BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

S’inaugura l’ampliamento della Scuola d’Arte Andrea Fantoni

Giovedì 2 ottobre si inaugura l'ampliamento della Scuola d'Arte Andrea Fantoni di Bergamo. Oggi la Scuola d'Arte Andrea Fantoni si occupa di istruzione superiore e ospita più di 600 studenti suddivisi tra Liceo Artistico, Centro di Formazione Professionale (indirizzo di operatore grafico e multimedia e indirizzo di design, operatore del legno e del disegno d'arredo), corsi post diploma sul restauro, corsi di specializzazione Ifts.

Più informazioni su

Dare spazio al futuro, questa in sintesi la motivazione che ha portato la Scuola d’Arte Andrea Fantoni a volere un nuovo e importante ampliamento della sede storica di via A Maj 35 a Bergamo, che verrà ufficialmente inaugurato il prossimo giovedì 2 ottobre alle 10.30. La scuola è una delle più antiche a Bergamo e ora è pronta per vivere un nuovo importante capitolo.

Nuovi spazi, un piano in più (il terzo), 9 nuove aule adatte a laboratori, e didattica anche multimediale grazie alla rete Wi-Fi estesa a tutto l’edificio. Oggi la Scuola d’Arte Andrea Fantoni si occupa di istruzione superiore e ospita più di 600 studenti suddivisi tra Liceo Artistico, Centro di Formazione Professionale (indirizzo di operatore grafico e multimedia e indirizzo di design, operatore del legno e del disegno d’arredo), corsi post diploma sul restauro, corsi di specializzazione Ifts.

"Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole chiave attorno alle quali tutti i corsi vengono da sempre costruiti – spiega il preside del Liceo Artistico Corrado Spreafico – per continuare su questa strada a vantaggio delle attività formative è stato giusto credere in questo importante e coraggioso ampliamento".

Nella Scuola Fantoni si sono formati grandi artisti, che spesso sono tornati come docenti.

Il contatto diretto con la materia e, in generale, con gli strumenti professionali sono le linea guida su cui si imposta il percorso formativo. L’apprendimento pratico è considerato utile strumento per lo sbocco professionale nel settore dell’arte: "Questo – spiega il direttore del CFP Mario Bossi – ancor più per le attività svolte negli indirizzi del Centro di Formazione Professionale saper fare, e fare bene, è mezzo di espressione e realizzazione personale e civile lo dimostrano gli alti numeri che registriamo relativi all’ingresso del mondo del lavoro al termine degli studi". Di particolare significato la intitolazione di un’ aula a Giuseppe Cividini, già allievo della Scuola e componente del consiglio direttivo dal 1972 al 1995. Dopo la sua morte la moglie Evelina Defendi Cividini e il figlio Paolo, hanno  continuato a sostenere la scuola.

2 OTTOBRE L’INAUGURAZIONE

giovedì 2 ottobre è prevista l’inaugurazione dell’ampliamento, la giornata sarà suddivisa in fasce orarie entro le quali la Scuola Fantoni ospiterà diversi tipi di pubblico e utenza. Alle ore 10.30 un momento ufficiale alla presenza della autorità civili e religiose e alla presenza della stampa. Nel pomeriggio sono in programma visite guidate a piccoli gruppi per orientatori delle Scuole Secondarie Inferiori e per genitori degli allievi. La sera un momento conviviale per il personale della scuola.

L’AMPLIAMENTO DELLA SEDE

I lavori di ampliamento della sede – iniziati nel maggio del 2013 e ormai conclusi – hanno portato ad un importante ampliamento la storica sede della Scuola d’Arte A. Fantoni di via A. Maj, che qui è nata ed è cresciuta a partire dai primi anni del ‘900. La nuova sede si presenta dunque più bella luminosa e soprattutto spaziosa con un nuovo (terzo piano) 9 nuove aule e laboratori che consentiranno di migliorare ulteriormente la dotazione di spazi adatti ad un’attività formativa di stampo artistico e creativo: laboratori multimediali, di restauro, di materie artistche. L’investimento complessivo è stato di 2 milioni di euro. Il progetto ha integrato sapientemente i nuovi spazi con l’edificio storico.

La nuova zona è caratterizzata infatti da grandi superfici vetrate che creano un suggestivo contrasto con la struttura preesistente caratterizzata da colonne in pietra e graffiti. 3 delle nuove aule infatti sono poste all’ultimo piano e sono dotate di pareti a vetri che consentono una spettacolare vista su Città Alta, ma sono anche dotate di pareti mobili e si possono trasformare in un unico ambiente capace di ospitare fino a 120 persone per incontri e conferenze. Tutti gli spazi sono adatti alla didattica multimediale consentendo una piena connettività. L’Agorà interna, utilizzata per mostre incontri e manifestazioni, è il cuore pulsante attorno al quale si sviluppa tutta l’attività della scuola e da essa con uno sguardo è facile percepire i tre piani dell’edificio.

