BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Affondo di de Bortoli al premier Renzi: cosa ne pensi?

Ferrruccio de Bortoli, nell'editoriale di mercoledì 24 settembre, il giorno del lancio del nuovo formato del Corriere della Sera, prende di mira il premier Matteo Renzi e lo attacca a testa bassa. La squadra, il patto del Nazareno, l'egocentrismo ipertrofico... sono nel mirino del direttore del quotidiano moderato per definizione. Vi chiediamo un parere: scrivete nei commenti cosa pensate di questo autorevole intervento.

Più informazioni su

Ferrruccio de Bortoli, nell’editoriale di mercoledì 24 settembre, il giorno del lancio del nuovo formato del Corriere della Sera, prende di mira il premier Matteo Renzi e, senza nemmeno cercare uno spunto dalla cronaca, lo attacca a testa bassa. La squadra, il patto del Nazareno, l’egocentrismo ipertrofico… sono nel mirino del direttore del quotidiano di via Solferino, "moderato" per definizione.

Giornali e politici italiani provano a dare una spiegazione a questo affondo inaspettato e duro. Noi di Bergamonews chiediamo a voi un parere: scrivete nei commenti cosa pensate di questo autorevole intervento.   

Devo essere sincero: Renzi non mi convince.

Non tanto per le idee e il coraggio: apprezzabili, specie in materia di lavoro. Quanto per come gestisce il potere.

Se vorrà veramente cambiare verso a questo Paese dovrà guardarsi dal più temibile dei suoi nemici: se stesso. Una personalità egocentrica è irrinunciabile per un leader. Quella del presidente del Consiglio è ipertrofica.

Ora, avendo un uomo solo al comando del Paese (e del principale partito), senza veri rivali, la cosa non è irrilevante.

Renzi ha energia leonina, tuttavia non può pensare di far tutto da solo. La sua squadra di governo è in qualche caso di una debolezza disarmante. Si faranno, si dice.

Il sospetto diffuso è che alcuni ministri siano stati scelti per non far ombra al premier. La competenza appare un criterio secondario. L’esperienza un intralcio, non una necessità.

Persino il ruolo del ministro dell’Economia, l’ottimo Padoan, è svilito dai troppi consulenti di Palazzo Chigi.

Il dissenso (Delrio?) è guardato con sospetto. L’irruenza può essere una virtù, scuote la palude, ma non sempre è preferibile alla saggezza negoziale.

La muscolarità tradisce a volte la debolezza delle idee, la superficialità degli slogan.

Un profluvio di tweet non annulla la fatica di scrivere un buon decreto.

Circondarsi di forze giovanili è un grande merito. Lo è meno se la fedeltà (diversa dalla lealtà) fa premio sulla preparazione, sulla conoscenza dei dossier. E se addirittura a prevalere è la toscanità, il dubbio è fondato.

L’oratoria del premier è straordinaria, nondimeno il fascino che emana stinge facilmente nel fastidio se la comunicazione, pur brillante, è fine a se stessa. Il marketing della politica se è sostanza è utile, se è solo cosmesi è dannoso.

In Europa, meno inclini di noi a scambiare la simpatia e la parlantina per strumenti di governo, se ne sono già accorti.

Le controfigure renziane abbondano anche nella nuova segreteria del Pd, quasi un partito personale, simile a quello del suo antico rivale, l’ex Cavaliere.

E qui sorge l’interrogativo più spinoso. Il patto del Nazareno finirà per eleggere anche il nuovo presidente della Repubblica, forse a inizio 2015. Sarebbe opportuno conoscerne tutti i reali contenuti. Liberandolo da vari sospetti (riguarda anche la Rai?) e, non ultimo, dallo stantio odore di massoneria.

Auguriamo a Renzi di farcela e di correggere in corsa i propri errori. Non può fallire perché falliremmo anche noi.

Un consiglio: quando si specchia al mattino, indossando una camicia bianca, pensi che dietro di lui c’è un Paese che non vuol rischiare di alzare nessuna bandiera straniera (leggi troika). E tantomeno quella bianca. Buon lavoro, di squadra. 

Ferruccio de Bortoli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario

    DE BORTOLI è in ritardo ad esprimere una inequivocabile verità e realtà. l’avesse fatto prima avrebbe portato ad una riflessione un mare di persone che osannano un omuncolo pieno di boria e di slogan. non solo parole dal sosia (e pure brutta copia) di BERLUSCONI.

