Bondo di Colzate: 4 generazioni di cantori per accogliere don Paolo - BergamoNews
L'evento

Bondo di Colzate: 4 generazioni di cantori per accogliere don Paolo

La musica e il ritorno di chi si è trasferito negli anni accompagneranno domenica l'ingresso del nuovo parroco di Colzate e Bondo con un gruppo di 40 voci in cui spiccano gli 87 anni della veterana Anna Ruggeri e i 10 del più giovane, Luca.

Quattro generazioni di cantori per dare il benvenuto a don Paolo Biffi.

Domenica la piccola frazione di Bondo di Colzate, in Val Seriana, rivivrà la tradizione corale per accompagnare la messa di ingresso del nuovo parroco di Colzate e Bondo con un gruppo di 40 voci in cui spiccano gli 87 anni della veterana Anna Ruggeri e i 10 del più giovane, Luca.

Per l’occasione sono stati richiamati a rinforzare il gruppo anche coloro che negli anni si sono trasferiti nei paesi vicini, da Vertova a Fiorano al Serio e Orezzo, senza perdere il legame e la passione per la musica che Bondo ha sempre avuto. Accanto a loro i giovani innesti, compresi figli e nipoti.

Due mesi di prove, mercoledì scorso la generale nella chiesa dedicata a San Bernardino dove domenica alle 10.30 sarà celebrata la messa. E il piacere di ritrovarsi che quasi certamente farà continuare l’attività del coro senza tempo anche per le prossime festività.

A dirigere il coro sarà Riccardo Poli, all’organo (datato 1904, opera di Gaetano Cavalli) il giovane Nicola Ruggeri.

E nel programma figurano brani di due bondesi: il “Tu es sacerdos” di Albino Poli e “Nel cenacolo”, tratto dall’oratorio “Pietro” composto da Alessandro Poli, recentemente scomparso. Nel segno della musica e della comunità, come una volta.

 

Il coro maschile negli anni ’80

leggi anche
  • L'iniziativa
    La Notte Nera fa il pienone a Bondo di Colzate
    Generico
  • L'appuntamento
    Arie d’opera a Bondo di Colzate: Gran Gala del belcanto
    Chiesa di San Bernardino a Bondo di Colzate
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it