BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Cam di Telgate amplia l’offerta e si lancia nei pannolini

Siglato l’accordo tra Cam Spa, azienda specializzata nella produzione di articoli per l’infanzia, e l’azienda pugliese Fas Spa, a cui il gruppo lombardo si è affidato per la produzione del suo primo marchio per l’igiene quotidiana dei bambini. Ecco un caso di “Made in Italy” che resta in Italia.

Puglia e Lombardia unite per un nuova grande sfida che riguarderà il mondo della distribuzione di prodotti per l’infanzia. È l’importante accordo messo a segno dalla Cam il mondo del bambino Spa, azienda di Telgate da 45 anni sul mercato, specializzata nella produzione tutta italiana di articoli per la puericultura pesante (recentemente vincitrice del premio “Miglior Prodotto Hong-Kong Baby Product Fair”) e la Fas Spa, azienda pugliese (di Corato, nell’hinterland barese) specializzata nella produzione di pannolini per bambini e assorbenti per signora, a cui il gruppo lombardo si è affidato per la produzione di un nuovo marchio di pannolini che permetterà a Cam Spa di estendere per la prima volta la propria gamma di prodotti anche all’igiene quotidiana dei bambini. “Batuffi” e “Sofficiotte” (rispettivamente pannolini e salviettine umidificate) sono i nomi dei nuovi prodotti rigorosamente Made in Italy pensati per il mercato dei punti vendita specializzati per l’infanzia in tutta Italia e all’estero con un partner di assoluto valore e affidabilità come Fas Spa.

I recenti investimenti di oltre due milioni di euro dell’azienda pugliese per una nuova e ipertecnologica linea per la produzione di pannolini per bambini dalle spiccate innovazioni e performance, oltre che dal notevole aumento della produzione su base oraria (80%), hanno attirato l’attenzione della prestigiosa azienda lombarda che ha affidato a FAS Spa, con un progetto su licenza, oltre che la produzione anche la responsabilità della distribuzione e della forza vendite del marchio in esclusiva per l’Italia. All’estero (dove è presente in oltre 64 paesi) Cam Spa curerà direttamente la commercializzazione.

Numeri in ascesa, dunque, per il mercato delle private label: alla Fas Spa, dove si lavora da tempo per essere pronti al salto di qualità, ecco una importante occasione per dimostrare la bontà degli investimenti effettuati soprattutto in tecnologia e nella formazione del personale. Così come le cifre legate al mercato dei pannolini per bambini: le stime parlano di oltre 7 milioni di pannolini consumati ai giorno in Italia.

Per la Fas Spa, già impegnata anche per altre produzioni importanti nel mondo delle private label, l’accordo con la Cam Spa rappresenta momento di svolta nel processo di crescita organizzativo: “aver avuto la fiducia di un gruppo di livello internazionale – spiega Francesco Squeo, Presidente della Fas Spa – è per noi un motivo di orgoglio e uno stimolo a proseguire sulla strada intrapresa. Sarà una sfida importante nella quale siamo pronti a fare la nostra parte in un mercato difficile e con molti competitors. L’accordo rappresenta anche un positivo momento di unione economica tra il Sud e il Nord del nostro paese, ma soprattutto tra due eccellenze profonde sostenitrici del Made in Italy che insieme cercheranno di essere un esempio per altri gruppi imprenditoriali italiani affinché valorizzino quanto di buono c’è nel nostro paese, invece di portare fuori dai confini progetti partoriti in Italia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario

    Purtroppo i pannolini sono uno dei grossi problemi dello smaltimento dei rifiuti e del riciclaggio di materiali. Sarà anche bello che le aziende non delocalizzino, ma il pannolino è un grosso problema per l’ambiente. 7 milioni al giorno solo in Italia: più che puntare al “notevole aumento della produzione su base oraria (80%)”, punterei all’eco-sostenibilità…..