BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pago fior di tasse e chiedo all’Università: avvisate quando cambia l’ora dei test

Uno studente lavoratore dell'Università di Bergamo scrive amareggiato per non aver potuto sostenere il test alla facoltà di Filosofia, perché l'ateneo ha spostato dalle 10 alle 14 l'ora per la prova: "L'ho saputo per caso all'ultimo, non sono questi i servizi che voglio avere dopo aver pagato appena 10 giorni fa ben 590 euro di tasse".

Uno studente lavoratore dell’Università di Bergamo scrive amareggiato per non aver potuto sostenere il test alla facoltà di Filosofia, perché l’ateneo ha spostato dalle 10 alle 14 l’ora per la prova: "L’ho saputo per caso all’ultimo, non sono questi i servizi che voglio avere dopo aver pagato appena 10 giorni fa ben 590 euro di tasse".

 

Buongiorno Direttore,

sono Roberto Curreri, un ragazzo di 26 anni di Azzano San Paolo.

Le scrivo in merito ad un fatto riguardante la facoltà di Filosofia dell’Università di Bergamo alla quale mi sono immatricolato per l’anno 2014/2015. Il 17 settembre 2014, era programmato alle ore 10 un test di verifica iniziale obbligatorio per valutazione dei singoli studenti sulla cultura generale e sulle competenze logico-deduttive.

Questa data era stata fissata lo scorso 21 maggio, come si può evincere dal link seguente http://www.unibg.it/struttura/struttura.asp?cerca=umanistiche_caldid.

Tuttavia martedì 16 settembre, guardando per curiosità il sito dell’Università di Bergamo, è apparsa una notifica di modifica del calendario e il test è stato spostato dalle ore 10 alle ore 14 del medesimo giorno. Intendo sottolineare che non ho ricevuto alcuna email di notifica ma ho solo scoperto per caso la notizia. Ora, intendo dire del mio caso: io sono un lavoratore libero professionista e il mercoledì lavoro tutto il giorno ma, in previsione di questo test, ho chiesto la mattinata libera perdendo ovviamente dei soldi, ma avrei potuto farne a meno se avessero avvisato almeno una settimana prima.

E siccome non ho chiesto il pomeriggio libero, oggi io il test non l’ho potuto effettuare. Ma penso che anche altri studenti possano aver avuto altri problemi. Al presidio di Facoltà di FIlosofia mi hanno risposto che c’è stato un disguido e che io apparirò come "non presentato" e che pertanto dovrò ripetere il test ad inizio gennaio (sempre se non cambieranno la data il giorno prima).

Mi chiedo però se questo disguido debba essere pagato dagli studenti oppure debba essere riparato da coloro che l’han no creato, perlomeno mettendo un’altra data disponibile fra settembre e gennaio. Inoltro questa email perchè non sono questi i servizi che voglio avere dopo aver pagato appena 10 giorni fa ben 590 euro di tasse.

Cordialmente Roberto Curreri 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefania

    X DB: Hai proprio ragione, si salva solo Lui! Io una volta mi ero persa in via dei Caniana e il Rettore Prof. Stefano Paleari mi ha accompagnato personalmente all’uscita e ha insistito per offrirmi anche un caffè. Un ragazzo che conosco non capiva come compilare il piano di studi, poi è arrivato Lui e l’ha fatto al posto suo! Santa persona … E dire che qualcuno ha persino storto il naso quando ha scoperto che a Bergamo ci sono le tasse più alte d’Italia (ingrati)!

    1. Scritto da Fabio

      A Bergamo ci sono le tasse universitarie più alte d’Italia? Ma davvero?? Immagino tu abbia qualche amico alla Statale di Milano o di Brescia… informati bene! :-)
      Parliamo di media contributiva per studente: tutto sommato a Bergamo non siamo messi male rispetto ad altri atenei qui vicini (e non mi riferisco a IULM o Bocconi… chiaramente!)

      Ben diverso è il discorso sul rapporto tasse studente/finanziamenti statali… per il quale si era discusso a lungo credo un anno fa circa.

  2. Scritto da pippuzzo

    E’ anni che l’Università di Bergamo tratta gli studenti in questo modo: cambi di orari e di sede (spesso corredati da corse su e già per Città Alta). Perché non vi fate sentire come si deve?

  3. Scritto da franco

    Io sono ormai prossimo alla laurea ma questi episodi ci sono stati costantemente e senza alcun miglioramento almeno negli ultimi 5 anni, i professori e la segreteria semplicemente se ne fregano.
    Esami che cambiano data a una settimana dalla prova, lezioni annullate senza preavviso, orali con 100 persone chiamate senza alcun ordine e che alle 8 di sera dopo 12 ore in università si sentono dire che dovranno tornare il giorno dopo, sono la quotidianità.

    1. Scritto da Corrado

      Concordo in pieno su tutto ! A mia figlia in un anno il rinvio è già successo 2 volte. E una volta è stata dal mattino ad aspettare che la chiamassero e alle 18 le hanno comunicato di tornare il giorno dopo. PS: 590 € sono solo la prima rata….. L’università di BG è come l’ospedale: l’eccellenza. Ah ah ah ridicoli

  4. Scritto da MAURIZIO

    Ci vuole l’intervento del Rettore per far stampare il diploma di laurea. Normale. I docenti, le segreterie, i sindacati e tutto l’apparato hanno cose più importanti da fare : tramare, truccare i concorsi a norma di legge, fare convegni inutili, spartirsi i finanziamenti e il potere nell’ateneo, pubblicare testi inutili che nessuno legge, chiedere leggi a proprio favore. Non resta molto tempo per insegnare e per una qualche ricerca che abbia un briciolo di utilità. Cerchi di capirli.

    1. Scritto da Damiano

      Concordo pienamente!

    2. Scritto da Luigi

      Di preciso di cosa parli? tramare e truccare? Dove, quando e chi. Altrimenti le tue sono solo parole al vento. “non resta molto tempo per insegnare e per qualche ricerca che abbia utilita’”. Ma chi sei per giudicare il lavoro degli altri? Non ho mai letto tante stupidate tutte in un messaggio

      1. Scritto da Uhm

        Ah ah ah… la casta che rizza il pelo. Ah ah ah… Se l’università italiana richiede di interpellare un Rettore per la stampa del diploma di laurea, o per l’avviso dello spostamento di un test, qualche teoria l’ha azzeccata il sig. Maurizio…. Si penta dei suoi toni e faccia esame di coscienza!

        1. Scritto da Luigi

          La casta? ma manco sei chi sono! va che non sei sul blog di grillo! Non vedo come correlare il problema di uno spostamento di un test con “concorsi truccati” e “ricerche inutili”. Illuminami cittadino sveglio!!11!1

  5. Scritto da DB

    Ti consiglio di scrivere una mail direttamente al Rettore Prof. Stefano Paleari: io lo feci anni fa per un disguido legato al mio diploma di laurea (dopo 5 anni dalla tesi non l’avevano ancora fatto stampare…). Si è interessato personalmente e ha risolto la questione nel giro di pochi giorni, chiamandomi personalmente a casa per scusarsi e per avvisarmi di poterlo passare a ritirare. Gran persona.