LA STORIA

L’edificio sede della Scuola Fantoni viene eretto in Via Angelo Maj nel 1911, con una spesa complessiva di 17.997 lire. Enti pubblici ed aziende, ma anche molti privati, offrono un contributo per la sua realizzazione, e molti artisti fanno pervenire le loro opere che vengono destinate ad una mostra-lotteria che contribuisce alla raccolta dei fondi necessari. L’inaugurazione ufficiale avviene l’8 maggio del 1911. Il Progetto dell’edificio è opera dell’Ing. Elia Fornoni, che è anche Direttore della Scuola Fantoni, il quale afferma in una seduta del Consiglio Direttivo: ‘L’anno scolastico 1911-12 segnò un gran passo nella nostra Scuola perché potemmo affermare di essere finalmente a casa nostra’.

A soli due anni di distanza, si evidenzia la necessità di un ampliamento dell’edificio scolastico. E già nel 1915 questo primo ampliamento è cosa fatta: i lavori, eseguiti su disegno dell’Ing. Fornoni per la parte muraria e del Prof. Domenighini per quella decorativa, permettono di aprire il nuovo anno scolastico in spazi più adeguati, quali un’aula specifica per l’insegnamento delle arti plastiche. Nel 1921 viene avviato un nuovo ampliamento, che viene completato con l’esecuzione da parte degli allievi della scuola dei graffiti che ancora oggi decorano le pareti esterne. L’8 giugno del 1924 si celebrano i 25 anni di attività della Scuola e contemporaneamente vengono inaugurati i nuovi locali.

Nel 1928, in relazione al continuo sviluppo della Scuola, si rende necessario un nuovo ampliamento con la creazione di nuovi ambienti. Il progetto viene realizzato dall’Ing. Dante Fornoni, figlio dell’Ing. Elia Fornoni, e i lavori vengono ultimati nel 1929. Dalla primitiva costruzione del 1910, in soli venti anni l’edificio viene ampliato tre volte, ed ormai il suo aspetto esterno, da Via Angelo Maj, è molto simile a quello di oggi. Nei decenni successivi interventi di adeguamento ed ampliamento consentono una progressiva razionalizzazione degli spazi, in particolare nel periodo che va dal 1969 al 1992, con la presidenza dell’Ing. Carlo Coltri e del Prof. Riccardo Panza. Nel 2005 è stata creata nella zona posteriore dell’edificio una nuova ‘ala’, che comprende un laboratorio e quattro grandi aule. Questa nuova zona è collegata al corpo principale dell’edificio da due elementi leggeri e trasparenti, ed è qui che si sviluppa una sorta di ‘agorà’ a doppia altezza con funzione di aula magna e spazio espositivo Nella sua storia la scuola ha ospitato più di 20.000 allievi, per molti di loro grazie anche ad un’attenta analisi dei bisogni del territorio attuata dalla Scuola, il percorso formativo si è concluso positivamente con l’approdo al mondo del lavoro.

I NUMERI DELLA SCUOLA D’ARTE

Il numero studenti a fine corso (corsi annuali): dal 2002 ad oggi il numero degli allievi è più che raddoppiato. Notevole l costante aumento degli allievi del CFP, soprattutto dal 2009 in poi. Nell’anno 2014-2015 la scuola ospiterà 654 studenti, 490 al CFP. Esiti occupazionali: a 12 mesi dalla fine del proprio percorso il 92% degli allievi che hanno seguito il corso di operatore grafico e multimedia e di operatore e tecnico del legno ha trovato lavoro e proseguito gli studi (3 anni); il 74 % dopo il corso di Tecnico GRafico (4° anno), il 72% dopo il corso di Tecnico del Legno (4° anno), il 79% dopo il 5° anno con il diploma di grafico; il 77% dopo il 5° anno al Liceo Artistico (anno 2012-2013 Sin dal 2009 la Scuoa Fantoni è accreditata anche per l’erogazione di servizi al lavoro. Grazie alla Dote Unica Lavoro nei mesi scorsi è stato aperto uno sportello di accompagnamento pensato per gli ex allievi (4° e 5° anno) che negli ultimi due anni hanno avuto difficoltà a trovare lavoro. Questo trova perfetta integrazione con le volontà dell’Unione Europea e del Miur nell’ambito del progetto "Garanzia Giovani".

In questo percorso è previsto un tirocinio di 6 mesi per 8 ore a 400 euro, più eventuali aggiunte da parte dell’azienda. L’affiancamento di un tutor specializzato che svolge attività di coaching, di orientamento e formazione Il rapporto con il tessuto imprenditoriale: nell’ultimo anno oltre 180 aziende hanno collaborato per la realizzazione di tirocini formativi ospitando gli allievi della scuola. Il 95% di queste aziende dopo la prima esperienza di stage dà la disponibilità ad accogliere studenti della Fantoni anche in anni successivi. Successo formativo: elevata è la percentuale di allievi che raggiunge il successo formativo al termine di ogni annualità del percorso formativo. La bassa dispersione scolastica è indice di capacità d positivo orientamento in ingresso, di motivazione degli allievi, di personalizzazione, di effettive azioni di recupero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.