BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Un’Atalanta timida, Osvaldo ed Hernanes la puniscono: è 2-0

I bergamaschi contro l'Inter di Mazzarri subiscono la seconda sconfitta consecutiva. Gli uomini di Colantuono se la giocano ma si rendono raramente pericolosi: il ko è più che giusto.

Più informazioni su

Timida e poco incisiva, l’Atalanta di Colantuono rimedia a San Siro la sua seconda sconfitta consecutiva in campionato. Vittoria meritata quella dell’Inter di Mazzarri, che ha concretizzato a dovere un dominio territoriale piuttoso evidente che rispecchia in pieno il risultato finale. Per vincere a Milano, come successo proprio contro i nerazzurri nelle ultime due stagioni, serviva una Dea sicuramente diversa, più cattiva, più vivace, forse anche più offensiva.

Il turnover costringe in panchia la coppia offensiva delle ultime uscite Boakye-Denis, dando spazio all’inedito duo d’attacco Maxi Moralez-Bianchi. L’Inter è però tutt’altra cosa rispetto alla formazione molle e insicura che si era ammirata negli ultimi anni, e non è un caso se all’intervallo il migliore dei ventidue in campo risponda al nome di Marco Sportiello: l’estremo difensore atalantino bagna infatti il suo debutto alla Scala del calcio prima con un’uscita rivedibile, per poi riscattarsi alla grandissima respingendo il calcio di rigore di Palacio alla mezz’ora. A spianare la strada agli uomini di Mazzarri è però un’autentica magia dell’italo-argentino Osvaldo, l’ex che a Bergamo i tifosi nerazzurri non si sono mai potuti godere per davvero.

Nella ripresa Colantuono ci prova, buttando nella mischia Gomez, Boakye e, qualche minuto dopo, Denis, correggendo di fatto l’errore commesso schierando un Maxi Moralez apparso un oggetto misterioso tra i giganti della difesa interista, che non gli hanno praticamente mai fatto vedere palla. Davanti, proprio per questo motivo, Bianchi appare spesso e volentieri abbandonato al suo triste destino. Così, la gara prende una piega diversa, con Handanovic che si deve sporcare i guantoni impegnato più volte dall’ex Catania. Ma è poco, troppo poco per pensare di poter riacciuffare gli interisti, che nel finale trovano il gol della sicurezza con una punizione splendida di Hernanes. 2-0 e tutti a casa, senza nemmeno il tempo di leccarsi le ferite: sabato sera al Comunale arrivano i campioni d’Italia della Juventus, ancora a punteggio pieno e con zero gol subiti dopo quattro gare di campionato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da digeo

    Non attacchiamoci agli episodi (benche il fallo della punizione del 2-0 sia inesistente e sul gol di osvaldo c’è forse fallo ai danni di dramè) loro hanno meritato per gioco e occasioni. Noi abbiam giocato una partita discreta(considerato il necessario turn over) ed abbiam pagato il dispendio avuto con la FIorentina. Il calendario purtroppo non ci ha dato neppure una partita abbordabile (in linea teorica) nel trittico settimanale, cosicchè anche calibrare il turno over diventa problematico

  2. Scritto da barriera & bomboletta

    Con l’uso della bomboletta, mettere la barriera per le punizioni dal limite è peggio che subire un rigore. Nel secondo caso il portiere vede almeno partire la palla….

  3. Scritto da rigore

    Se quello su Ranocchia è un rigore inventato, siamo alle comiche finali. Peggio dei napoletani! Gne gne gne

    1. Scritto da arzu

      il rigore a gioco fermo non l’ avevo mai visto. detto questo, con lo stesso metro andava annullato il gol a osvaldo. direi che gervasoni poi con la punizione finale si è fatto perdonare alla grande. sconfitta meritata, ma i due gol sono un dato di fatto non regolari, napoletani o no.

