BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Referendum in Scozia, Europa con il fiato sospeso L’esito venerdì mattina

Regno Unito ed Europa con il fiato sospeso. Da venerdì mattina, quando si conosceranno gli esiti del referendum scozzese, la Union Jack potrebbe finire nel cestino. 4.285.323 scozzesi - il 97% per cento degli aventi diritto - si sono registrati per votare sì o no all’indipendenza. Lunghe file ai seggi si stanno registrando dalle prime ore del mattino di giovedì.

Più informazioni su

Regno Unito ed Europa con il fiato sospeso. Da venerdì mattina, quando si conosceranno gli esiti del referendum scozzese, la Union Jack potrebbe finire nel cestino. 4.285.323 scozzesi – il 97% per cento degli aventi diritto – si sono registrati per votare sì o no all’indipendenza. Lunghe file ai seggi si stanno registrando dalle prime ore del mattino di giovedì. Secondo gli ultimi sondaggi domina l’incertezza: tre dicono 52 a 48 per i fedelissimi di Londra, uno si spinge fino a quasi alla parità, 51 a 49. Lo spoglio comincerà alle 23 italiane, l’esito solo venerdì mattina.

IL TWEET DI MURRAY – «Facciamolo!» «Un grande giorno per la Scozia oggi! Nessuna campagna negativa degli ultimi giorni ha influenzato il mio punto di vista. Eccitato di vedere quale sarà il risultato. Facciamolo!». Con questo tweet pubblicato alle 2.08 della notte, e già ritwittato 11mila volte, il campione di tennis Andy Murray getta la maschera e si schiera per il sì. Nato a Glasgow il 15 maggio del 1987, Murray ha rotto la sua apparente imparzialità con un Tweet in cui ha sottolineato il suo fastidio per la campagna negativa degli ultimi giorni del fronte del no, incentrata sull’obiettivo di spaventare gli scozzesi sulle conseguenze del voto. Un sì pesante, quello dell’ex campione di Wimbledon, molto popolare nel Paese.

LO SPOGLIO – Sarà in diretta e i primi risultati arriveranno dai seggi delle Western Isles alle 2 del mattino di venerdì, fra le 4 e le 6 toccherà alle schede di Edimburgo e di Glasgow che per numero di abitanti e intensità del confronto sono i più incerti e decisivi. Entro le 7 il leader nazionalista scozzese e first minister delle terre oltre il Vallo, Alex Salmond, annuncerà se è destinato ad essere premier o se magari dovrà marciare verso l’addio dalla ribalta politica.

IL PROFILO TWITTER DI YES SCOTLAND


Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da NOEL

    YES!!!!!

  2. Scritto da La verità fa male

    Nel Regno Unito si celebra un referendum e il governo dello Stato centrale ha già dichiarato che accetterà il risultato della votazione popolare. Nella nazione burocratica italiana la Casta strapagata (spesso formata da incapaci e ladri) si straccia le vesti perchè la Lega in Veneto vuole organizzare un referendum autonomista molto più blando di quello scozzese, e intanto consente che intere Regioni siano di fatto sottratte alle leggi statali e dominate da mafia, camorra e ‘ndrangheta

  3. Scritto da giobatta

    quando fra 40 anni avranno finito il petrolio e si ritroveranno senza più quattrini, andranno con il cappello in mano a londra a chiedere aiuto

    1. Scritto da La verità fa male

      Quello che accadrà tra 40 anni nel Regno Unito non si sa, io so di certo che da oltre 40 anni nella nazione burocratica chiamata Italia un esercito composto da milioni di parassiti (politicanti, burocrati ministeriali e locali, banchieri d’affari, alti dirigenti pubblici, falsi invalidi, pensionati baby, giornalisti RAI raccomandati, baroni universitari) vivono mantenuti dal resto della popolazione e hanno pure il coraggio di chiamare “evasori” molti di quelli che li mantengono

      1. Scritto da giobatta

        sei fuori tema: se parlo di scozia, cosa c’entra l’italia?

  4. Scritto da Gli Sghei

    Pur avendo sempre avuto una sparuta minoranza indipendentista per ragioni storiche , hanno passato un bel po di tempo a tettare soldi dalla mamma gran bretagna , poi improvvisamente han trovato il petrolio nel mare del nord ed altrettanto improvvisamente si è allargato lo spirito indipendentista. Quello del portafogli : gentaglia.

    1. Scritto da Mister Bean

      Gentaglia? con 1600 anni di storia alle spalle? Mi chiedo se per caso hai visto Braveheart con Mel Gibson. Magari qualcosa in più avresti capito, invece di sparare giudizi affrettati e completamente fuori dima.
      Il tuo insulto potrebbe esserti già ritorto contro. Auguri.

  5. Scritto da No euro

    E basta con questa Europa fasulla.
    Ripristiniamo la sovranitá di ogni stato.
    Peggio di questa Europa cosa ci può essere?
    Più in fondo di così non si può andare.

