BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Interviene per salvare il bassotto da un pitbull: donna ferita a Trescore

E' successo nella mattinata di mercoledì all'interno del parco "Le stanze" di Trescore Balneario, dove una cinquantenne del paese si era recata con il suo cane, un bassotto. Provvidenziale l'intervento della polizia locale e dell’accalappiacani, che ha catturato e portato via il pitbull

Interviene per salvare il suo bassotto dall’attacco di un pitbull e viene a sua volta aggredita. E’ successo nella mattinata di mercoledì 17 settembre all’interno del parco "Le stanze" di Trescore Balneario, dove una cinquantenne del paese si era recata con il suo cane, un bassotto.

All’improvviso un altro cane di razza pitbull è scappato dal recinto dell’abitazione in cui vive con il suo padrone, è entrato nel giardino pubblico e ha aggredito il bassotto. La sua padrona è allora intervenuta per difenderlo.

Il pitbull a questo punto ha mollato il bassotto e se l’è presa con la donna. Attimi di terrore per la cinquantenne che ha iniziato a urlare attirando l’attenzioni di alcuni passanti e di due agenti della polizia locale di Trescore che si trovavano in zona e sono intervenuti per difenderla.

Sul posto è giunto anche anche l’accalappiacani, che ha catturato e portato via il pitbull. E’ stato poi rntracciato il proprietario del cane, un 50enne del paese, che ora rischia una denuncia.

La donna è finita in ospedale, mentre la polizia locale sta tentando di rintracciare il suo bassotto che, spaventato, dopo l’aggressione si è dato alla fuga.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nicola

    D’ accordo con i vs.commenti,ma richiedo qualcuno sa se il bassotto aggredito,scappato, e’ stato ritrovato?
    Chiedo gentilmente alla redazione se ha notizie.

    Grazie e saluti a tutti.

  2. Scritto da nicola

    Ma il bassotto aggredito sapete se e’ stato ritrovato?

  3. Scritto da Vikingo62

    E’ innegabile che la responsabilità di questi eventi sia sempre da imputare al proprietario a prescindere dalla razza del cane. Ma dato che non si può vivere nel dubbio, i cani a mio avviso dovrebbero essere tenuti al guinzaglio e con la museruola. Mettetevi nei panni di un bambino che rimane con qualche “bella” cicatrice in faccia per tutta la vita. Ma qui, dove si sono persi i valori fondamentali, più dell’uomo contano cani gatti e orsi.

    1. Scritto da Mondo

      sulla storia che i cani vanno tenuti al guinzaglio sono daccordissimo con lei sulla storia della museruola proprio no!

  4. Scritto da Vikingo62

    E’ innegabile che la responsabilità di questi eventi sia sempre da imputare al proprietario a prescindere dalla razza del cane. Ma dato che non si può vivere nel dubbio, i cani a mio avviso dovrebbero essere tenuti al guinzaglio e con la museruola. Mettetevi nei panni di un bambino che rimane con qualche “bella” cicatrice in faccia per tutta la vita. Ma qui, dove si sono persi i valori fondamentali, più dell’uomo contano cani gatti e orsi.

    1. Scritto da Barba

      Incominciamo a insegnare ai bambini a non partire di corsa verso un cane e non mettergli le mani sul muso senza prima aver chiesto al suo padrone se è buono o cattivo! Ma dove sono finite le regole basilari dell’educazione? Anzi, dove sono finiti i genitori???

      1. Scritto da dani x

        e magari non lasciare mai soli i bambini con cani di grossa taglia: quando succede qualcosa di grave la colpa non è nè del bambino nè del cane ma solo e soprattutto dell’adulto che non ha
        sorvegliato. Questo lo dicono tutti i dog trainer ma intanto le cronache
        sono piene di casi del genere e avanti così.

  5. Scritto da michela

    Ma nel parco le stanze e divieto entrare con i cani!!! Come mai questo era dentro?

    1. Scritto da PEPERONEROSSO

      “Cara”,dovresti sapere che l’obbligo di custodia ricade sempre in capo al proprietario(non rilevando che il cane gli sia sfuggito in qualunque modo)Il fatto che la “malcapitata” non avvia osservato il divieto, nulla toglie alla responsabilità del primo (nemmeno è invocabile un concorso di colpa); semmai, potrà essere multata per l’infrazione al divieto.Più in generale,il cane avrebbe potuto aggredire chiunque: è per questo che ci sono le regole da rispettare nella conduzione degli animali

  6. Scritto da come mai

    Vivo in una provincia canadese,dove questa razza é interdita per legge, dopo che molte persone e animali erano stati aggrediti. non dobbiamo dimenticare che questa razza é la favorita dai rivenditori di droga e non per niente. Aggiungo pure che nei pet shop non si possono vendere cani e cose varie che parecchi in italia non se le sognano. Proprietari di animali é molto facile essere, ma non bisogna dimenticare che molti dovrebbero esser addomesticati nel tenerli.