    2. Scritto da carlo

      Io aggiungerei che dovevano finire in 10 il primo tempo, che di episodi dubbi ce ne sono stati altri 2 e che hanno fatto 1 tiro in porta. Ma leggendo altri commenti hanno dominato la partita…..I rigori che invece hanno ricevuto nelle ultime partite erano tutti nettissimi…..Del resto il giubbotto Napoli style l’hanno già in dotazione……

      1. Scritto da sergio

        mi fa piacere che dopo 4 anni che non vi si sente tornate a parlare,sul fatto di napoli :dato la provenienza della gente che frequenta la vostra curva non so quanto vi conviene ironizzare…

        1. Scritto da carlo

          Abbiamo sempre parlato, visto che in un anno in meno di storia abbiamo poco (ma veramente poco) di più in bacheca. Non so chi frequenta la curva, visto che mi siedo in tribuna allo stadio, vedo però la gentaglia che frequenta quella di Bergamo (centri sociali, ecc.). Il Napoli style però vi appartiene in pieno:gente senza casco in motorino (a Bergamo succede solo quando gioca l’atalanta), così come quello che riuscite ad inventarvi per una partita persa sul campo, nonché il giubbotto.

          1. Scritto da sergio

            e la tua storia è talmente immensa che vieni qui su bergamonews a fare il fenomeno per aver battuto l’ atalanta? ? dai , torna in tribuna, e mi raccomando quando vedi cinesi e indonesiani ricordati l’ inchino.

          2. Scritto da carlo

            Meglio l’inchino ad un Indionesiano che ad uno che vede la verità come Lei. Parlate di Gervasoni, ma non ve lo ricordate cosa ha fatto a vostro favore 2 anni fà…..Sono Bergamasco, ma come tantissimi non mi stà simpatica l’atalanta ed in particolar modo i suoi tifosi. Non faccio il fenomeno, commento i fatti ed espongo la verità.

          3. Scritto da digeo

            Due anni fa Gervasoni arbitrò male una gara che l’Atalanta meritò di vincere. Ieri Gervasoni ha arbitrato male una partita che l’Inter ha meritato di vincere. Stop. Detto questo, non dimentichiamo che tre anni fa (campionato 2011-2012) in Inter-Atalanta 0-0 venne negato un clamoroso rigore all’Atalanta per fallo di Lucio su Gabbiadini. Era la disastrosa Inter di Ranieri. Se parliamo di arbitraggi indietro nel tempo credo che l’Atalanta sia abbondantemente a credito….Lasciamo perdere.

          4. Scritto da Almagro

            Punizione inesistente e rigore dato a gioco fermo…..noi Napoli style, voi Juventus style, anzi rubentus style. Fai tu chi è messo peggio.

          5. Scritto da redeyetie

            non male… interisti amici di gervasoni, dopo aver pianto lacrime e tirato bestemmie nei forum per la designazione. partita persa meritatamente dalla dea, ma non si può dire che sia stata vinta meritatamente, visti i rimborsi arbitrali (una spinta meno evidente ha generato la punizione da cui il gol di osvaldo). ma si sa… basta piangere e abbaiare e tutto si sistema. stile inter, appunto. stile adl. e questi vogliono riformare il calcio….

  4. Scritto da vittorio

    concordo con i Sigg.ri Cortesi e Giulio: 1 si gioca anche nella meta’ campo avversaria e senza timidezze , troppe ieri sera. 2 Gervasoni due errori grossolani .3 D’ Alessandro deve e dico deve puntare l’ uomo.

  5. Scritto da f66

    Vabbe’ se era il tributo da pagare per poter “fermare” sabato la Rubentus va bene….

  6. Scritto da Luciano Bellotto

    Cambi iniziali sbagliati, sbagliate le sostituzioni, cosa aspetta la Dirigenza Societaria a cambiare allenatore?

    1. Scritto da bob

      e Lei a cambiare forum nei quali esporre aspettative e suggerimenti quanto meno irrazionali come questo?

  7. Scritto da nino cortesi

    Si gioca anche nella metà campo avversaria.
    Perché l’Atalanta non lo fa.

  8. Scritto da giulio

    Due a zero, vabbè ma … rigore che non c’è, primo gol bello ma da annullare, secondo bellissimo ma da punizione inventata!!!
    Non lo dico io ma sky!!!
    Passando a sabato prossimo, giocherei con Papu e Boakye.