  6. Scritto da Giulio

    Viva i popoli d’Europa! Superiamo i vecchi confini imposti da guerre e entità statali dell’800 superate dal bisogno dei cittadini europei di sentire e di avere istituzioni democratiche vicine, dirette e controllabili. La giusta risposta al globalismo dei grandi mercati e dei grandi potentati.Forza Scozia!
    http://www.youtube.com/watch?v=luhNMUjKmlY

  7. Scritto da Luca

    A differenza della Padania (mai esistita) la Scozia ha una storia secolare dietro. La Scozia sta molto bene e la vedo dura ripartire con alcuni anni di grossa difficoltà. Perchè a differenza dei veneti loro sanno che staranno peggio (in caso di sì) per un bel po’. Certo, vogliono l’indipendenza, ma non quella monetaria. Vogliono usare la sterlina e questo proprio non la capisco. Almeno che vogliano solo i vantaggi e non gli svantaggi. In questo somiglia molto ai padani.

    1. Scritto da Miki

      Perchè nel 1859 l’itaGlia esisteva? Un’espressione geografica allora,un’accozzaglia di genti che si sopportano a malapena,oggi.

    2. Scritto da Dolores

      Saresti favorevole ad avere il triplo dei servizi alla metà del costo?
      A queste condizioni credo anche all’esistenza della Padania.
      E ti chiedo, visto che svicoli, se sei favorevole a che il Veneto voti per l’indipendenza o l’autonomia oppure se credi che il governo abbia ragione ad impedire il voto. Ti ricordo che l’autodeterminazione dei popoli è uno dei diritti fondamentali dell’uomo, ovviamente riconosciuto anche dalla UE.

    3. Scritto da Mister Bean

      Sei male informato. La moneta verrà scelta entro la data per l’indipendenza, così come verranno prese altre decisioni (nato, ue, ecc.). Per il resto io chiedo solo la possibilità di votare, cosa che il tuo governo non lascia fare nemmeno ai veneti. Noto peraltro che i poteri forti sono contro qualsiasi secessione e che i loro interessi sono contrari a quelli della maggior parte delle popolazioni. Tu da che parte stai? Ah, no, scusa, hai già risposto….

    4. Scritto da Omar

      E quali sarebbero gli svantaggi per I veneti e per i lombardi se staccassero ,considerando che sono due regioni che regalano ogni anni 100 miliardi al resto del paese?? Secondo me sarebbero le altre regioni ad avere svantaggi….anzi a rimanere senza soldi!

    5. Scritto da Lnna

      Di sicuro quelli come lei vogliono male alla loro terra e vogliono solo gli svantaggi,come da 100 anni a questa parte.
      FATECI VOTARE!

    6. Scritto da Mario82

      Anche un cane (non solo gli scozzesi e i padani) va più volentieri dove non lo bastonano……. Cordialità, genio!

  8. Scritto da Carlo Pezzotta

    I referendum popolari sono la massima espressione della democrazia. Se la maggioranza del popolo sceglie una strada diversa da quella percorsa fin’ora, ha tutti i diritti di farlo e nessuno, dico nessuno, potrà impedirlo e questo vale anche per la questione Crimea. Certo, devono assumersi tutte le responsabilità e farsi carico anche dei problemi socioeconomici che si presenteranno. Però per quanto riguarda la Padania, mi viene un pò da ridere: farci governare dai leghisti???!!!

    1. Scritto da Mister Bean

      I sindaci leghisti hanno dimostrato come sanno governare. Quindi non sarebbe uno scandalo, ma il problema è un altro. La lega, ottenuta l’indipendenza, si scioglierebbe, come da statuto. Quindi, visto il tuo dente avvelenato, ti conviene che secediamo anche noi. Oppure hai paura del voto popolare? Hai paura della democrazia? Sei favorevole alle dittature, magari mascherate come l’attuale? Facci votare, poi vediamo a chi verrà da ridere. Roba da matti!

      1. Scritto da Carlo Pezzotta

        Rileggere quanto ho scritto, prego. Se dico che il referendum popolare è la massima espressione democratica, secondo te significa che ho paura del voto popolare? Paura a farmi governare da voi, quella si!!!!

    2. Scritto da Mario82

      Ma guarda che spettacolo sta offrendo il parlamento, con la gente che si suicida per la crisi, stanno lì a giocare e perder tempo su riforme di cartapesta….. Meglio staccarsi da uno stato di cialtroni simili….

      1. Scritto da Piero

        Per la crisi procurata dalla lega al governo col pdl . O te ne sei già dimenticato ?

        1. Scritto da Mister Bean

          Ed ecco il genio. A questo qui va bene farsi succhiare anche l’ultima goccia di sangue, basta che sia il pd a dirlo. Irrecuperabile.