BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vai all’estero a cercare un lavoro? Il Comune ti paga: di’ la tua

L'idea è originale di certo, non si sa quanto vincente. Succede a Elmas, provincia di Cagliari. Il Comune è disposto a pagare il viaggio (solo l'andata), l'inizio del soggiorno e un corso di inglese agli under 50 del paese che decidano di cercare lavoro in una delle capitali europee.

Più informazioni su

L’idea è originale di certo, non si sa quanto vincente. Succede a Elmas, provincia di Cagliari. Il Comune è disposto a pagare il viaggio (solo l’andata), l’inizio del soggiorno e un corso di inglese agli under 50 del paese che decidano di cercare lavoro in una  delle capitali europee.

Ne dà notizia Nicola Pinna su La Stampa annunciando il nuovo sponsor dell’emigrazione italiana: l’amministrazione comunale. A Elmas infatti la giunta ha stanziato dodicimila euro con questo obiettivo: "Qui i nostri ragazzi non hanno più possibilità e allora perché non aiutarli a trovare un’alternativa altrove? – chiede il sindaco Valter Piscedda -. Non è una vergogna cercare un lavoro fuori dalla Sardegna o fuori dall’Italia".

Qui, nella cittadina conosciuta soprattutto per l’aeroporto e per lo stadio del Cagliari rimasto aperto pochi mesi, la disoccupazione è il problema numero uno.

Il Comune, racconta il sindaco, ha tentato con i piani per il lavoro e i tirocini formativi ma i risultati non sono stati incoraggianti. E allora è nata l’idea del progetto “Adesso parto”.

"Ogni giorno nel mio ufficio c’è il viavai di disoccupati che chiedono aiuto. In molti mi dicono che vorrebbero andare a trovare fortuna all’estero ma che non hanno neppure la possibilità di pagarsi il biglietto. E allora ci siamo fatti una domanda: perché non incentivare questi ragazzi? D’altronde siamo cittadini d’Europa e non possiamo pretendere che la Sardegna sia in grado di soddisfare tutte le nostre necessità. Certo, avere un lavoro sotto casa sarebbe l’ideale ma dobbiamo prendere coscienza del fatto che la situazione è molto difficile".

Cosa ne pensi? Mandaci un commento o uan mail a bergamonews@gmail.com 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    ma 12mila euro possono forse soddisfare 20 persone?cè solo da sperare che non se ne avvantaggino gli amici degli amici….purtroppo è quando si legge che la gente vorrebbe partire ma non ha il denaro sufficente,e il governo fregandosene,gli triplica le tasse senza che quasi nessuno alzi la voce protestando…..orma da 3 anni nessuna politica per favorire il lavoro è stata avanzata.,pare non sia la priorità attuale

  2. Scritto da La verità fa male

    Iniziativa lodevolissima. All’estero assumono chi ha voglia di fare, qui siamo ancora a discutere dell’assurdo e sovietico articolo 18 solo perchè i sindacati più retrogradi della U.E. vogliono tutelare qualche lazzarone imboscato nei carrozzoni pubblici e privati

  3. Scritto da ElleA69

    L’iniziativa è lodevole. E lo dice uno che ha ormai abbandonato l’Italia da qualche anno per “scappare” in Germania. Tenendo presente il profondo periodo di crisi, andare incontro con il viaggio e – soprattutto – un corso di lingua (che – parlo per la Germania ma vale anche per altre nazioni – è assolutamente vitale) non può che aiutare ad “aprirsi” verso un mondo e una cultura diversi dal nostro. Anche se sono a Berlino, sono sempre fiero di essere italiano

  4. Scritto da Sergio

    Una proposta stupefacente e bellissima che dovrebbe essere estesa su tutto il territorio nazionale, se tutti i Comuni fossero d’accordo “Governo italiano compreso”; Sono sicuro al 1000% che partirebbero ha milioni. L’Italia resta l’unico paese in Europa che non da alcun aiuto ai disoccupati senza reddito, Io ho 53 anni e sono disoccupato senza reddito dal 2009. VI SEMBRA GIUSTO VIVEVE IN UN PAESE CIVILE IN QUESTO MODO ? Allora che diano la possibilità ha chi vuole sloggiare di andarsene !

    1. Scritto da il polemico

      beh,oltre a non dare nessun sostegno ai disoccupati italiani,lo stato elargisce 1000 euro mensili a ogni clandestino profugo e disoccupato che arriva dall’africa- o medio oriente,però pare che a molta gente questa situazione piace moltissimo,da come li difendono al loro arrivo.l’assurdo è che l’italiano deve espatriare per lasciare il posto ai profughi.semplicemnte assurdo,come assurdo è che il governo non faccia nulla per impedirlo

      1. Scritto da Che post

        Semai il governo favorisce questa situazione.

  5. Scritto da Antonio

    L’unico problema è che a 45 anni, anche col biglietto pagato e col corso d’inglese frequentato, non so che prospettive di assunzione uno possa avere, all’estero. Spero di sbagliarmi. Comunque buona iniziativa; saranno contenti i nostri governanti di aver messo qui un paese inabitabile e invivibile, grazie alla brama di coltivare prevalentemente i loro immorali interessi!

    1. Scritto da ElleA69

      dipende molto da che lavoro fai, ma ad esempio in Germania contano molto più sull’esperienza che su altri “valori” per determinate tipologie di lavoro. Unico (ovvio) requisito: devi sapere il tedesco. Ma se cerchi un lavoro diciamo un po’ più umile, puoi anche impararlo in loco (PS ho 45 anni anch’io :) )

      1. Scritto da Antonio

        Ho sempre lavorato (anche con ruoli di responsabilità) su linee produttive, magazzini (uso muletto) e autista consegnatario. Devo partire da zero a imparare il tedesco. Trovo CRIMINALE chi, da governante incapace (se non ladro), ha tolto la dignità di un lavoro e di un reddito a molti suoi cittadini, obbligandoli a mendicare lavoro o lavoretti in nero o ad andarsene dall’Italia o a suicidarsi per le difficoltà economiche. Ditemi chi chiamare che mi metto immediatamente a disposizione!

        1. Scritto da ElleA69

          hai perfettamente ragione! Io ti ho parlato di Germania, ma facevo un discorso generale per l’estero. Comunque tieni presente il detto “se vuoi mangiare devi parlare…”. Quindi – anche se non sai una lingua – quando sei sul posto la impari. E’ solo questione di tempo…

          1. Scritto da Antonio

            Ti ringrazio per l’ottimismo, speriamo in sviluppi positivi, ma nelle offerte di lavoro all’estero non ne ho ancora visto una che non richieda già di saper parlare la lingua del posto… Sarà meglio che cominci a studiarla qui, nel frattempo che cerco…… Grazie, ciao