavia, mi rifiuto di abboccare alle deliranti dichiarazioni per le quali il futuro economico della valle sarebbe legato a un tunnel. L’opera darà certamente giovamento, ma il rilancio economico è tutt’altra cosa. Le strade informatiche e satellitari, sono altrettanto e più importanti delle strade asfaltate. Così pure le leggi e il basso tasso di burocrazia, di corruzione o di stupidità degli amministratori locali.

    1. Scritto da Gio

      Chiedi a un milanese perche’ non viene piu’ a Foppolo o a fare il weekend in valle