BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stanze per universitari Milano la più cara, Bergamo la più economica

Stanza mia quanto mi costi?! Uno studio effettuato da Kijiji.it, sito di annunci gratuiti del Gruppo eBay, alla vigilia dell’avvio del nuovo Anno Accademico è andato ad indagare sui prezzi di stanze e posti letto in condivisione nelle principali città universitarie lombarde. Milano risulta essere la città più cara mentre Bergamo la più economica: nel capoluogo meneghino oltre 700 euro per un posto letto in una stanza singola mentre all'ombra di Città Alta si scende a 244.

Più informazioni su

Settembre è da sempre sinonimo di “back to school”: mentre elementari, medie e superiori hanno ricominciato da poco o si apprestano a riprendere le lezioni, per gli studenti universitari è periodo di esami e, specie per quelli fuori sede, è tempo di ricerca di una sistemazione dove risiedere durante l’anno accademico.

Ma quanto costa in Lombardia un alloggio per gli universitari? Kijiji.it, sito di annunci gratuiti locali e punto di riferimento per il mercato dell’usato online con i suoi quasi 4.000.000 di annunci e 60.000 nuove inserzioni giornaliere, ha condotto a tal proposito un’indagine sui prezzi degli alloggi in condivisione, la scelta preferita dagli studenti, in quanto capace di coniugare il risparmio garantito rispetto alla locazione “in solitaria” di un appartamento intero con la voglia di condividere e di fare nuove conoscenze. Lo studio, svolto all’interno della categoria “Stanze e Posti Letto” del sito che conta più di 28.000 inserzioni ha preso in considerazione gli annunci di affitto relativi alle principali città universitarie lombarde.

La Lombardia, dove al momento sono oltre 4.900 gli annunci di stanze e posti letto (+ 9% rispetto allo scorso periodo dello stesso anno) all’interno dei quali ricercare sistemazioni in stanze singole o doppie, rappresenta da sola oltre il 20% dell’intero mercato italiano.

Analizzando nel dettaglio le singole location risulta, come poteva essere prevedibile, che la città lombarda catalizzatrice delle maggiori richieste di alloggio per via dei molti atenei presenti e al contempo la più cara è Milano: per godere dell’indipendenza di una stanza singola all’interno del capoluogo meneghino si deve essere disposti a spendere mediamente 732 euro contro i 659 per una doppia.

Situazione differente per le altre città universitarie lombarde, dove mediamente i prezzi sono decisamente più bassi. A Bergamo, la città più economica secondo la rilevazione di Kijiji.it, uno studente spende in media 244 euro per una singola e 135 per una doppia in condivisione; a Pavia si sale di poco: 252 euro per affittare una stanza singola contro i 180 per una sistemazione in doppia; uno studente fuori sede che studia a Brescia invece deve mettere conto di spendere circa 260 euro per una singola contro i 217 per una doppia. Como e Mantova risultano allineate con circa 290 euro mediamente per una stanza singola mentre un posto letto in condivisione in una camera doppia scende a 190 euro se si risiede nella città dei Gonzaga, mentre si spende leggermente di più, quasi 230 se si studia e si decide condividere una stanza nel capoluogo lariano.

Varese infine, la più dispendiosa non considerando Milano, richiede un esborso di 327 euro per una singola a fronte di una spesa più contenuta, circa 225 euro, se ci si accontenta di un posto letto in una camera in condivisione.

“Kijiji.it ha registrato un aumento degli annunci di Stanze e Posti Letto anno su anno pari al 9% – afferma Chiara Bonifazi, Pr and Customer Satisfaction Manager di Kijiji.it – “Prevedibilmente il mercato più fiorente di inserzioni ed anche il più caro è quello milanese che rappresenta quasi il 20% del volume nazionale della categoria, segno che gli atenei meneghini attraggono ancora un numero elevato di fuorisede e stranieri, nonostante la crisi ed il calo di iscrizioni universitarie”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.