    1. Scritto da gianmario

      Il Dott. De Bortoli fa parte a tutti gli effetti dalla classe dirigente del paese, qualla classe dirigente che ci ha portato sino qui con risultati disastrosi.
      Certo non essere chiamato a corte da fastidio ma………

  2. Scritto da PEPERONEROSSO

    «Ipertrofismo»??I sondaggi-anche gli ultimi-dimostrano che il consenso non è endogeno ma esogeno (sono gli italiani che glielo attribuiscono).«Saggezza negoziale»?? Quella, magari, che ha impantanato l’Italia per mezzo secolo e più??La vera saggezza dev’essere declinata nelle necessarie scelte: sono solo queste ultime che devono essere giudicate, medio tempore, nella loro validità ed efficacia (a meno che si pensi e pretenda che possa risolvere i peggiori mali del Paese in un “tweet”

  3. Scritto da Massimo Conti

    E Ferruccio de Bortoli chi è per mettere targhe ed etichette a destra e a manca?
    La critica ci sta, ma questo tono a metà tra il grido di dolore e l’epistola evangelica mi pare fuori luogo.
    E per mille motivi De Bortoli mi appare tra le persone meno indicate a darle queste patenti.
    Poi si può tranquillamente discutere.
    La massoneria? mah..

  4. Scritto da TT

    Il buon profumo di nuovo del sig Renzi é ormai in via di esaurimento,lo”stantio odore di massoneria”prima o poi lo coprira come a coperto nonno Silvio…

  5. Scritto da il polemico

    non cè nulla da comentare,serve rilanciare il comparto edile che vale decine di miliardi all’anno,incentivando l’aquisto di abitazioni,invece renzi accodandosi ai suoi 2 predecessori,ci aumenta le tasse e cosi lo stato incassa miliardi,il mercato crolla e quello che incassa serve per gli ammortizzatori creati per gli 800mila nuovi disoccupati nell’edilizia.da come parla,sembra che per far ripartire il lavoro,sia sufficente abolire le provincie e il senato….farlocco pure lui…

    1. Scritto da Luigi

      Nel 2014 lei ha ancora il coraggio di parlare di “lanciare il comparto edile”? Ma sta scherzando? Le manca cosi’ tanto la cementificazione degli anni 70/80? Scuola, universita’ e ricerca… altrimenti crescera’ gente ancora capace di votare Berlusconi e ciccio Salvini.

      1. Scritto da Marco

        Lasci stare. Dopo che la Lombardia ha ormai cementificato tutto il possibile questo vorrebbe cementificare l’impossibile. Scuola, Università e ricerca a questa gente? Ma dai

      2. Scritto da Paolo

        Ma non le scuole e le università così come sono oggi. Copiare dai paesi esteri all’avanguardia

  6. Scritto da nino cortesi

    Renzi deve andarsene prima che sia troppo tardi.

  7. Scritto da vilfredo

    renzi sta combattendo contro l’anciene regime di arzilli banchieri ed ora che de bortoli non potrá più essere a libro paga dei poteri forti si scaglia contro chi gli ha toccato il padrone. e gli articoli da zerbino che scriveva mucchetti pro bazoli e geronzi? non ne sentiamo la mancanza. forza matteo, la nuova italia ci crede. e forza giorgio.

  8. Scritto da Parliamo d'Altro ?

    De Bortoli farebbe bene a dedicare un articolo in prima pagina al fatto che NCD (e gli amici di FI) si oppongono al PD per una legge antiriciclaggio che è presente in tutti i paesi civili come REATO GRAVE.

    1. Scritto da La verità fa male

      E’ stata approvata meno di due anni fa una legge anticorruzione Severino che doveva risolvere ogni problema. Adesso si scopre che quella legge non valeva nulla e che ci vuole una nuova legge, quella antiriciclaggio. A questo punto io mi domando: ma quando approvano le leggi i signori del PD sanno quello che approvano??

      1. Scritto da Parliamo d'Altro ?

        Come al solito hai le idee molto confuse. La legge anticorruzione (ultra morbida per via del veto del tuo PDL, già dimenticato ?) non c’entra nulla con l’autoriciclaggio. Sono due cose diverse e tutte le volte che c’è da punire i delinquenti c’è l’opposizione dei tuoi amici di cui ncd è una costola. Con buona grazia di M5s che ha fortemente voluto questa situazione alla faccia degli italiani.