  7. Scritto da beppe

    Lo si faccia sapere alla Giunta Pisapia, che a Milano ha emanato un regolamento che consente di portare i cani in chiese, musei, cinema, ovviamente alberghi, ristoranti…. a quando negli ospedali???? Basta con questa schiavitù, camuffata da “civiltà”! Tra un pò quando prenoteremo una pizzeria dovremo chiedere se accettano gli uomini!!

    1. Scritto da Claudio

      Ai clienti maleducati preferisco, di gran lunga, cani al guinzaglio educati!!

    2. Scritto da Barba

      Gentilmente potrebbe spiegarmi che fastidio può darle un cane in un museo? E addirittura in un hotel o in un ristorante?

      1. Scritto da beppe

        Con tutto il rispetto per il mondo animale, ribadisco il mio NO ad un cane che in un museo ti annusa i pantaloni e magari ti da una bella leccata, che al ristorante continua a ronzarti vicino e spruzza ovunque quello che gli mettono in ciotola. Poi entrare in una stanza d’albergo dopo che magari per 15 giorni “qualcuno” si è lungamente spulciato e leccato il sedere in ogni angolo proprio NO!!! Vuoi un cane? OK a casa, al parco o a spasso, se no prendi un canarino!!

        1. Scritto da Barba

          Scusi ma non capisco perché il mio cane in un museo dovrebbe venire ad annusarla e a leccarla? Potremmo dire lo stesso di tanta gente che al museo spinge, al ristorante urla eccetera. Le fa piacere invece entrare in una camera d’albergo dove 2 ore prima qualcuno si è leccato il sedere nel letto dove dorme? Come al solito si tratta di educazione e non di cani o non cani.
          Il canarino se lo prenda lei, io e il mio cane andiamo negli stessi posti se lei è misogino se ne stia a casa sua!

      2. Scritto da angelo m

        Ha chi piacciono i cani nessun fastidio,ha chi non piacciono possono darne .ci sono persone allergiche al pelo ci son quelli che an paura,io di cani ne ho 6 ma per rispetto di chi non li gradisce li porto nei campi dove sono piu felici che al museo o al ristorante

        1. Scritto da Barba

          Io ho un cane e non lo porto sempre a ristorante ma spesso, in ristoranti dove so che non rompe e dove non si rompe si. Non ci trovo nulla di male e non mi è mai capitato di aver discusso con chicchessia per fastidi causati dal mio cane. Viceversa mi è capitato di essere a fianco di tavolate urlanti, cafone e chiassose che mi hanno rovinato la cena. Va da sé che preferisco portarlo in un prato che non in un museo!

  8. Scritto da angelo m

    Non ci sono cani cattivi ,ma cattivi padroni

  9. Scritto da mario59

    Spero tanto che la signora aggredita sporga denuncia e che al padrone del pittbull venga a costare cara la sua mania di possedere un cane di razza violenta.

    1. Scritto da Luca

      Il pittbull NON è un cane di razza violenta. Tutto questo parlare solo per sentito dire e per etichettare pittbull ed altre razze come “violente” fa capire quanta gente ottusa ci sia al mondo!

      1. Scritto da De Che ?

        Fa anche capire quanta gente “fuori dal mondo” ci sia al mondo : per esempio lei . Negarne l’aggressività, particolarmente rispetto ad altri cani è veramente fuori dal mondo. Se poi non è aggressivo con lei padrone è tutto un altro paio di maniche , se permette esistono anche gli altri (umani e non ).

    2. Scritto da Barba

      Smettiamola di credere alle favolette dei cani di razza violenta, non esistono! Esistono invece i padroni incapaci ad accudire il proprio cane e questo diventa pericoloso, se poi è un cane massiccio diventa molto pericoloso. Ma la colpa è solo ed esclusivamente del padrone!

      1. Scritto da abc

        Ma piantatela voi.
        Vero che non si può genrallizare e demonizzare una razza rispetto ad un’altra, ma la natura è natura e la selezione cinofila pure.
        O volete dirmi che un Pitbull, piuttosto che un Rottweiler od un Pastore del Caucaso abbiano la stessa probabilità di diventare aggressivi rispetto ad un Golden Retriever, Labrador, Setter? E’ palese che anche un Setter può mordere, ma dire che non esistono razze più pericolose di altre è stucchevole.

  10. Scritto da danix

    adesso per il solito padrone p…la ci andrà di mezzo il cane. I pitbull
    se ben educati sono buoni animali ma è una razza IMPEGNATIVA e bisogna saperla governare, viceversa meglio un barboncino.
    Persone e cagnolini inermi che ci vanno di mezzo perchè c’è sempre il solito superficiale che vuole fare il figo con la razza da macho…ecchecavolo!

    1. Scritto da Clavae

      Quoto in pieno