BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Progetto “Art up” alla Banca Popolare mostra di Robert Barry

Nell’atrio della sede centrale di piazza Vittorio Veneto, Banca Popolare si potrà osservare sino a giovedì 2 ottobre la mostra di Robert Barry, prestigioso esponente del Concettualismo internazionale. La proposta rientra nel progetto “Art up”, iniziativa culturale promossa dall’istituto di credito bergamasco.

Più informazioni su

Nell’atrio della sede centrale di piazza Vittorio Veneto, Banca Popolare si potrà osservare sino a giovedì 2 ottobre la mostra di Robert Barry, prestigioso esponente del Concettualismo internazionale.

La proposta rientra all’interno di “Art up”, iniziativa culturale promossa dall’istituto di credito bergamasco e finalizzata alla conoscenza del proprio patrimonio artistico. Grazie a questo progetto, ogni mese un’opera d’arte diversa facente parte della collezione della banca e verrà esposta al pubblico nella sede centrale. Non si tratta di una semplice presentazione, ma di un vero e proprio “invito” alla lettura e alla fruizione tramite schede storico-critiche illustrate e collezionabili, realizzate per l’occasione dallo storico dell’arte Enrico De Pascale, Curatore responsabile della collezione.

Con il progetto “Art up” vengono così rese visibili opere d’arte antica e contemporanea normalmente “inaccessibili” perché ubicate negli uffici, nelle filiali, nei caveaux della banca. La collezione d’arte della Banca, che assomma diverse centinaia di opere di età compresa tra il XIV e il XXI secolo (dipinti, sculture, disegni, fotografie, stampe, ecc.), si è formata nel corso di quasi centocinquant’anni, intrecciando le proprie vicende con quelle della Banca stessa, fondata nel lontano 1869. Una raccolta ampia e variegata capace di coniugare l’attenzione per la produzione artistica locale e nazionale – da Baschenis a Fra’ Galgario, da Piccio a Manzù, da Ghirri a Boetti – con l’interesse per le proposte più sperimentali della scena internazionale: da Kapoor a Buren, da Armleder a Gillick, da Halley a Yan Pei Ming. Una varietà di opzioni linguistiche ed espressive che è frutto di precise scelte collezionistiche orientate a rappresentare al meglio il complesso e articolato panorama della cultura artistica passata e contemporanea.

Il direttore generale di Banca Popolare di Bergamo Osvaldo Ranica dichiara: “Prende avvio lunedi 15 settembre il nono appuntamento del progetto “Art up”, che, sino al 2 ottobre, prevede l’esposizione di un lavoro di Robert Barry (New York 1936), prestigioso esponente del Concettualismo internazionale. Un nuovo ritrovo per consentire ai nostri clienti e a tutti gli appassionati d’arte di conoscere da vicino le opere, in questo caso di arte contemporanea, della collezione della nostra Banca”.

Il radicalismo delle ricerche concettuali di Barry si è spinto sino a immaginare opere che non avessero un corpo fisico ma che prendessero “forma” nella mente e nell’immaginazione dell’osservatore. Molti dei suoi progetti indagano infatti la questione di “cosa” sia e “dove” sia effettivamente l’opera d’arte. Le sue opere verbali, composte da frasi o singole parole -di cui Almost personal è una testimonianza significativa- hanno l’obiettivo di innescare in chi guarda un processo intellettivo e conoscitivo. Quanto rielaborato dalle nostre capacità riflessive sotto lo stimolo delle parole dell’artista costituisce infatti parte integrante dell’opera, che si configura così come opera “aperta”, in continuo e incessante rinnovamento.

Uno degli episodi più rappresentativi della carriera di Barry risale al 1969 quando, per una mostra personale alla galleria Art Project di Amsterdam, si limitò ad affiggere sulla porta l’avviso: “L’esposizione rimarrà chiusa per tutta la durata della mostra”, con la galleria effettivamente chiusa. Nelle sue installazioni l’accento è posto sulla “spazializzazione” delle parole e sulla relazione tra parola e spazio. Ogni parola è scelta in base alle situazioni e ai luoghi per cui l’opera è concepita.

Recentemente l’artista è intervenuto sui muri degli uffici della Bsi di Lugano, applicando parole di grande formato e fortemente evocative composte di lettere specchianti. In tale occasione Barry ha dichiarato: “Spero che le parole possano conferire un significato nuovo e dinamico all’ambiente. Desidero che comunichino o si rivolgano all’osservatore in tutte le loro possibili accezioni”. Nel 1967 l’artista abbandona definitivamente la pittura e inizia a sperimentare materiali non convenzionali e quasi impercettibili, quali fili di nylon intrecciati, onde radio inudibili dall’uomo, raggi radioattivi (Radiation Pieces), gas dissolti nell’aria dello spazio espositivo (Inert Gas Series) puntando alla smaterializzazione dell’opera d’arte, della sua oggettualità. Dal 1968 realizza le prime opere il cui materiale è costituito dal linguaggio, parole, frasi, espressioni verbali, affermandosi come uno dei più originali esponenti del concettualismo internazionale accanto a Joseph Kosuth, Lawrence Weiner, Art & Language. In occasione di una collettiva alla Kunsthalle di Düsseldorf (Prospect 69) il suo intervento si è limitato all’intervista pubblicata in catalogo. Nelle sue intenzioni l’opera consisteva tanto nell’intervista quanto nei pensieri che essa avrebbe suscitato nei lettori. Ha partecipato, tra l’altro, alle mostre Documenta V a Kassel (1972), 1965-1986; Reconsidering the Object of Art, The Museum of Contemporary Art, Los Angeles (1986); The artists of the Castelli Gallery 1957-97; Forty years of explorations & innovations, Leo Castelli Gallery, New York (1998); Less Is More, Pictures, Objects, Concepts From The Collection and Archive of Herman and Nicole Daled, Haus der Kunst, Munchen, 2010.

Banca Popolare di Bergamo, appartenente al Gruppo UBI Banca, opera attraverso 358 sportelli nelle province di Bergamo, Varese, Monza e Brianza, Como, Lecco, Milano, Brescia e Roma. Fondata nel 1869, la banca ha costantemente svolto il ruolo di Istituto di riferimento per il territorio in cui opera, distinguendosi per il sostegno all’economia locale e per le iniziative di carattere sociale e culturale. La sede centrale della Banca Popolare di Bergamo è in piazza Vittorio Veneto, 8. L’esposizione si potrà vedere dal lunedì al venerdì, dalle 8.20 alle 13.20 e dalle 14.40 alle 16.10.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.