        1. Scritto da La verità fa male

          Visto l’elevatissimo numero di leggi esistenti in Italia, sospetto che la vera “soluzione finale” contro il riciclaggio, l’evasione ecc… sia lo sfoltimento delle leggi: ne devono essere bruciate ed eliminate una marea, e quelle che restano vanno riscritte dalla prima all’ultima riga per renderle comprensibili e concretamente applicabili alla realtà. Ogni nuova legge crea complicazioni e crea un nuovo ufficio che dà lavoro a un alto burocrate che, in molti casi, si fa corrompere

  9. Scritto da a

    Se fossi un complottista direi che Renzi e’ la nuova, diabolica invenzione di Berlusconi dopo Mediaset…

    1. Scritto da dark

      …. anche senza esser “complottista”. Chi ha fatto il patto del Nazareno? Chi da, a tutt’oggi, i voti perché la maggioranza regga? Chi vorrà rispondere vedrà che non si tratta di complotti, ma di lampante verità.

      1. Scritto da Come No

        Povero Dark dalla memoria corta , a te risulta che il PD abbia avuto alternative ? A te risulta che i nullafacenti di M5s in questo assetto politico non c’entrano nulla ? Dediti a coltivarsi la loro totale inutilità sparando fregnacce di ogni genere e mettendo nel grottesco “non statuto” che loro per definizione non fanno nulla ? (non allearsi vuol dire non fare nulla , ci arriva un Q.I = -7)

        1. Scritto da Piero

          Il M5S fa proposte continue contro la casta e a favore dei cittadini, ma la casta sistematicamente le boccia! Abbiamo troppa gente “pro”, allineata, appiattita, collusa, per puro ritorno economico personale. Informati!

          1. Scritto da Leo

            Le proposte di chi vuole per scelta e per statuto di stare all’opposizione contano come il 2 di picche e sono delle barzellette. Non c’è responsabilità di bilancio e quindi sono sciocchezze da bar .

          2. Scritto da Piero

            Cos’hai in contrario alla riduzione dei costi e degli sprechi della casta? L’opposizione fa il suo lavoro: fa proposte e punta un faro che illumina tutti gli atti della maggioranza agli occhi dei cittadini. Se punti un faro su un ladro, ha maggiori problemi a rubare… Prima o poi verrà fatta giustizia!

        2. Scritto da Beppe

          Alleati tu con una manica di collusi e cialtroni, se ne hai voglia! Solo il gesto di dimezzarsi lo stipendio rivela opposte intenzioni verso lo stato e i cittadini da parte dei 5 stelle. Abbiamo un governo di incapaci veline da sfilata di moda, da riviste di gossip. La Mogherini, la Boldrini, imposte al Paese senza alcuna capacità. In parlamento i Grillini hanno fatto un sacco di proposte pro cittadini e contro la casta, tutte bocciate dai soliti partiti ladroni

        3. Scritto da nino cortesi

          Lei “come no” è abituato alle leggi manomesse e pensa che quelle siano la democrazia. Invece sono esattamente il contrario della democrazia Non deve proprio esistere l’allearsi perché basterebbe che ci fosse una legge elettorale come quella nei Comuni. Lei è abituato ai manomissori traffichini purtroppo dove l’allearsi annienta ogni regola democratica e logica.

          1. Scritto da Nullafacenti

            La dimostrazione sta nel fatto che M5s non fa nulla , non conta nulla , evanescente nella vita degli italiani , come se non esistesse (però sono lì a farsi mantenere). Con il 20% non si fa nulla , a meno che aspetti il giorno del giudizio universale. Non allearsi è scelta da bambini dell’asilo che non hanno di meglio da fare , però è divertente perchè si possono sparare fregnacce a piacere. Buontemponi .

        4. Scritto da dark

          Risponda alle domande che ho posto, e, proprio vuol compatire qualcuno, abbia pietà di se stesso, forse è meglio. E magari cerchi anche un’informazione non allineata. FA BENE ALLA SALUTE. M5S ha posto e continua a proporre, chi rifiuta? In politica, come nella vita, si va d’accordo o meno, ma non è solo l’altro a deciderlo. Cordialità.
          L’unico povero, è il nostro Paese.

