BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovi parcometri in città La novità: si può pagare anche con carte di credito

Bergamo diventa più smart. Dopo l'app che ha rivoluzionato il pagamento dei biglietti del bus, Atb ha presentato i nuovi parcometri che andranno a sostituire le 130 colonnine presenti in città. L'investimento della società rappresenta un notevole passo avanti: i nuovi dispositivi permettono infatti di pagare la sosta con carta di credito e bancomat.

Più informazioni su

Bergamo diventa più smart. Dopo l’app che ha rivoluzionato il pagamento dei biglietti del bus, Atb ha presentato i nuovi parcometri che andranno a sostituire le 130 colonnine presenti in città. L’investimento della società rappresenta un notevole passo avanti: i nuovi dispositivi permettono infatti di pagare la sosta con carta di credito e bancomat. Inizialmente il servizio entrerà in funzione nei 20 parcometri del centro, poi verrà esteso nel resto della città nei primi giorni di ottobre. Niente più scarpinate per cercare spiccioli.

Dal punto di vista pratico non serve digitare alcun codice: la carta viene inserita nell’apposita fessura sul fronte del parcometro, e ad ogni pressione del tasto “azzurro” sul display si potranno verificare l’importo ed il tempo acquistato.  Premendo il tasto “rosso”, l’operazione potrà essere preventivamente annullata.  Digitando invece il tasto “verde,” l’operazione verrà avviata. Sul display apparirà l’indicazione della connessione con l’istituto di credito, al termine della quale la carta di credito verrà estratta e sarà emesso automaticamente il biglietto. Il parcometro emette anche la ricevuta della transazione bancaria. Un sistema semplice, sicuro (non è richiesto alcun codice), garantito dal sistema bancario, senza alcun costo aggiuntivo per l’utente. E per il futuro i servizi potrebbero essere estesi: le tecnologie informatiche di ultima generazione utilizzate nelle nuove colonnine fanno sì che, oltre al pagamento della sosta, il dispositivo possa essere abilitato a svolgere numerose funzioni di carattere smart: informazioni e acquisto del biglietto dell’autobus, il pagamento delle sanzioni, delle bollette, dei permessi ZTL occasionali.

“Sono parcometri di ultima generazione – spiega il direttore Atb Gianni Scarfone -. Il pagamento della sosta, che si aggira sui tre milioni di euro all’anno, permette di procurare risorse per migliorare i servizi”. “E’ un investimento che rende moderna la città – commenta il neo presidente Atb Alessandro Redondi -. Offriamo ai cittadini una possibilità completa, anche grazie allo sviluppo dell’app Ios e Android. Si può fare sempre meglio”. Soddisfatto anche l’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni: “La Smart mobility è fatta di determinati passi e l’app è stata la cosa più importante accaduta negli ultimi anni. Ora passiamo ai parcometri e nei prossimi mesi metteremo le emettitrici di biglietti sui bus. L’obiettivo è ridurre il più possibile i disagi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marino

    “Un sistema semplice, sicuro (non è richiesto alcun codice)” mi sembra paradossale questa affermazione….. Direi che normalmente sono più sicuri gli accessi dove bisogna digitare delle password… Valli a capire, ‘sti geni del progresso. Ci sorprenderanno anche stavolta, quando troveremo il conto svuotato da qualcuno che ha clonato le carte e i bancomat….

  2. Scritto da Andrea

    Che bello leggere i commeti dei miei concittadini sempre entusiasti delle novità!. Rimaniamo alle monetine che è molto più bello e più pratico sentire i soldi fra le mani ed avere 2 etti (di monete) in tasca!…sempre sempre sempre sempre a lamentarsi…che amarezza

  3. Scritto da Renato

    Che contentezza, liberi di pagare come vogliamo. Ma sempre pagare dobbiamo.

  4. Scritto da nico

    …se poi questi parcometri evoluti oltre a darti il tagliando del parcheggio e la ricevuta della transazione bancaria fornissero anche biglietti per l’utilizzo dei mezzi pubblici ATB sarebbe un vero passo avanti (e senza andare chissà dove per prendere spunto a vicenza il biglietto del bus è gratuito – o prezzo ridotto- in automatico insieme al tagliando della sosta…ma da parecchi anni)

  5. Scritto da baz

    e con questo finalmente abbiamo una cosa che in nord america esiste da 10 anni…
    finalmene almeno hanno speso i soldi per una cosa sensata e dutile, non per le inutili modalità di pagamento “tramite app” e amenità simili…

    1. Scritto da Aladino

      Sì, finalmente paghiamo senza quasi accorgercene: che sollievo! Alà cor!

  6. Scritto da magister

    Parcometri ultima generazione, smart mobility, la nuova app, notevole passo avanti, che bello “tasto azzurro” oppure “tasto rosso”, oppure “tasto verde e via al display” e ti colleghi alla banca, che bello pagare sembra una cosa cosi pulita e leggera!! Grazie ai professionisti del linguaggio mi ritroverò più povero ma partecipe del futuro e che importa se alzeranno i prezzi, mi sentirò comunque moderno! Grazie siete proprio buoni.

    1. Scritto da Aldo

      Si potrà pagare anche con le carte di credito. Anche. Tu continua a pagare con le monetine.

      1. Scritto da Marino

        E il costo per l’aggiornamento delle “macchinette” con lettore di badge in carico a chi sarà? Mah…..