BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inaugurata la nuova sede di Abb Sace, tecnologica ed ecologica

Il nuovo building è stato progettato per rispondere alle attuali esigenze delle funzioni della divisione, che progetta, sviluppa e costruisce interruttori per gli impianti elettrici di bassa tensione. Pensata e realizzata intorno a chi la vive ogni giorno, la nuova struttura è bella, moderna, efficiente e rappresenta l’ambiente ideale per continuare a progettare e realizzare il futuro di ABB.

Più informazioni su

ABB, gruppo leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, inaugura oggi la nuova sede per la divisione ABB Sace a Bergamo. Il nuovo edificio, situato in via Pescaria 5, sostituisce la vecchia sede ABB di via Baioni 35, mantenendo gli uffici e i servizi preesistenti. Il nuovo building è stato progettato per rispondere alle attuali esigenze delle funzioni della divisione, che progetta, sviluppa e costruisce interruttori per gli impianti elettrici di bassa tensione. Pensata e realizzata intorno a chi la vive ogni giorno, la nuova struttura è bella, moderna, efficiente e rappresenta l’ambiente ideale per continuare a progettare e realizzare il futuro di ABB. Inoltre, la sua collocazione la rende maggiormente integrata con il Laboratorio Prove già presente nell’area, che costituisce una struttura d’avanguardia per dotazioni e competenze tecniche. Ad Andrea Menti, responsabile locale della Business Unit Breakers di ABB, il compito di presentare il nuovo edifico, espressione dell’attualità tecnologica e produttiva ABB Sace: ”Con questa scelta abbiamo voluto confermare la storica presenza del marchio SACE, sinonimo di un’innovazione continua che permette di offrire le soluzioni più avanzate del settore. La nuova sede, infatti, è interamente progettata secondo precisi obiettivi di comfort ed efficienza energetica, mettendo in campo il meglio della tecnologia attualmente sviluppata da ABB per soddisfare le esigenze presenti nei diversi settori, industriale, residenziale e terziario”.

Al taglio del nastro hanno preso parte il Sindaco di Bergamo, Giorgio Gori; Don Cristiano Re, direttore dell’Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Bergamo; Giampiero Frisio, responsabile della Business Unit Breakers and Switches, divisione Low Voltage Products e tutti i dipendenti accompagnati dai famigliari. Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo: "Lo sviluppo e la crescita dei territori vanno di pari passo con la capacità di riuscire a ragionare in termini globali, soprattutto considerando che la partita futura si giocherà su alcune centinaia di ambiti urbani in cui si produrrà il 60% della ricchezza. La città, soprattutto in termini di area metropolitana, rappresenta l’entità di riferimento per la crescita dei territori, la realizzazione di politiche di sviluppo, la concentrazione di risorse ed energie economiche, sociali, culturali. Essere riusciti a mantenere sul territorio un’eccellenza mondiale come ABB produce quindi effetti positivi su Bergamo, non solo per l’esigenza di proteggere l’occupazione, ma anche per mantenere attrattiva la città di Bergamo, elemento decisivo nel delinearsi degli scenari futuri."

Alessandro Palin, Local Division Manager di ABB Sace: “Possiamo considerare la nuova sede di Bergamo una sorta di ‘casa dell’eccellenza’, che rappresenta lo stato dell’arte dal punto di vista estetico, funzionale nella logistica, avanzato nelle soluzioni tecnologiche e attento all’impatto ambientale. Una struttura che si integra perfettamente nel tessuto urbano dell’area a pochi passi dal centro cittadino, dove già sorgeva la vecchia sede aziendale”. Si apre così un nuovo percorso per ABB SACE, scandito dallo slogan “Powering Innovation – dare energia all’innovazione”, che conferma la leadership tecnologica della Divisione ABB, sempre proiettata nella ricerca di soluzioni all’avanguardia per ogni settore applicativo dell’energia. Nel nuovo auditorium, affrontando i temi dello sviluppo tecnologico, della sostenibilità e dell’etica del lavoro si sono alternati: Andrea Menti, responsabile locale della Business Unit Breakers di ABB; Sergio Gandi, Vicesindaco e Assessore al bilancio, tributi, affari generali e legali, sicurezza e protezione civile del Comune di Bergamo; Don Cristiano Re, direttore dell’Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Bergamo, e Matteo Marini, Country Manager di ABB Italia e Amministratore Delegato di ABB SpA. Sergio Gandi, ha illustrato “l’impegno dell’Amministrazione comunale nel progetto di trasformazione tecnologica di Bergamo in “Smart City”, un modello di città intelligente e digitale a servizio dei cittadini e delle realtà economiche e sociali del territorio”. Don Cristiano Re, Direttore dell’Ufficio per la Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Bergamo: “Condividiamo con voi un momento ricco di emozione e stupore, nell’inaugurare questa nuova sede ABB SACE; un’azienda che si presenta grande non solo per l’architettura scenografica e modernissima di questo nuovo edificio, ma anche nell’orientamento a sperimentare strade nuove, nuovi investimenti in settori strategici per il futuro. Un futuro che riguarda e coinvolge anche il nostro territorio e le donne e gli uomini che quotidianamente vi lavorano e a cui, in particolare, rivolgiamo un augurio e per i quali offriamo una preghiera”. Matteo Marini, Country Manager di ABB Italia e Amministratore Delegato di ABB SpA, durante l’intervento conclusivo ha presentato la visione strategica del Gruppo in termini di crescita e sostenibilità. Al termine dell’incontro, gli ospiti hanno preso parte alla visita guidata dell’edificio e del laboratorio, accompagnati da personale ABB. La serata si è conclusa con un momento conviviale e di intrattenimento. ABB (www.abb.it) è leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione che consentono alle utility, alle industrie e ai clienti dei settori dei trasporti e delle infrastrutture di migliorare le loro performance riducendo al contempo l’impatto ambientale. Le società del Gruppo ABB operano in oltre 100 Paesi e impiegano circa 145.000 dipendenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.