          1. Scritto da Come No

            Se sai leggere ti ho amplissimamente risposto , mi ripeto : ti risulta che il PD avesse alternative ? Non far finta di non capire.

          2. Scritto da Come No

            Chi vuole cambiare le cose (governare) DEVE per forza mediare un programma con chi gli consente di governare e da quel momento ha responsabilità di bilancio. Fare l’opposizione per scelta statutaria non è neppure al livello dei bambini di scuola materna. Proporre cose demenziali come lo stipendio di cittadinanza a 1000 euro/mese , abolizioni irap o uscite dall’euro con la situazione e le risorse che ci sono è sempicemente da fuori di melone.Ha ragione ,povero è il ns paese: a causa vs.

          3. Scritto da dark

            Vede, anche lei, come il PD, sceglie FI, ma potrebbe fare anche una scelta con M5S. Molte delle proposte 5S che ho trovato – nonostante le plurime censure dei media più potenti – sono ASSOLUTAMENTE condivisibili per buon senso. Lei anche qui conferma: sono scelte. Non è “COLPA” del 5S. E’ una scelta. Politica. Un asset con tutte le conseguenze politiche del caso. Cordialità

          4. Scritto da Come No

            Eeehh ? Il PD non ha scelto nulla , è stato obbligato da m5s !!!!!!!!!!!! Ce l’avete pure scritto nello statuto e detto fino alla nausea !!!!!

  10. Scritto da Caro Ferruccio ...

    Oltre a Renzi, che ci ha finalmente liberato da Finocchiaro, Bindi, Fassina, Vendola, Monti (ridicola la sua “ascesa” in campo), e perché no Berlusconi, che con Renzi al Governo non ha più chance di tornare a Palazzo Chigi, chi vede? Forse il suo amico Montezemolo? Che il suo giornale faccia prima autocritica e poi sparì le sue ultime cartucce … Alla prossima

  11. Scritto da Paolo

    Per rendersi amico tutto il Paese, poteva da subito dimezzare la diaria a tutti i parlamentari. Non sarebbe stata la soluzione di tutti i mali, ma avrebbe dato un segnale forte di solidarietà ai cittadini. L’ha fatto solo M5S, dimostrando che si può vivere lo stesso anche con metà soldi. Gli altri, capitanati da Renzi hanno dimostrato solo arraffoneria e venalità, null’altro!!!!

  12. Scritto da Indignato orobico

    Se Renzi non è credibile e il “moderato” direttore del Corrierone lo è altrettanto. Neo liberisti, servi delle banche e dei padroni dell’Europa contro i poveracci e i lavoratori che devono solo pagare.
    Ma prima o poi,,, scoppia, e vediamo che fine fanno quelli come questi due. La misura dopo l’art. 18 è colma!

  13. Scritto da codedipaglia

    condivido al 150% quanto scritto da De Bortoli ma va detto che il Corriere e’ stato uno dei piu’ attivi “sponsor” di Renzi e del suo governo. Da quando Renzi comanda non c’era giorno dove non ci fosse in prima pagina ed homepage un “bell’articolo” su Renzi, o sulla Boschi, o sulla Madia. Cosa che ha provocato una bella emorragia di lettori. E non per nulla dopo aver minacciato di togliere i contributi all’editoria Renzi una volta al governo si e’ guardato bene dal farlo! Code di paglia entrambi

  14. Scritto da MAURIZIO

    Se fallisce uno come Renzi si apre subito la speranza di fare qualcosa di serio e di nuovo. Se riesce Renzi, abbiamo chiuso ancora per anni.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Ci dice, una buona volta, un nome o un partito con cui secondo lei si può fare «qualcosa di serio e nuovo»? Intendo qualcuno che abbia la speranza di vincere le elezioni e fare un governo «serio e nuovo»: a sperare nel nulla e nei signor nessuno son buoni tutti.

