BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tasi, il vicesindaco Gandi: “Tentorio e Facoetti hanno la memoria corta”

Al primo giorno di apertura degli sportelli di Palazzo Uffici per il pagamento della Tasi, l’assessore al bilancio e vicesindaco Sergio Gandi torna sull’argomento, rispondendo alle dichiarazioni del consigliere comunale Franco Tentorio e dell’ex assessore al bilancio Enrico Facoetti.

Più informazioni su

Al primo giorno di apertura degli sportelli di Palazzo Uffici per il pagamento della Tasi, l’assessore al bilancio e vicesindaco Sergio Gandi torna sull’argomento, rispondendo alle dichiarazioni del consigliere comunale Franco Tentorio e dell’ex assessore al bilancio Enrico Facoetti. “Il primo giorno di consulenza è trascorso in modo assolutamente sereno negli spazi di Palazzo Uffici, – spiega Gandi – più ampi e adeguati ad accogliere i servizi dei tributi. Ringrazio ancora una volta tutti i dipendenti comunali, a cui stamattina ho fatto personalmente visita, per aver completato a tempo di record il trasloco senza interrompere il servizio.”

“Siamo riusciti a proporre ai cittadini tanti servizi aggiuntivi – prosegue Gandi – che prima non c’erano. Non abbiamo modificato la scadenza del 16 ottobre per non confondere ulteriormente i contribuenti, già abbastanza confusi a maggio dalla spericolata scelta di Tentorio. Vorrei ricordare che, tra l’altro, è stato il deputato Pd Antonio Misiani a dare copertura giuridica al rinvio voluto dall’amministrazione scorsa, grazie a un ordine del giorno presentato alla Camera dei Deputati.” “Manderemo certamente i bollettini a casa nel 2015, come previsto dalla legge: – continua Gandi – le lacune del database di cui disponiamo e soprattutto i tempi stretti (se consideriamo che ci siamo insediati a fine giugno, con agosto di mezzo) non ce lo hanno permesso. Soprattutto riguardo questo secondo aspetto, l’amministrazione precedente ha avuto ben 5 mesi di tempo per predisporre un servizio adeguato e quello che ha saputo generare son stati i disagi di fine maggio in via Sora, nessun invio a domicilio e un rinvio al limite della legalità.” 2015, non solo bollettini a casa: “A Facoetti e Tentorio – dice Gandi – contestammo le detrazioni in misura fissa a tutti i contribuenti: non mi pare un sistema equo quello che non tiene conto delle differenze patrimoniali dei cittadini. Per questo motivo l’anno prossimo introdurremo un sistema di detrazioni sulla base delle rendite catastali. Avrebbe dovuto pensarci l’assessore al bilancio Facoetti, invece di chiedere a me, che qualche mese fa ero solo un consigliere d’opposizione, di riformare in questo senso la Tasi.” “Un’ultima considerazione sul mancato pagamento della Tasi per commercianti e imprenditori: – conclude Gandi – Tentorio e Facoetti hanno sempre saputo che il motivo per cui queste categorie sono esentate da Tasi sta nel fatto che su di loro già grava l’aliquota massima dell’Imu. Sarebbe una beffa anche solo poter considerare di far pagare anche la Tasi a queste condizioni.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luciano Avogadri

    Trovo stucchevoli questi commenti sulle tasse, come se dovessimo avere servizi gratis. Sarebbe molto meglio sprecare il tempo controllando che i soldi siano gestiti bene, e usati a fare le cose per le quali vengono richiesti.

  2. Scritto da Jacopo

    Gandi furbetto! Tentorio e Facoetti non stanno chiedendoti di cambiare la tasi ma di mantenere promesse che hai fatto in campagna elettorale. Sei tu che volevi la progressività d’imposta e niente hai fatto.

  3. Scritto da mah

    In campagna elettorale dicevano che avrebbero mandato i bollettini a casa per la scadenza di ottobre, ora dicono che li manderanno nel 2015! L’anno prossimo cosa si inventeranno?

  4. Scritto da edo

    “Il primo giorno di consulenza è trascorso in modo assolutamente sereno”.. forse è meglio riparlarne quando sarà il momento di mettersi in coda a pagare. Visto che i tanto promessi bollettini a casa non sono arrivati