      1. Scritto da La verità fa male

        Il commentatore MAURIZIO auspica una vittoria del M5S, io auspico una vittoria del centrodestra con un buon successo della Lega Nord. Non so se sono soluzioni considerate “serie” dal professor N.P., conosco però i risultati dei governi “seri per definizione” degli ultimi tre anni: rapporto debito/PIL passato dal 120% al 135%, tassazione e disoccupazione giovanile a livelli da record storico, un afflusso continuo di migranti e diverse stragi in mare grazie all’operazione “Mare Nostrum”

      2. Scritto da Alternativa

        PNF e Benito Mussolini.
        Nel 20 eravamo nella stesso stato confusionale al governo, poi, per 20 anni le cose si risolsero con le grandi riforme sociali calate dall’alto.
        Poi qualcuno ha fatto scatenare il casino a livello mondiale, come qualcun altro lo sta facendo ora

  15. Scritto da falco

    Con la libertà di chi sa di andarsene, fa solo BENE. Meno a promuovere un bg a Milano…

  16. Scritto da Gianni

    Parole sante… peccato se ne sia accorto con qualche mese di ritardo… L’italiano medio pare avere la lungimiranza (e la memoria) di un pesce rosso.

  17. Scritto da Carlo Saffioti

    Perfettamente d’accordo con l’analisi. Lo dico da psichiatra.
    L’aver voluto imporre laMogherini quale “ministro” degli Esteri europeo in questo momento di straordinaria difficoltà , in cui non c’è’ il tempo per imparare, e’ stata la cartina di tornasole dei difetti del premier e del fatto che none’ uno statista.

    1. Scritto da Paolo C.

      Sig. Saffioti da che pulpito. A me sembra che il PD con Renzi abbia superato il 40 percento perchè gli elettori sono veramente disgustati dalla vecchia politica e dagli scandali che lei non ha mai veramente combattuto in questi anni. R. ha coraggio e si esprime in modo chiaro e genuino e non in politichese che va bene per tutte le stagioni. R. Avrà il mio voto se si dovesse andare alle urne e con me la stragrande maggioranza dei cittadini con buona pace sua e di De Bortoli.

  18. Scritto da Dario Violi

    Ferruccio De Bortoli che attacca Renzi fa abbastanza ridere. Forse bisognerebbe ricordargli che il Corriere ha contribuito non poco all’ascesa di colui che ora definisce “ipertrofico” e, più in generale, al declino di questo Paese. Se il World Press Freedom Index mette l’Italia nelle retrovie del mondo civile (49° posto), forse la responsabilità è un po’ anche sua.

  19. Scritto da giorgio starnoni

    Non è un editoriale al veleno ma una puntigliosa, lucida e meritata critica.
    Anch’io mi auguro che Renzi non fallisca ed è per questo che l’editoriale non mi sembra velenoso, ma costruttivo.

  20. Scritto da Paolo

    Renzi vuol presentarsi all’Europa con una cosa mai fatta dagli altri, l’eliminazione dell’art. 18, per far vedere che sa fare qualcosa di “forte”, di importante. In realtà è un articolo inutilizzabile e inutile ormai, con la disoccupazione che c’è, quindi non c’è nessun merito ad eliminarlo e nessun rilancio dell’economia legato all’eliminazione di tale articolo. Ormai, l’han capito tutti che Renzi è solo chiacchiere. Il problema è che ormai è insediato e fa perdere tempo al Paese…

  21. Scritto da La verità fa male

    Ecco qui un “fenomeno”. Quando imperava Monti (il peggior governante della storia italiana) che spremeva i contribuenti a suon di mazzate fiscali e di riforme pensioni Fornero, il Corriere era letteralmente in ginocchio e in adorazione continua del governo dei banchieri e degli euroburocrati. Adesso “fanno la prova di forza” con Renzi, dopo averlo precedentemente incensato. Sono i soliti privilegiati salottieri, il vero giornalismo di assalto lo fanno LIBERO e IL FATTO

    1. Scritto da Croce Bianca

      “il vero giornalismo di assalto lo fanno LIBERO e IL FATTO” .
      Non c’è più niente da fare , sei irrecuperabile.

      1. Scritto da La verità fa male

        Eh già, “LIBERO” e “IL FATTO” portano alla luce scandali reali, quelli che oltre ai politici vedono protagonisti grandi banchieri e dirigenti pubblici dai mega stipendi che (teoricamente) dovrebbero essere incorruttibili e irreprensibili. Invece i giornaletti della sinistra salottiera come “REPUBBLICA” prima dedicano una marea di pagine sulle storie di sesso di S.B. e poi quando salta fuori uno scandalo sessuale che riguarda Hollande invocano “il rispetto della privacy”